Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [19/09/2019] 6 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Mondo Artigiano scadenza 2019-09-20    360 Autori per tutto l’anno scadenza 2019-09-21    Fiori d'Inverno scadenza 2019-09-28    Tema: “Lo scrittore Michele Malanca attraverso la sua ultima opera: Storia di Andrea Pagani e altri racconti” scadenza 2019-09-30    Mario Zanaria scadenza 2019-09-30    PREMIO LETTERARIO DAUNIA&SANNIO scadenza 2019-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    CartaCarbone Festival Letterario Autobiografia e dintorni 2019 | Presentazione della sesa edizione - Treviso, Sabato 21 Settembre 2019, ore 11, Chiesa di San Teonisto (FESTIVAL LETTERARIO 2019-09-21)    PAT - Percorsi di Avvicinamento al Teatro - II edizione - 6 incontri, tutti gratuiti (Roma) (NOSCELTA 2019-09-26)    Festival Letterario CartaCarbone “Autobiografia e dintorni” - Sesta Edizione (NOSCELTA 2019-10-13)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Mio figlio e Bukowski di Massimo Martinelli     Un Brandello di storia di Alessio Salerno     Teoria degli Implosivi e degli Esplosivi di Mauro Moscone     L'appuntamento di Cinzia Baldini     Ritratto di signora in rosso di Bruno Corino    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
27 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
3 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Due gocce d'acqua...
di Luciano Urietti
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 11017
Media 80.37 %



“ Niente è più diverso di due gocce d’acqua, basta osservarle al microscopio per accorgersene. “

Avevo letto questa frase non so più dove molto tempo fa. E questa frase mi è subito tornata in mente quando mi sono aggiudicato il contratto Sevenson.

Già, due gocce d’acqua …  la gente dice: “Uguali come due gocce d’acqua.“.

Ma non è vero. Il fatto è che la gente non sa osservare le gocce al microscopio, si limita a vederle, a guardarle solo distrattamente, superficialmente.

Bene, io avrei sfruttato la superficialità di chi sta a guardare per movimentare un po’ la  mia vita, smuovere la monotonia del mio lavoro. Certo, il contratto Sevenson mi avrebbe consentito di fare  "alcune variazioni sul tema. "

In fondo era un caso ben differente dalla solita routine, un caso diverso e … unico.

Come unica ed assolutamente diversa è ogni singola goccia d’acqua.

 

Era notte e sapevo che John era solo quando andai a trovarlo. 

- Dannazione, Steve, quanto tempo è passato – mi disse John dopo che mi ebbe fatto entrare. 

– Già, proprio un sacco di tempo – risposi con un sorriso.

Lo guardai; era sempre il vecchio John, forse un po’ appesantito e lievemente incanutito a causa dei tanti anni trascorsi, ma di certo era sempre lui: mio fratello, John Sevenson.

– E dimmi, dimmi che cosa diavolo hai fatto in tutti questi anni. Scommetto che sei diventato un pezzo grosso – domandò lui. 

– Beh, non proprio – risposi continuando a sorridergli.

– Non come te, John –

Sapevo bene che non gli importava niente di me. Io ero sempre stato la pecora nera della famiglia. A nessuno  era mai importato niente del sottoscritto. Prova ne era che quando sedici anni prima me ne ero andato all’ovest, in casa erano stati tutti ben felici di considerarmi morto e basta...
– Io ho lavorato duro, Steve – rispose John gonfiandosi; come sempre la cosa che più lo esaltava era parlare di se stesso, auto celebrarsi; parlarsi addosso. –

E posso dire di essere riuscito a costruire qualcosa, qualcosa di veramente solido. - 

- Ho saputo. La "Creasy & Sevenson Limited " è una realtà che conta – lo assecondai io. – Puoi ben dirlo, fratello. La "Creasy & Sevenson Limited " non è seconda a nessuno nel suo ramo. Demolizione e recupero pezzi da auto usate, un settore in piena espansione. Ma all’inizio è stata una battaglia, una vera battaglia. – Infine, ricordandosi anche di me: - Bevi qualcosa, Steve ? -   

- Perché no ?  Un whisky per brindare ai vecchi tempi. – 

John versò due scotch, poi porgendomi il bicchiere disse:

- Che importa ora dei vecchi tempi ? Ciò che conta è il presente, solo il presente – sapeva bene di avere parecchi cose, riguardo al passato, che doveva farsi perdonare. E si affrettò a concludere: - Dimmi dei tuoi affari sull’altra costa.

- Viaggio molto, lavoro su commissione. Un contratto qui, uno là. – risposi guardandolo intensamente dopo un sorso di scotch.

Lui non colse il messaggio del mio sguardo.

- Scommetto che come sempre cerchi di non romperti la schiena, vecchio scansafatiche – e scoppiò in una fragorosa risata. La solita risata di scherno di mio fratello John.

La ricordavo bene, molto bene...
– Certo non posso dire che il mio sia un lavoro particolarmente faticoso. Ma ha le sue difficoltà, e le sue soddisfazioni – dissi posando il bicchiere ormai vuoto e continuando a fissarlo.
 – Sono curioso di sapere che diavolo di lavoro sei andato a scovare -                                 

- Questo, vecchio mio ! –

John ebbe appena il tempo di vedere la mia pistola puntata contro di lui.   Poi io premetti il grilletto. Non sono un sadico, non lo sono mai stato e non volevo che il terrore lo sconvolgesse spingendo il suo cuore verso ritmi assurdi.

E quindi premetti subito il grilletto; questo so farlo con precisione e tempestività, senza inutili tentennamenti e fastidiose  inesattezze .

 

Creasy era un tipo lardoso, pelato ed avido. Avido e senza scrupoli; nel suo campo quelle erano qualità importanti per prosperare ed arricchirsi velocemente.  In lui avidità e mancanza di scrupoli non avevano confini, per questo aveva deciso di liquidare il suo socio in affari, John Sevenson, con una semplice corona di fiori ed un annuncio mortuario. Il genere di affari che lui e mio fratello trattavano, affari sempre al limite della legalità, anzi il più delle volte decisamente sotto quel limite, ( spesso le auto che entravano nelle loro officine non erano molto usate, ma semplicemente rubate) poteva giustificare  una pallottola in testa senza che la polizia si scaldasse più di tanto.

Ora la " Creasy & Sevenson Limited ’ sarebbe diventata solo la "Creasy Limited " e lui sarebbe diventato più grasso, ricco e pasciuto.

Almeno questo era quello che pensava lui, Creasy.

Di certo non poteva immaginare che il suo futuro sarebbe stato sconvolto dal fatto che … niente è più diverso di due gocce d’acqua. ".

Creasy era seduto sulla sua grossa poltrona di pelle a fumare un sigaro, mentre la notte lo aiutava a coccolare i suoi sporchi, luridi pensieri.

Poi, improvvisamente, vide  … la seconda goccia d’acqua.

E lui che non sapeva osservare, lui chi si limitava a vedere coi suoi piccoli luccicanti occhi di topo, fu preso dal panico. 

La poca luce che una lampada spargeva per la stanza lo aiutava di certo a vezzeggiare i suoi lerci piani, ma era assolutamente insufficiente a scorgere la differenza fra le due gocce d’acqua. Differenze peraltro veramente insignificanti e che solo un attento esame delle due gocce avrebbe evidenziato.

E fu così che il suo cuore impazzì in quel grosso petto da bue, perché Creasy aveva si una aspetto fisico imponente, ma in realtà era un pavido. Un pavido coniglio di bosco. 

- No … no …   Non è possibile…    Tu sei morto, John …      Io ti ho visto nella bara…   non è possibile… -

Il grasso, viscido, pavido coniglio di bosco si era alzato in piedi ed ora tutta la sua persona tremava indietreggiando verso la parete di fondo, verso una grande, ampia finestra. Ora quel pasciuto, untuoso grumo di carne, pieno di luridi pensieri, stupidi sogni e sporchi progetti, indietreggia balbettando di fronte alla seconda goccia d’acqua. – No… John, no … io … io non volevo, io … -

Ma la seconda goccia non ha pietà di quel pavido mollusco ed avanza spietata.

Avanza in silenzio, inesorabile, avanza sino a che sente il rumore dei vetri infranti dal pesante corpo di Creasy che sta rinculando. Avanza sino a vedere quel corpo tremante precipitare oltre la grande  finestra, nel buio della notte.

Mi sporgo dalla finestra e guardo sotto, ma non riesco a vedere niente; è troppo buio. Però so bene che laggiù, in fondo, sul marciapiede sudicio, ora Creasy è solo più un grumo di carne e sangue sfatti, senza più luridi pensieri, senza più stupidi sogni di ricchezza. So che è solo più ulteriore sporco da pulire sul freddo marciapiede.

E so anche  di aver avuto ragione: la gente non osserva, si accontenta di vedere, di guardare distrattamente.

Ecco perché poi dicevano sempre: “ Steve e John sono proprio due gocce d’acqua.    Mai visti due gemelli più uguali, in tutto. “

Ma voi sapete bene che questo non è vero.

Al di là dell’apparenza, John ed io siamo sempre stati diversi; molto diversi.  E questo non solo per le diverse, eppure simili strade prese da noi due nella vita.

Ciò nondimeno soprattutto per il fatto che io ho speso del mio tempo per John.

Io ho vendicato la sua morte.

Voglio dire, se non l’avessi fatto io, qualche altro avrebbe provveduto ad eliminare John.  " L’organizzazione " avrebbe assegnato il contratto che aveva stipulato con Creasy ad un altro, se io non avessi accettato.

Però ciò che conta veramente  è che io ho anche colpito il mandante.

Io ho vendicato la morte di John punendo il vero colpevole di quella morte.

E questo credetemi, John non l’avrebbe mai fatto.

Per lui la mia morte sarebbe stata solo una liberazione.

E non avrebbe speso un solo minuto per vendicarmi.

Quindi questo dimostra che anche noi due fratelli gemelli eravamo solo apparentemente simili,  ma,  a ben guardare poi …

…  niente è più diverso di due gocce d’acqua.

 

© Luciano Urietti



Recensioni ed articoli relativi a Luciano Urietti

Nessun record trovato

Testi di Luciano Urietti pubblicati su Progetto Babele

(1) Due gocce d'acqua... di Luciano Urietti - RACCONTO
(2) Il mio amico di Luciano Urietti - RACCONTO
(3) Una questione di cuore di Luciano Urietti - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2008-08-18
VISITE: 17960


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.