Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [06/12/2019] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Ironicomico2 scadenza 2019-12-06    Festival Nazionale di Poesia per e dei Bambini scadenza 2019-12-14    La diversità dell'Italia scadenza 2019-12-20    Concorso Letterario Tre Colori scadenza 2019-12-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    CartaCarbone Festival tutto l’anno | Lo scrittore Andrea De Carlo per l’ultimo evento 2019 di CartaCarbone - Una di Due, anniversari che coincidono (PRESENTAZIONE 2019-12-07)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
29 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Adamantine Morimaux (parte seconda)
di Anna rita Chietera
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 11127
Media 79.97 %



Questa volta, però, il guaio in cui si trovava Adamantine non era di altrettanto semplice risoluzione; né riguardava direttamente lei, in realtà. Si trattava proprio di Tina. Ed a metterla in un pasticciaccio brutto era stato niente popò di meno che suo fratello Didier, attualmente agli arresti, il quale neanche in gattabuia riusciva a restare con le mani in mano.

“Vede,” cercò di spiegare Adamantine con malcelato imbarazzo “non deve pensar male di Didier…” -

“Ah no? E cosa dovrei pensare, allora. Bella mia, ma non ti rendi conto? Quello che ha fatto lo definirei…quanto meno irresponsabile!” 

“Sapevo che questa volta non avrebbe capito…non potevo aspettarmi un giudizio diverso da…un…un avvocato…” concluse sprezzante Adamantine.

“Ma scusa, ragazza mia” le disse lui tenendo le mani giunte parallele al terreno, facendole oscillare in su ed in giù, con movimenti quasi automatici, che ricordavano quei vecchi soldatini caricati a corda “dovresti aver capito, ormai, che io sia tanto schifato dalla giustizia, quanto dalla sua totale mancanza…sì, sì, lo so…è un controsenso, ma ti assicuro che, il più delle volte, le due cose finiscono per coincidere. E come questo possa accadere…boh!”

A tali parole seguì una pausa di silenzio, perché Adamantine incominciava a non raccapezzarsi più nei discorsi di Mancuso e lui, d’altro canto,  era proprio immerso nel tentativo quasi tragico di farsi capire.

“Il punto è: comprendo che Didier faccia tutto questo perché Bruna non lavora e la bambina ha bisogno di quel che ha bisogno (ma pure i figli si mettono a fare, in queste condizioni!)” e qui alle mani giunte dell’avvocato, si aggiunse uno sguardo querulo rivolto al Cielo, che esprimeva molta più disperazione che fede “ma metterci in mezzo Tina! Questo è davvero troppo!”

“Non lo dica a me…non ho avuto neppure il coraggio di farmi vedere. Mi sento così male…”

“Andrò io da Tina, ma tu devi denunciare tuo fratello se davvero le vuoi bene.”

“Ma non posso, si rende conto? Non lo faranno più uscire di galera, così!” Rispose Adamantine, dando sfogo ad un pianto aggressivo. Mancuso restò di pietra, questa volta, senza farsi intenerire; e rispose:

“D’accordo, capisco anche questa…e Tina? Lo sai, vero, che certamente metteranno dietro le sbarre anche lei (se non l’hanno già fatto)…peccato che la poveretta, di come ci sia finita al fresco, non ne abbia la più pallida idea. E nessuno crederà mai alla sua estraneità ai fatti! D’altronde, neppure io sarei mai riuscito a farmi persuadere: Una volta ho comprato dello zucchero francese ad un prezzo vantaggiosissimo; poi, qui in piazza, ne andavano tutti matti…al punto che io mi chiedevo: ma cos’avrà poi questo zucchero di diverso dagli altri…sarà che costa meno…mai a pensare che fosse cocaina!”

E l’avvocato non poteva immaginare che, proprio in quel momento, Tina, sotto interrogatorio, stesse dando testimonianza di quegli stessi identici fatti, nel tentativo disperato di giustificare l’ingiustificabile. Intanto, Bruna e la bambina vivevano in una nuova casa, la piccola era stata iscritta ad un asilo privato (perché bisognava cogliere l’attimo, dopo aver sopportato tanta, troppa indigenza) e la mamma non poteva certo andare a prenderla da scuola sempre con lo stesso vestito, esponendosi al ludibrio delle altre francesissime madri…eh no! Chanel, Luis Vuitton, Yves Saint Laurent, questi sì che erano nomi di cui tener conto; Tina era un nome troppo scontato per poter competere nell’alta società…non troppo per arrivarci, evidentemente. Erano stati capaci di usare il suo negozio di dolci per mercificare in droga, ‘sti  stronzi! Didier, pressato da sua moglie che non ce la faceva più, e che sognava dopo il matrimonio una vita più agiata, aveva organizzato la vendita di coca purissima,  raffinata in Francia ed impacchettata in scatole di cartone blu, bianche e rosse da cinquecento grammi l’una, con una vistosa etichetta sulla quale capeggiava la scritta SUCRE BALEINE. Particolarità di questa stravagante azienda (e questo Tina non poteva saperlo) era che la botteguccia dei dolci di piazza P. aveva l’esclusiva italiana dello zucchero BALEINE. I clienti sapevano che in quelle confezioni non ci fosse affatto zucchero e, appena arrivavano le partite, in quattro e quattr’otto, per pochi euro la boss e compagni ne portavano via vagonate. Il pagamento vero e proprio avveniva tramite vaglia postale, sul conto della signora Morimaux, la moglie di Didier. La cosa non destava sospetti perché Bruna, sulla carta, fabbricava in  casa oggetti di bijotteria, realizzati con perline e fil di rame e li spediva per posta a chi fosse interessato, con tanto di partita IVA. Tutto fatto per bene, insomma. 

Fino a quando due finocchi molto allegri, in Corso Como, furono visti, zaini in spalla, avvicinare clienti di tutte le età,  prevî cenni concordati. La cosa, dopo sere di struscio in servizio, non era sfuggita a due giovani tenenti in borghese che, fermati gli allegri finocchi,  trovarono nei loro zaini confezioni…di zucchero!?…BALEINE, guardacaso. I finocchietti, ridendo e sgomitando tra loro come due liceali pettegole, finirono per rivelare che avevano acquistato la polvere della felicità in piazza P. “ ahahaha”…- ridacchiò quello con la lingua più lunga “lì si vende nei negozi!” I due tenenti tutto si aspettavano fuorché questo; ed immediatamente si misero a lavoro per ottenere alla svelta mandati di perquisizione presso tutte le attività commerciali della piazza. La povera Tina aveva diligentemente consegnato ai carabinieri il registro degli acquisti.

“Come mai tanto zucchero BALEINE, signora?”

Tina strizzò l’occhio al carabiniere che teneva ancora il registro in mano e, dopo avergli assestato una piccola gomitatina d’intesa gli rispose, pimpante come al solito “Non sa quanto ne vendo!”

“Signora, lei è in arresto” fu la risposta seccata del carabiniere, che iniziava anche a sentirsi preso per i fondelli.

Intanto in piazza P., iniziava a diffondersi uno strano brusio, un suono di mosche fastidiose, che Mancuso conosceva fin troppo bene. Era il vociare delle grandi occasioni, quello riservato ai momenti in cui c’è in ballo qualcosa di “grosso”. Finchè, mentre era al bar a fumarsi un bel sigaro cubano - Romeo e Giulietta numero 3 per l’esattezza, i suoi preferiti – gli si avvicinò furtivo il suo compagno di merende Peppino Malatesta. Lanciò rapide occhiate tutt’intorno prima di parlare. L’avvocato lo bloccò.

“Senti, Peppì, se mi devi dire qualcosa che non si deve sapere in giro, dimmela un’altra volta ed in un altro posto, perché sei un attore coi fiocchi, proprio! Se ne sono accorti tutti…” Ed infatti, ai tavoli attigui, si era smesso di parlare per mettersi in ascolto delle novità.

“E…e allora facciamoci due passi.” Propose Peppino.

“E facciamo due passi.” Acconsentì l’avvocato, mentre si alzava per seguirlo; tanto, purtroppo, già aveva intuito che si trattava di Tina e le cose erano andate male. Malissimo. Perché era l’unica piega che la situazione poteva prendere. 

“Che si deve fare, secondo te? Sei avvocato, dovresti sapere come muoverti!”

“E infatti lo so.”

“E cioè?” Gli chiese Peppino Malatesta sulle spine.

“E cioè che non ci sta niente da fare. Se vendi droga…vai in galera. Logico e consequenziale. Io non esercito più, avevo giurato che dopo la pensione non avrei messo più piede in un tribunale e non farò eccezioni questa volta. Anche perché, come ti dicevo, non ci sono santi. Tina è una brava persona e, in Italia, in galera ci vanno solo le brave persone. Logico e consequenziale.”

“Che freddezza…fai venire i brividi…”

“Co’ sto caldo?”

“Co’ sto caldo, figurati!”

In realtà l’avvocato non aveva proprio intenzione di lasciar perdere, anche perché Tina aveva certamente bisogno di un amico, in un momento simile. Mancuso si chiuse dietro la porta di casa a due mandate ed iniziò a trafficare con il telefono. Poi, si mise solo ad aspettare.

L’indomani mattina, ad ora di pranzo, il Tg regionale della Lombardia, lanciava un titolo interessante: Droga in piazza P.: spunta la pista dei marsigliesi.

“Ottimo” si disse l’avvocato. Tanto, non scopriranno mai chi c’è dietro davvero. Al massimo beccheranno i corrireri…anche se quella carogna di Didier si meriterebbe altro che l’ergastolo…figlio di una grandissima puttana…

La giornata trascorse lunga più che mai ed in piazza non si muoveva un filo d’erba. Solo cani al pascolo con i padroni. La paura era così tanta che sembravano tutti in vacanza: persiane serrate e nessuno dei soliti in giro. Neanche Adamantine s’era fatta viva.

“Quella pensa che ho fatto la spia.” Si disse l’avvocato.

Finchè, all’alba del giorno successivo, si sentì un botto fortissimo. Mancuso scattò giù dal letto e s’affacciò al balcone. Sembrava tutto tranquillo, ma mentre si voltava per rientrare, notò, più infondo, una piccola utilitaria capovolta, in mezzo alla strada.

“Un incidente? E come ha fatto a cappottarsi, che non ci sono curve? È tutto dritto, là…” Mentre pensava così, vide uscire un uomo di corsa. Questo poi, si voltò indietro e tornò alla macchina per prendere il libretto di circolazione dal cruscotto e due o tre pacchi di cartone blu, bianchi e rossi. Scappò via e non lo si rivide più. La polizia, che visti i fatti degli ultimi giorni era in stato di allerta, era stranamente arrivata quasi subito. Rimasero tutti di stucco nel vedere quella macchina incidentata, proprio lì ed in quella maniera, ma la scena prometteva altre sorprese. All’arrivo della volante, scesero dall’auto due sgallettate in mutande.

“Minchia che due fighe!” disse il primo agente, seguito a ruota dal secondo:

“Benedizione…” poi, come se si fosse dato un pizzicotto “Ehm, signorina, signorina….dove corre? Ehi, anche lei, non facciamo scherzi, eh?” E manette ai polsi, le infilarono in macchina tutti contenti, ché un inizio di giornata così non s’era mai visto.

L’avvocato era rimasto molto perplesso e non riusciva a raccapezzarsi. Si vestì e, ad orario d’apertura si presentò da P., per trarre informazioni fresche dalle testimonianze del popolo di piazza.

“Avvocato, ha sentito?”

“Che cosa?”

“Tina è tornata a casa”

“E perché, dove se n’era andata?”

“Ma com’è che non sa mai niente?” E P. rientrò nel bar scuotendo la testa, a preparargli il solito caffé.

“Aspetta, aspetta…” lo bloccò Mancuso. “Visto che sei sempre così bene informato, ma che è successo stamattina, che mi sono preso un colpo?”

“ Un incidente…drogati…mi sa che giravano partite di droga di cui ci si doveva liberare e, qualcuno le ha vendute ad uno sprovveduto che non sapeva (come lei) dei fatti di questi giorni, c’è cascato, e ha comprato. Questo furbone, s’è presentato ubriaco fradicio e, nello scappare via, voleva fare lo splendido con le troiette che si portava dietro, ed è andato a sbattere, Schumacher…”

“Ah, ho capito…” fece l’avvocato, mentre nascondeva sollievo profondo dietro l’apparente dabbenaggine. “Vai a fare il caffé, che poi mi racconti bene pure il resto.”

“Beato lei, avvocato. Vive proprio su un altro pianeta!”

“É la vecchiaia, P; la vecchiaia…”

Poco più tardi, inaspettatamente così come si era presentata qualche giorno prima, comparve Adamantine.

“E allora, si è messo a fare la spia?” Gli si parò innanzi con le mani ai fianchi.

“Stai zitta, Adamantine. Andiamo a casa mia.”

“No, io di lei, non mi fido più!”

“E fai male. Andiamo a casa mia ti dico.” E la sua espressione iraconda fu così eloquente, che la ragazza fu costretta a cedere.

L’avvocato le spiegò che aveva fatto in modo – suo malgrado – che Didier ne restasse fuori. Non sarebbero mai arrivati a lui. Ma l’avvisava: la prossima volta non sarebbe stato altrettanto tenero con loro. Adamantine, che per nulla al mondo si sarebbe aspettata un epilogo del genere, lo strinse in un abbraccio che voleva esprimere tutta la sua infinita gratitudine.

A rompere l’intensità del momento, intervenne un acuto stridulo:

 “ Papà!”

L’avvocato e Adamantine si voltarono di scatto, come se fossero stati colti in flagranza di reato, e videro di sfuggita Linda, la figlia di Mancuso, con la bambina in braccio. Era venuta a prenderlo, come d’accordo, ma - lo sguardo truce e senza aggiungere altro - la nuova arrivata si congedò in tutta fretta, lasciando echeggiare per il portone lo scalpiccio deluso ed incazzato delle suole di cuoio, mentre imboccava di corsa la tromba delle scale.

© Anna rita Chietera



Recensioni ed articoli relativi a Anna rita Chietera

Nessun record trovato

Testi di Anna rita Chietera pubblicati su Progetto Babele

(1) Adamantine Morimaux (parte seconda) di Anna rita Chietera - RACCONTO
(2) La pescivendola di Anna rita Chietera - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2008-10-02
VISITE: 20878


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.