Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    [18/07/2019] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Scribo scadenza 2019-07-18    Profumi di Poesia scadenza 2019-07-21    Premio Svicolando scadenza 2019-07-29    UN MONTE DI POESIA scadenza 2019-07-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Shamans of digital era II edizione - festival dedicato alle commistioni tra musica elettronica di ricerca e arti audiovisive contemporanee in chiave performativa (EVENTO 2019-07-20)    Festival dello Scrittore - l format, o meglio l’idea base, rimane la stessa: mettere a confronto Autori che abbiano pubblicato un libro con il pubblico (EVENTO 2019-07-21)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.    Racconti     Ritorno al Moccagatta di Teodoro Lorenzo     La vita degli altri di Diana Facile     Speranza di Antonio Carnuccio     Passi di Marika Salonna     Un'anima di Lorena Curiman    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Audiolibri
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
23 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
2 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Perle...
di Cinzia Baldini
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 10333
Media 79 %



Il profumo di una notte d’estate con la complicità del silenzio mi avvolge e accattivante mi cattura. Abbracciandomi languidamente mi accompagna nel sogno dove risveglia dal limbo degli anni, onde di pensieri che inseguendosi inarrestabili si frangono nella mente, come la risacca sulla riva del mare.
Con il suo tocco leggero, apre lo scrigno dell’anima e mi porge, coperta dalla polvere del tempo, più preziosa dei diamanti, palpitante dei colori della gioventù, la mia collana dei ricordi.
Timidamente mi soffermo ad accarezzarla. Incerta la prendo tra le dita ed essa si anima dei mille riflessi brillanti delle speranze e dei bagliori cupi delle delusioni che la vita mi ha riservato.
Con coraggio la indosso e ad una ad una, riconosco tutte le sue perle. Ci sono le illusioni rimaste tali, i sogni mai realizzati, le aspirazioni sfumate e i desideri smarriti lungo la via. Ma tra tutti un ricordo mi abbaglia e prepotente riaffiora: l’estate della mia vita. La stazione, il treno, l’arrivo… la prima vacanza lontana da casa.
Trattengo il respiro, mentre emozionata e commossa mi ritrovo prigioniera in una girandola di sentimenti che ora dirompenti nella certezza, ora disperati nell’attesa, sfavillano e si spengono in un sogno.
Improvvisamente, in quest’oceano ribollente della mia mente tra gli spruzzi di schiuma sollevati dalle sferzate della burrasca che incalza, come uno scoglio affiorante ti vedo: prima giovane e innamorato, poi ragazzo, infiammato dalla speranza ed infine uomo, affannato in una vita a cui non appartengo. Giorni, mesi, anni, consumati nel vortice eterno che scandito dal ritmo del tempo impietoso assiste indifferente allo svolgersi delle nostre esistenze.
…Ricordi? Ero la tua ombra.
Mi piaceva stare con te: giocavamo, ridevamo, ci divertivano senza pensare ad altro. Neanche sapevamo ci fosse altro…
…Ripensi alle nostre uscite di sera, le gite, la spiaggia ed il mare?
Poi la distanza ci ha separati: tu nella tua città, io nella mia, con i giorni che si accumulano ai giorni finché si accende una nuova, abbagliante estate e ti ritrovo.
…Tu forse non ricordi.
Eri sulla spiaggia stavi lavorando a qualcosa. Sporco di gesso e di vernice eri bellissimo. Agli occhi dei miei giovani anni, stagliato contro il sole, apparivi splendido e selvaggio come un Dio Pagano. Mi guardavi incredulo ma in fondo al tuo sguardo brillava una scintilla di gioia. Non credo di sbagliare, eri contento di vedermi.
Avevo solo qualche giorno, per respirare il tuo respiro, sognare i tuoi sogni, entrare nella tua vita.
…Ma ora vieni, prendiamoci per mano e come non abbiamo mai fatto, teniamoci compagnia in questo tratto di esistenza. Mentre passeggiamo, vorrei dirti tante cose ma non trovo il coraggio di farlo e le labbra restano mute.
Quante volte mi sono detta domani ti chiamerò…
Poi mi domandavo: Per dirti cosa? Come spiegarti quello che neanche io avevo chiaro nella mente?
Solo ora rivedendoti ho compreso. Quella sensazione di nostalgia indefinibile, che a tratti, nel tempo, si affacciava e poi tornava a sopirsi, era la voglia di ritrovarti. Non capivo e ostinatamente la scacciavo, come un pensiero molesto.
Sono trascorsi molti anni e ognuno ha deciso della sua esistenza e ha fatto le sue scelte, eppure, celato alla ragione, quell’esile sentimento ha resistito, sostenuto dalla speranza di un suo divenire. Desideroso un giorno di trasformarsi in qualcosa che né io, né te, avevamo considerato.
Vorrei udirti parlare per ore. Raccontarmi di te o ricordare di noi. Indovinare i tuoi pensieri o solo guardarti per ritrovare nell’uomo, il ragazzo di quelle estati lontane. Scoprire il sapore che avrebbero avuto i tuoi baci mentre timido si affaccia tra noi il desiderio…
Rivivo l’angoscia dell’attesa nel lento trascorrere del tempo. L’ebbrezza della gioia nel sentirti ridacchiare. La tristezza dei saluti. Ritrovo le inutili risposte alle mille domande formulate dalla mente annebbiata dal dolore per il distacco. Ascolto di nascosto le nostre interminabili telefonate cercando di imprimermi la tua voce nell’anima. Vacillo, provando la sensazione di un pugno allo stomaco, quando il clic del telefono si chiude su di noi come un freddo sarcofago di marmo…
È autunno. E’ silenzio.
Ora cosa faccio? Come riuscirò a sorridere di nuovo? Ad attendere l’alba ed il tramonto di nuovi giorni in questo gelido inverno senza vita?
Un giorno… se troverò il coraggio…
Scompigliandoti i capelli, ti dirò che mi hai regalato sensazioni dolcissime. Hai colmato il vuoto dei sentimenti che, riarsi ai raggi brucianti della delusione, erano sopraffatti dalla monotonia quotidiana.
Eppure non cambieremo le nostre vite!
Il mio sentimento non potrà mai vedere la luce delle stelle, non si scalderà al calore del sole, né si bagnerà con le gocce di pioggia. Però c’è, e questo mi rende sicura. E so che è forte. E anch’io devo essere forte.
A domani… anche se so bene che non ci sarà un domani
Ma testarda ti scriverò e chiarirò… domani…
Cercherò in te le mie stesse emozioni e se mi accorgerò che hanno nutrito solo il tuo orgoglio, non proverò vergogna. Il passato rimarrà confuso tra le stelle, anche se ora risplende alla luce del sogno e in ogni caso dovrò ringraziarti perché hai regalato al mio cuore la scoperta del suo primo sentimento. Dopo mi tapperò le orecchie per non sentire l’addio straziante di un’altra illusione naufragata sugli scogli della vita e con dignità ne raccoglierò i delicati frammenti per portarli sempre con me. Li riporrò con cura nel mio amato scrigno, tra le pieghe dell’anima, mentre una nuova, lucida, perla si aggiungerà alla mia vecchia, preziosa collana.
Domani di un giorno che verrà…
ti narrerò, disegnando nell’aria i contorni del tuo viso, di giorni interminabili, in cui le poche notizie che rubavo di te, non mi bastavano più. Diventavo donna e cominciavo a desiderarti da donna… ma tu non sapevi ed io non dicevo nulla perché: «le ragazze per bene non si offrono ad un uomo». Maledetta e falsa, morale!
E non m’importava sapere dell’altra che entrava nella tua vita. Quando lei ti abbracciava, quando raccoglieva i baci dalle tue labbra, quando ti accarezzava stanca, dopo l’amore, tu non lo sapevi, ma c’ero anch’io…
Ti ho cercato tante notti in sogni interminabili che sparivano nella disperazione del nuovo giorno che togliendoti a me ti restituiva a lei. Dio quanto dolore!
La tua terra assolata d’estate, riaverti vicino. Eri ancora più bello di come ti ricordavo. Eri più di un sogno. Non avevo bisogno di altro, Ma qualcuno mi disse “Dimentica!”…
Non c’è più la luna! Non ci sono più stelle! Il gelo dell’inverno sulla pelle e l’oscurità avvolgente della notte accompagna i miei pensieri. Non potevo più sognarti, non potevo più pensare a te. Dovevo dimenticarti! Ma come potevo dimenticarmi di vivere?
Indulgente la notte, con una brezza leggera, asciuga le lacrime.
Non ho curato la mia ferita. Vederla sanguinare serviva a ricordarmi l’inutile consacrazione ad un Dio Pagano. Ho iniziato a costruire la mia vita, lasciandoti vivere la tua, così come mi era stato detto di fare.
Ho conosciuto persone nuove, nuovi amici, ma nessuno ti somigliava. Dov’eri?
Mi riconosco in quella figura che, rialzate le spalle, con decisione affronta il domani.
E’ trascorsa una vita… E’ quasi l’alba.
Mentre le onde tempestose della mia mente iniziano a placarsi e il sogno dolcemente si stempera nel sonno, riconsegno l’antica illusione nelle volute dell’anima e la notte con cura ripone la fragile, delicata collana nel suo antico scrigno.
“Cosa sognavi?”.
Il tuo corpo da Dio Pagano è splendido e scintillante al riverbero della luna. Un brivido mi attraversa le membra risvegliando i miei sensi ancora assopiti.
«Te» rispondo.
Cerco i tuoi occhi e mentre il tuo respiro sfiora il mio collo, assaporo la dolcezza delle tue labbra…
Domani ti chiamerò… o forse… domani ti scriverò… chissà!
Domani di un giorno che verrà sarà sempre estate…
Ma è già domani!

© Cinzia Baldini



Recensioni ed articoli relativi a Cinzia Baldini

(1) Non Nobis Domine - I custodi della verità di Cinzia Baldini e Simone Draghetti - RECENSIONE
(2) Il veleno di Circe di Cinzia Baldini e Michele Zefferino - RECENSIONE
(3) Semplicemente Donna di Cinzia Baldini - RECENSIONE
(4) Semplicemente Donna di Cinzia Baldini - RECENSIONE

Testi di Cinzia Baldini pubblicati su Progetto Babele

(1) Epiphaino di Guglielmo Campione - RECENSIONE
(2) Ukemì di Pia Barletta - RECENSIONE
(3) Incunabolo di Riccardo Merendi- Il Parere di PB
(4) Memorie di un ragazzo di borgata di Mario Rosati - RECENSIONE
(5) Il ritorno di Nibiru di Massimo Fratini - RECENSIONE
(6) Io sono respiro puro di Maria Fornaro - RECENSIONE
(7) Il lungo cammino del fulmine di Guglielmo Campione - RECENSIONE
(8) Un'altra vita di Cinzia Baldini - RACCONTO
(9) Brando Street. La scomparsa di una comparsa di Marisa Cecchetti - RECENSIONE
(10) Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini - RACCONTO
(11) Dietro una porta chiusa di Cinzia Baldini - RACCONTO
(12) Stella tra le Stelle di Cinzia Baldini - RACCONTO
(13) Pensiero di Cinzia Baldini - RACCONTO
(14) L`odore della notte di Paolo DAnna - RECENSIONE
(15) Templar Order di Domizio Cipriani - RECENSIONE
>>Continua (click here)



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2008-11-17
VISITE: 20923


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.