Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    Dopo quindici anni, chiude la rivista Segreti di Pulcinella (ma resta il BLOG) (03/05/2018)    [10/12/2018] 6 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Un racconto da leggere insieme scadenza 2018-12-15    Riscontri letterari scadenza 2018-12-15    Antonio Mesa Ruiz scadenza 2018-12-15    SS. Faustino e Giovita scadenza 2018-12-15    Ritratti di Poesia.280: la poesia all’epoca di Twitter. scadenza 2018-12-20    Concorso Letterario Tre Colori scadenza 2018-12-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    La Rocca dei Poeti - IV edizione Festival di poesia (FESTIVAL 2018-12-15)    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Epiphaino di Guglielmo Campione     Fermento di Falesia di Stefano Giannotti     Guida ai cantautori italiani - Gli anni Settanta di Mario Bonanno     Epiphaino di Guglielmo Campione     Nuda Poesia (Poésie Dénudée) di Greta Cipriani    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Angolo di SImone
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
48 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
11 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

La città sul confine del tempo
di Marco R. Capelli
Pubblicato su PB SPECIALE ESTATE


Ascolta il file Ascolta la versione audio di questo racconto!
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 6843
Media 79.66 %



L’uomo vestito di nero si appoggiò ad un muro che ancora si ostinava a trattenere il calore del giorno trascorso e sollevò il collo della giacca leggera. Un vento freddo e costante soffiava ora dal deserto al mare, trasportando lontano finissime sabbie rosate.
Socchiuse gli occhi scuri e lunghe rughe sottili si disegnarono sul volto bruciato dal sole. Il luogo gli era sconosciuto, eppure, non avrebbe saputo spiegarsi per quale motivo, famigliare.
Non riusciva a ricordare come vi fosse arrivato, ma, in verità, non gli importava.

Lentamente riprese a camminare lungo lo stretto vicolo. Oltre i muri che lo circondavano, fra alti palmizi incurvati dagli anni e padiglioni crollati, dormivano i resti di antichi giardini. In singolare contrasto le case di pietra gialla, con le loro finestre ad arco moresco ed i tetti piatti, sembravano essere state risparmiate dal tempo, ma nessun bambino giocava sotto i solitari androni e solo il vento muoveva le loro porte scolpite. Ovunque, l’unico rumore era quello del vento che sussurrava attraversando le finestre spalancate e scuoteva le larghe foglie dei datteri.
Non una voce d’uomo, non un pianto di fanciullo, né un sospiro d’innamorati.
Solo quel suono doloroso, un odore secco e penetrante di polvere e mare ed il ritmico battere dei suoi passi sui ciottoli.

Motivi geometrici ripetuti all’infinito lo circondavano, rincorrendosi sulle facciate, incorniciando volti e portoni, sottolineando le ardite geometrie di torri e minareti crollati. Sempre uguali e sempre sottilmente diversi, gli affreschi sbiaditi catturavano lo sguardo dell’uomo. Pensieri alieni ed indefiniti gli danzavano dolcemente nella mente, fondendosi gli uni agli altri in morbide volute di puro colore. Improvvisamente, con un’ultima secca svolta il vicolo finì e con esso la lunga teoria di dipinti. Un'alta torre sbarrava ora la strada e sotto di essa si apriva un volto attraverso il quale filtrava un raggio di sole. All’uomo vestito di nero sembrò di risvegliarsi da qualcosa di simile ad un lungo sogno.

Rialzò la testa, chinata per attraversare l’angusto passaggio, e si trovò in una piccola piazza semicircolare, dilatato incrocio di viuzze strette e deserte su cui si affacciavano alte case dal tetto piatto e piccole finestre oscure ed allungate. Nel centro approssimativo di quello spazio angusto stava un abbeveratoio grezzamente scolpito in un unico blocco di pietra grigiastra. Alla vasca era avvinghiato un mostruoso essere di marmo dalla cui bocca spalancata stillava, goccia a goccia, limpida acqua di fonte. L’essere, i cui lineamenti levigati dai secoli dovevano essere stati un tempo quelli di un angelo o di un demone, era stato scolpito dal suo dimenticato creatore nell’atto di compiere un titanico sforzo. L’uomo vestito di nero osservò i muscoli spaventosamente tesi ed i tendini delle spalle e del collo eternamente sul punto di spezzarsi, ma non riuscì a capire se la strana creatura stesse cercando di fare a pezzi la pietra cui si afferrava o piuttosto di svellerla dalla sua pesante base per gettarla lontano.
Si sedette sul bordo della fontana. Qui, restò per lungo tempo in silenzio ad ascoltare il pigro gorgogliare dell’acqua. Poi allungò la mano verso il solco nero che quell’eterno fluire aveva scavato nella viva pietra. Fu con dolore che si ritrasse da quel tocco gelido.

Un suono, simile ad un lieve sospiro, lo carezzò dolcemente. L’uomo si volse per vedere da dove provenisse e s’accorse, senza stupore, di non essere più solo. Dall’alto dei cornicioni istoriati lo fissavano, con poveri occhi corrosi dal tempo, lunghe teorie di statue bianche. Una grande pietà lo colse allora per quegli strani guardiani, immobili, costretti a contemplare con orbite vuote le vie silenziose, i poveri bazar polverosi, l’eterno, inutile, ripetersi di giorni e stagioni. Fino al momento in cui sarebbero diventati anch’essi polvere nella polvere.

Guardò verso il cielo, limpido azzurro che già, ad Oriente, cedeva alle tenebre.
Non un uccello, non una nuvola.
Di fronte a lui i riflessi sanguigni del sole ormai basso disegnavano contro il cielo la sagoma, altissima e lontana, di un minareto.

Si alzò di scatto e riprese a camminare, sempre più velocemente, poi a correre, attraversando le corti abbandonate, perdendosi fra le rovine ed i giardini.
Sapeva di dover arrivare prima che il giorno morisse.

L’uomo vestito di nero ansimava quando raggiunse la porta divelta della sottile torre, ed il cielo era sempre più scuro.
Le scale all’interno salivano senza che se ne potesse vedere la fine, avvitandosi nel vuoto verso il cielo lontano. Gli scalini di legno odoravano di antichi ricordi e l’eco di voci perdute sibilava tra le tavole sconnesse. Più forte ad ogni passo lo poteva udire, così che gli pareva talvolta di distinguere parole, parole antiche, d’amore e di morte. E poi grida, grida altissime, che più saliva e più si facevano cupe e rabbiose e lo assalivano da ogni direzione, facendolo vacillare e spingendolo verso il vuoto. Ma l’uomo vestito di nero continuò a salire. Passo dopo passo, stringendo gli occhi e strisciando contro la ruvida roccia, chinando il capo ed incespicando sulle tavole sconnesse. Continuò a salire, sempre più in alto. Fino a che tutto non fu solo un boato assordante.

Quando si appoggiò al basso muro sbrecciato che cingeva la sommità della torre, il respiro stentava ad uscire ed il suo magro corpo sudato tremava violentemente, scosso dal freddo vento del deserto.

Sotto di lui si stendeva la città, enorme ed immobile. Tutte le case di pietra gialla, i riflessi rossi della sera e le ombre nere che si allungavano lentamente.
Ad Oriente, là dove cominciava la notte, l’Oceano infinito, oscuro e schiumoso, si andava ricoprendo di nebbie dense e misteriose. Ad Occidente vide le mura crollate e già ricoperte dalle sabbie sottili. Più oltre il deserto, distesa ferma e screziata di lucide ombre, sfumava attraverso infiniti colori dal rosa al rosso di sangue dell’orizzonte, là dove il giorno moriva sotto un cielo cremisi.

Fino a dove poteva spingere lo sguardo, non un segno di vita. Non un fumo lontano, non un cormorano affamato, non un falco appostato in agguato, solo quel cielo infuocato ed il mare tenebroso, solo l’immenso deserto.
Non gli riusciva neppure di respirare davanti a tutto quel nulla, ma sapeva, ora sapeva, che nulla di ciò che aveva davanti era reale.

L’uomo vestito di nero si guardò le mani, belle mani, forti di nervi e tendini guizzanti sotto la pelle scura, e quasi non riuscì a credere di essere soltanto un sogno, il piccolo sogno di un piccolo uomo addormentato, destinato a svanire con la prima luce dell’alba.

Tuttavia la cosa parve divertirlo, si raddrizzò ignorando il soffio gelido e sibilante del vento, guardò ancora una volta la linea dorata dell’Orizzonte ed un breve sorriso si disegnò sul volto duro, per un istante. O forse, fu solo un’ultima ombra scolpita dal sole morente.

Poi venne la notte.

© Marco R. Capelli



Recensioni ed articoli relativi a Marco R. Capelli

(1) Il Gigante di Marco Roberto Capelli- Il Parere di PB
(2) Nuova scuola filosofica di Tadeusz Rozewicz trad.di Aldona Palys - TRADUZIONE
(3) Mi mancano i plugin di Emanuele Serra - RECENSIONE
(4) La fantascienza italiana ad una svolta a cura di Fabio Calabrese - ARTICOLO
(5) Arthur Machen (1863-1947): Un’idea del male a cura di Fabrizio Ulivieri - ARTICOLO
(6) N.O.I.R. - Quindici passi nel buio di A.A.V.V. a cura di Andrea Franco - RECENSIONE
(7) Il distributore di volantini di Maurizio Cometto - RECENSIONE

Testi di Marco R. Capelli pubblicati su Progetto Babele

(1) La Strega di Marco R. Capelli - RACCONTO
(2) Shelley, Percy Bysshe di Marco R. Capelli - BIOGRAFIA
(3) Shelley, Mary di Marco R. Capelli - BIOGRAFIA
(4) Sartre, Jean Paul di Marco R. Capelli - BIOGRAFIA
(5) Maupassant, Guy De di Marco R. Capelli - BIOGRAFIA
(6) Simenon, Georges di Marco R. Capelli - BIOGRAFIA
(7) Soares, Jo di Marco R. Capelli - BIOGRAFIA
(8) Pessoa, Fernando di Marco R. Capelli - BIOGRAFIA
(9) Walpole, Horace di Marco R. Capelli - BIOGRAFIA
(10) Rowling, J.K. di Marco R. Capelli - BIOGRAFIA
(11) Howard, Robert Ervin di Marco R. Capelli - BIOGRAFIA
(12) Omero di Marco R. Capelli - BIOGRAFIA
(13) Neruda, Pablo di Marco R. Capelli - BIOGRAFIA
(14) Novelli, Luca di Marco R. Capelli - BIOGRAFIA
(15) Yoshimoto, Banana di Marco R. Capelli - BIOGRAFIA
>>Continua (click here)



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2001-01-01
VISITE: 22255


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.