Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [12/11/2019] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Raccontami, o Musa... scadenza 2019-11-15    Nika Georgievna Turbina 1974 - 2002 scadenza 2019-11-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

La storia di Rossella e dei quattordici schiaffi
di Milena Esposito
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 7387
Media 79.38 %



Dei più remoti che aveva avuto da bambina, non ne aveva più ricordo. Ma da quando sua madre le diede quello che prese per essere uscita con Andrea, cominciò -e credetemi non so il perché - a contarli.
“E uno!”. Si disse Rossella e si chiuse nella sua stanza, sbattendo la porta.
Passarono un paio di mesi e ricevette il secondo: “e due!”; contò Rossella. Questo secondo, però bruciava molto di più del primo e lo ricevette proprio da Andrea quando cominciava a piacere anche a sua madre, ma difficilmente i gusti tra madre e figlia coincidono, anche se ci sono sempre le eccezioni.
Ed, infatti, fu allora che Rossella pensò che Mario non le avrebbe mai dato uno schiaffo. Ma si sbagliava: in capo ad altri due mesi, proprio Mario - ex compagno di sua madre - le diede il terzo.
Fu, quando Rossella, per farsi una doccia, dimenticò sul comodino di Mario, il cellulare zeppo di messaggini di Elio. “E tre!”. Contò Rossella e, rivestendosi, uscì dalla casa di Mario per dirigersi da Elio, mentre Mario sbraitava qualcosa che terminava con: ... di tua madre.
Elio era il suo datore di lavoro; e Rossella, di solito, lo chiamava il dottor Rinaldi.
Il dottor Rinaldi, affermato dentista, aveva uno studio in Via Condotti.
Da circa quindici giorni, Rossella aveva iniziato a lavorare per lui e subito il dottor Rinaldi l'aveva riempita di attenzioni.
Elio Rinaldi era quello che solitamente si definirebbe un buon partito ed era anche un uomo intraprendente.
Aveva uno di quei sorrisi tipici da dentista: un sorriso aperto, convincente e bianchissimo.
Sembrava la pubblicità ambulante di un dentifricio.
Rossella, però, pur non gradendo le sue attenzioni, non poteva cancellare i suoi messaggi dal cellulare.
È che – credetemi- li trovava divertenti.
Ed, infatti, lo erano; peccato che Mario non avesse un buon senso dell'umorismo, altrimenti ne avrebbe sorriso anche lui e probabilmente non le avrebbe dato quello schiaffo.
No, ma pensateci, come si fa a non divertirsi leggendo: “Sul tuo cellulale abbiamo lilevato un vilus inteldentale cinese ad alto lischio. Se non sollidelai pensandomi, il cellulale non ti squillelà mai più.”?
Rossella andava da Elio, anche perché era l'ora di aprire lo studio.
Certo non si sarebbe mai aspettata d'incontrare la persona che incontrò.
Beh, non che fosse proprio un incontro, per essere più precisa dovrei descriverlo come uno scontro, perché di questo si trattò.
Infatti, la prima paziente – certo credo che dovrò cercare un sinonimo- giunse poco dopo allo studio, ma il dottor Rinaldi, ancora non si vedeva.
La paziente, una vecchina con un golfino rosa, si spazientì subito e cominciò a sbraitare contro Rossella, la quale commise l'imprudenza di avvicinarsi troppo e così si beccò l'inaspettato quarto schiaffo.
“E quattro!” disse fra sé, Rossella, ma ne dovette contare altri tre prima che arrivasse il dottor Rinaldi per ripristinare l'ordine e la calma. La vecchina con il golfino rosa divenne tutta un sorriso-dentiera alla vista del dottorino ed insieme a lui –sottobraccio– entrò nell'ambulatorio.
A Rossella non restò che dirsi: “e sette!”.
Fu a quel punto che nella sua testa balenò un motto: “dente per dente!”. Forse l'influenzò il fatto di trovarsi in uno studio dentistico, forse fu per puro caso che iniziò a riflettere sul fatto di avere sviluppato una gran faccia da schiaffi, certo è, che -vi assicuro- Rossella cominciò a tramare vendetta.
Tramava così bene che appena la vecchina con il golfino rosa ed il sorriso-dentiera uscì dall'ambulatorio, Rossella le mollò subito tre schiaffetti (in verità poco più che buffetti), che comunque alla malcapitata dovettero sembrare un vero e proprio attentato.
“E tre!” urlò con un super sorriso Rossella, mentre la vecchina si rifugiava tra le braccia del dottor Rinaldi.
Poi Rossella si diede alla fuga – mi sono sempre chiesta perché si dica così, mah, comunque-.
Percorse tutta la strada a ritroso e tornò da Mario.
Non potete immaginare la sua gioia, quando a casa di Mario trovò anche sua madre.
Prese a sberle i due piccioni con una mano.
“E quattro! E cinque! E sei!” urlava, ma prima di dare il settimo si ricordò di Andrea.
Il primo amore -è proprio vero- non si scorda mai e allora uscì da quella casa-alcova e si diresse speditamente verso l'abitazione di Andrea.
Il fato volle che Andrea si trovasse altrove.
(Questo serve a me ad avere più tempo per trovare un finale decente!).
E così Rossella cercò altrove ed anche in altri posti vicini e lontani, conosciuti e sconosciuti, ma di Andrea non v'era traccia.
Non c'era nemmeno un indizio e -pensate- il cellulare le diceva che: “l'utente da lei chiamato non è al momento raggiungibile...”.
Questa cosa faceva andare in bestia Rossella e più di ogni altra cosa le prudevano le mani.
Una bestia con le mani che prudono -si sa- può diventare anche molto pericolosa e Rossella forse lo era o avrebbe potuto esserlo, sennonché...Rossella vide Andrea.
Andrea era di spalle, ma Rossella era certa che fosse lui.
Andrea nascondeva un fascio di fiori dietro la schiena e quindi era ben visibile da Rossella.
E, infine, Andrea era sotto casa di Rossella.
In quel preciso momento a Rossella venne in mente il motivo dello schiaffo preso da Andrea.
Il motivo –so che voi vorreste saperlo almeno quanto vorrei saperlo io- non era certo un futile motivo, ma era sicuramente un motivo molto valido.
Tanto da fare ammettere alla stessa Rossella di aver avuto torto marcio -anche di questo aggettivo mi sono sempre chiesta il perché-.
Lei rivide davanti ai suoi occhi tutta la scena, ma ahimè senza audio e accettò d'aver avuto torto.
Fu in quel momento che decise di avvicinarsi alle spalle di Andrea.
Ma Andrea, che aveva sempre avuto i riflessi pronti, sentì una sospetta presenza alle sue spalle e si voltò di scatto, mollando a Rossella un sonoro ceffone.
Rossella fece un rapido calcolo ed esclamò in cuor suo: “e quattordici!”.
Poi siccome si sa che quando le donne sono felici piangono, Rossella si mise a singhiozzare e Andrea, avendola riconosciuta, si profuse in un mare di scuse e le offrì i suoi fiori.
In quel preciso istante i loro sguardi s'incrociarono - e successe quel che doveva succedere, cioè, va be’, i due si baciarono- e vissero per sempre felici e contenti!

© Milena Esposito



Recensioni ed articoli relativi a Milena Esposito

Nessun record trovato

Testi di Milena Esposito pubblicati su Progetto Babele

(1) La storia di Rossella e dei quattordici schiaffi di Milena Esposito - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2008-03-09
VISITE: 14795


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.