Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [15/10/2019] 1 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    “Linee di Paesaggio” scadenza 2019-10-28    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Presentazione del romanzo storico Il Barone - Una offerta di lettura agli studenti di un Liceo (NOSCELTA 2019-10-15)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Angolo di SImone
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
27 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
5 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Nascita di un vampiro
di Luca Occhi
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 9826
Media 79.61 %



"Radiosa giornata signorino!"

La governante, scostati i tendaggi, spalancò la finestra lasciando che l'aria fresca entrasse a dare il cambio a quella consumata e stantia della notte appena trascorsa.

Il lezzo salmastro che proveniva dalla costa invase così la stanza con l'incedere inarrestabile di una marea crescente.

Abraham continuò a tenere gli occhi chiusi, fuggendo un pallido accenno di sole.

Per lui, costretto da sempre in quel letto a causa  di un'inspiegabile quanto bizzarra malattia, lo stato di veglia rappresentava l'esperienza che, più d'ogni altra, s'approssimava alla morte.

Perchè se nei sogni era libero di correre e giocare come tutti i coetanei, di vivere tutte le straordinarie avventure che la sua fantasia era in grado di creare, il risveglio lo inchiodava di nuovo, spietato, alla sua impotente inedia da degente. Per questo detestava, con tutto se stesso, la luce del giorno. Anche quella tenue e fredda dei cieli d'Irlanda.

 

"La colazione".

Abraham, pur continuando a serrare gli occhi, diede un lieve segno di vita. Si sollevò lento a sedere, con la schiena poggiata alla spalliera del letto e quando la governante richiuse la finestra, sentì svanire di colpo la voce del mondo: niente più allegri schiamazzi di bambini diretti a scuola, suono delle campane, grida stridule e beffarde di gabbiani in volo, padroni di uno spazio infinito.

Solo il tintinnio ovattato di tazze e posate e la pressione, sempre uguale, del vassoio posato con cura sul bordo del letto.

"Mangi signorino che le fa bene".

Immobile, senza mai aprire gli occhi, accennò a una smorfia che poteva ben essere confusa con un sorriso. 

All'anziana governante mancavano i denti davanti, sia sopra che sotto. Solo i canini resistevano al tempo, come torrioni di un vecchio castello in rovina dalle mura crollate.

Tale aspetto da vecchio bulldog, la poteva rendere ridicola la prima volta che te la trovavi di fronte e strappare un'amara risata. Ma la successione ininterrotta delle apparizioni mattutine di quel sorriso deforme, aveva provocato, nel piccolo Abraham, un incontrollato quanto fastidioso disgusto. Così, solo quando la sentì uscire decise che era l'ora di aprire gli occhi sul mondo e quello che vide, non lo entusiasmò affatto.

Gli stessi mobili, la stessa stanza di sempre. Per quanto si sforzasse di sognare un'esistenza libera, restava sempre prigioniero della sua malattia.

 

"No! Ho detto di no e non ne voglio mai più parlare".

Era la voce di sua madre quella che giungeva dal corridoio. Non l'aveva mai sentita alzare il tono con qualcuno, e dal silenzio della persona con cui stava discutendo era facile intuire che fosse la nonna. Parlava assai poco, come le persone abituate a farsi ubbidire. Ma su quella questione la mamma, forse per la prima volta in vita sua, non aveva alcuna intenzione di cedere. Nemmeno con lei.

Il suo Bram, come lo chiamavano tutti con affetto in famiglia, sarebbe stato curato nel corpo dai medici migliori, a costo d'imbarcarsi per Londra, e nello spirito dal pastore della chiesa di Clontarf. Superstizioni e vecchie credenze popolari sarebbero state alla larga dal suo bambino. La scienza e Dio assieme, l'avrebbero guarito.

La scienza era al momento rappresentata dal dottor Lewis. Buon uomo, ma del tutto incapace di produrre con le sue cure in Abraham il più piccolo miglioramento. Anche se, a suo credito, almeno stando alla mamma, andava che neppure peggiorava.

La consueta visita mattutina delle nove era una fra le cose più detestate da Abraham. Il dottore lo faceva denudare e lo visitava allo stesso modo in cui il veterinario aveva ispezionato Emma, la puledra di zio Wells, quando aveva smesso si mangiare e s'era di colpo intristita.

"Gravida" aveva allora sentenziato.

Per Abraham invece, al termine di quelle inutili visite, non v'era mai alcuna diagnosi certa. Solo la prescrizione di costose medicine dal sapore disgustoso e un quotidiano, prezioso incoraggiamento alle tenaci speranze di sua madre: "Vedrà che presto migliorerà".

Con l'uscita del dottor Lewis dalla camera, Abraham tirava un vero e proprio sospiro di sollievo. Perché quell'uomo possedeva l'alito più pestilenziale di tutta la contea.

"Uno spicchio d'aglio la mattina a digiuno è il segreto per vivere a lungo e in salute" era uno dei suoi precetti preferiti e lo metteva in pratica con tenace costanza nonostante l'influsso disastroso arrecato alla sua vita sociale. La mamma l'aveva sottratto a quella cura, ma quell'alito mortifero, lo obbligava comunque a cercare di sopravvivere in apnea per una buona mezzora, tutte le mattine.

Altra cosa che detestava era l'incontro pomeridiano con padre Brown. Un'ora di salmi noiosissimi,  recitati con fervore assieme a sua madre, aspersioni con acqua benedetta e gelata, e quel crocefisso sempre stretto tra le mani, come zia Cloe nella bara, il giorno del suo funerale.

No! Abraham non nutriva grande fiducia nel suo futuro. Solo la nonna gli dava ancora un po' di speranza. La nonna, silenziosa e secca come un vecchio albero che ne ha viste e ne sa di cose. Sua nonna, lontana e distaccata, che non sorrideva mai, lei sì conservava nel fondo degli occhi l'esile traccia di una speranza che veniva da molto, molto lontano.

 

Notte di luna piena. Abraham, come faceva spesso, s'era alzato a fatica dal letto e scostate le tende aveva preso a osservare il villaggio sprofondato nella notte. Un fremere d'ombre fugaci e cariche di mistero. Rapidi e imprevedibili voli di pipistrelli. Restava ore, incollato al vetro, a fantasticare a occhi aperti. Adorava la magia della notte. Stava cercando d'immaginare le infinite, terribili, creature che dovevano popolarla silenziose quando, un rumore appena percepito dalle scale, lo fece di colpo irrigidire. Era sembrato un passo strascicato accompagnato da un bisbiglio. Abraham s'infilò di corsa sotto le coperte, fingendo di dormire. Sentì così la porta socchiusa della sua camera cigolare appena in un flebile lamento.

"Bram, Bram, svegliati." Era la voce della nonna che gli sussurrava piano in un orecchio. Aprì gli occhi fingendosi assonnato "Che c'è nonna?"

La vecchia increspò appena le labbra in un vago sorriso. Abraham aveva mormorato la frase a voce bassa come chi sapeva bene d'essere complice di uno strano intrigo.

In quello, alla luce incerta di una candela, Bram s'accorse della figura rimasta immobile nella penombra.

Un vecchio che sembrava ancora più vecchio di sua nonna. Vestiva una lunga tunica bianca con cappuccio, scalzo, e in mano stringeva un bastone dall'estremità appuntita. Sembrava scolpito nel marmo pallido, tanto il suo volto era esente dal più piccolo accenno di movimento.

"Ecco mastro druido, in nome della congrega imploro il suo aiuto" disse la nonna con rispetto.

L'uomo s'avvicinò. Sollevata la camicia da notte con una mano che divenne di colpo calda, prese ad accarezzargli piano la pelle disegnando percorsi strani, segni bizzarri. Abraham provò inquietudine, ma al contempo la naturale, rassegnata, curiosità di chi non aveva nulla da perdere.

Il vecchio estrasse, da sotto la tunica, una scatolina di metallo. L'aprì con cura e tirò fuori dei vermiciattoli che, stretti fra le dita ossute,  presero a dimenarsi forsennati.

"Questa poi..." pensò Abraham pieno di stupore.

Quando vennero appoggiati sulla sua pancia provò solo un lieve bruciore e rimase sconcertato a osservarli mentre prendevano lenti a succhiare il sangue e a gonfiarsi.

Trascorse così, nel silenzio, un tempo incerto finché il vecchio non decise di recuperare le sue bestiole. Restarono solo delle piccole macchie rossastre che prudevano appena.

Fu allora che l'uomo puntò minaccioso il bastone verso Abraham.

"Tornerò a trovarti spesso figliolo, ti farò bere pozioni amare, ascolterai parole antichissime e dimenticate, vedrai cose che in pochi hanno visto ma alla fine tu guarirai. Però, non dovrai farne parola con nessuno, mai, altrimenti..." e appoggiò, con una lieve pressione, la punta del bastone sul suo cuore.

"Promettilo!" intimò.

Abraham annuì. Ma non c'era bisogno di spaventarlo per ottenere il suo silenzio. Prigioniero nella monotonia quotidiana della sua vita da infermo, era più che felice di poter condividere con qualcuno, oltre alla speranza, un mistero.

Quando l'uomo si voltò per andarsene, la nonna s'avvicinò e lo fissò a lungo negli occhi. Accadde la cosa più strana di tutta quella nottata: lei gli diede un bacio, rapido, sulla guancia.

"Conserva questo nostro segreto per sempre, piccolo mio" bisbigliò stringendolo forte a sé. La frase più lunga che le avrebbe mai sentito pronunciare anche negli anni a venire.

Fu così che Abraham Bram Stoker guarì dalla sua oscura malattia, a detta di medici e preti, in maniera miracolosa.

Crebbe sano e forte, diventando uno scrittore di successo e, nonostante Dracula, il suo romanzo più famoso, seppe a modo suo mantenere il segreto.

© Luca Occhi



Recensioni ed articoli relativi a Luca Occhi

Nessun record trovato

Testi di Luca Occhi pubblicati su Progetto Babele

(1) Sangue cattivo di Luca Occhi - RACCONTO
(2) Nascita di un vampiro di Luca Occhi - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2008-07-13
VISITE: 18309


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.