Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    [25/06/2019] 8 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Antonietta Rongone scadenza 2019-06-25    Lo Splendore Del Talento - Scintille D’Arte - 2019 scadenza 2019-06-28    Cenerentola con gli stivali scadenza 2019-06-30    Elena M. Coppa scadenza 2019-06-30    Aneddoti dal cuore 2019 scadenza 2019-06-30    VERSI IN VOLO scadenza 2019-07-01    Premio Svicolando scadenza 2019-07-01    Guido Gozzano - Augusto Monti scadenza 2019-07-08    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi    RECENSIONI     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali     Insabel di Vera Ambra    I paradossi dell’esistenza di Laura Rapicavoli    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Alla mia terra di Agane, campi e acque sorgive     Joseph Conrad ovvero il mare professionale    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Audiolibri
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Il graffio
di Ray Callejero
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 9622
Media 79.56 %



Stamattina mi sono svegliato tardi. Ogni mattina mi sveglio più tardi. Tanto più tardi mi sveglio, tanto più tardi sono rientrato. Stamattina mi sono svegliato stanco. Ogni mattina mi sveglio più stanco. E tanto più stanco mi sveglio, tanto più lontano sono andato.
Stamattina è tardi, ma non me ne importa. È comunque troppo presto per me.
La luce valica liquida le assi delle imposte, sgorgando da polverosi nastri di vuoto, e versando con sé nella stanza fiotti di rumori lontani. Tuoni e bagliori che cercano solo cavità da riempire di echi e riverberi. Cervelli da colmare di fischi. Occhi da saziare di iridescenze.
Per fortuna anche Dan professa un credo simile al mio. Anche lui celebra la complessa e ancestrale liturgia delle tenebre, schermando le finestre con pesanti tendaggi e negando ogni contributo alla compagnia elettrica. Ma Dan non è che un seguace di una fede di cui io sono il gran maestro. Al buio, per lui, i colori sono gradazioni di grigio. Al buio, le forme sono ombre nelle ombre. I corpi tranelli. Per questo, tornato a casa, vive costretto all’immobilità, per evitare inciampi. Per Dan, al buio, l’unica cosa che conta è la luce. E non c’è. In questa via verso la verità che ha intrapreso non esiste né illuminazione, né esattezza. Così, mal sopportando l’inerzia ed ignorando il segreto ultimo del nostro cammino spirituale, si prodiga nel tappare l’ultimo spiraglio dal quale passa ancora, e giorno dopo giorno sempre meno, la pallida fosforescenza di un lume: offuscando infine la sua stessa mente. E avvicinandosi così, inconsapevolmente, come è giusto che sia, alla risposta definitiva.
Questa cosa però anche lui, nella sua meschinità, la intuisce: che le giornate assolate sono rifugio di ingannevoli miraggi; e il volto e l’animo di un uomo sono tanto più veri tanto più questo agisce nell’oscurità.
Le differenze tra noi due sono palesi: nonostante il nostro comune interesse, abbiamo abitudini opposte. Dan continua a perseverare nell’errore di uscire ogni mattina presto per mostrare a tutti quanto sia un fallito. Io dormo fino a tardi e passo la giornata a cincischiare per la casa. Poi valica sconfitto la porta per potersi di nuovo occultare agli sguardi che l’hanno giudicato. Passiamo un po’ di tempo insieme, dopo aver mangiato qualcosa, e comincia ad applicarsi nella blasfemia che io gli ho ispirato, e che lui è ancora troppo acerbo per comprendere totalmente. Infine, crolla stremato dalle sue empie libagioni. E tutte le notti dorme, ed è allora che io esco. Esco a cercare la conferma della mia conoscenza nella strada. Tutte le notti sveglio, e lui tutte le notti addormentato, in terra, nel letto, su una sedia. Incosciente.
S’addormenta prima giorno dopo giorno da un po’ di tempo, ormai. Anche quella sera che ha portato a casa quella sua amica, quella Anna. Aveva dei bellissimi occhi, che pareva di guardare in un abisso. Penso che fosse per questo che a lui piacesse tanto, per quelle due pozze di mare calmo che conosceva così bene, e che gli ricordavano il tempo in cui ci aveva gettato l’ancora pensando che il vento non sarebbe mai cambiato. Dan non sarebbe mai stato un buon marinaio, perchè neanche navigando tra le ciglia di tutte le donne del mondo, avrebbe potuto ormeggiare in posto peggiore. Ed esplorando la Scilla del suo corpo e la Cariddi della sua nera anima, perse barca e remi. Lei neanche voleva venirci con lui: la ripugnava il fatto che fosse guercio, ma le ha pagato una cifra per tutta la notte perché non dovesse tornare fuori al freddo a fare quel lavoro, e allora è salita. Ma Dan, Dan non l’ha neanche sfiorata. Si è solo addormentato. Allora Anna ha preso i soldi ed è tornata alle occupazioni che più le sono consone.
Dan dorme. Dorme per fingersi morto.
Mi avvicino silenzioso a lui, tanto vicino da sentire il suo fiato correre agitato e rantolare poco più in là, nel silenzio. La cavità piena, serrata, la cavità vuota, cieca.
Ed è allora che Io esco.
Si arriva in città passando dalle sue più remote propaggini, così squallide che pare che il cuore pulsante di essa, se davvero esiste, non riesca ad irrorarle che con un gelido sangue di rettile, o stia cercando di portarle alla tomba più di quanto faccia la gente che lì vaga più lenta, pensando pensieri malvagi. Ma il perfido cemento sta lì, con l'aria di sapere che la scelta migliore è attendere immobile sotto la luce sporca del giorno e le livide macchie della notte, studiando dove il cancro dell'abbandono possa meglio far breccia per dilagare inarrestabile. Città senz'anima. Ogni buco è un covo infestato da fantasmi, fredda grotta per avvoltoi. Un vicolo a sinistra, poi a destra, passando sotto i puntelli rugginosi delle impalcature. Alcune griglie dell'aria calda a ridosso del supermercato rubano faticosamente un piccolo spazio all'inverno, poi un vento sottile se lo riprende, poi cessa. Si vince e si perde, continuamente. L'improvvisato margine estivo del marciapiede diventa esclusiva meta di pellegrinaggio per una tribù di barboni, attorno ai quali si scorgono avanzi di esistenze consumate nella vaporosa Mecca. Qualche birra vuota, sigarette, un paio di scatolette unte. Un piccolo catalogo di biancheria intima violentato da occhi perversi. Cadaveri di oggetti che permangono oltre la dipartita mattutina dei senzatetto, cosicchè di giorno, passando, puoi credere che invisibili scheletri stiano continuando a danzare e pasteggiare nel loro malefico baccanale, gemebondi di vita perduta.
Scivolo piano, invisibile al mondo. Passo dopo passo senza rumore, come ogni notte. Sempre lo stesso percorso, il mio percorso. Dan è immobile, immerso nei suoi sogni, dove può finalmente correre libero. Sonno di marmo e sogni cattivi. E tanto più torna a casa umiliato, tanto più sadici devono essere i suoi sogni. Povero Dan. Un’ esistenza buttata a cercare le cose a tastoni, accecato. Qua fuori non ci viene. Nella vita non vede ad un palmo dal naso, ed incappa in tutte le trappole. Ma le trappole sono sempre le stesse, una volta che le conosci.
Dan vive di notte. Vive di notte di allucinazioni violente.
Sento ormai l’odore di quello che cerco. Dietro un altro angolo, saranno centocinquanta metri al massimo. La luna screzia il cielo con raggi lontani, fredda e ghignante in uno spicchio pare quasi che sia uno squarcio nel velo nero che circonda i tetti. Non sembra affatto pigra come invece deve essere, vista da quaggiù, ma maniacalmente metodica nella sua pesante ronda. Raggi vaghi e leggeri, che irrorano la volta di luce dolente e soffocata. Resto un attimo lì, fermo sotto quelle crudeli saette. Poi riprendo la mia muta marcia.
Passo attraverso il viale, battona dopo battona. Alcune sono uomini travestiti male. Ecco la prima, la prima di quella che è una lunga serie di salme in vendita che vanno dall’incrocio con il corso trafficato fino a là dove finisce la via. Dove la strada termina bruscamente, dopo aver costeggiato tutta l’antologia dei piaceri che la città offre.
Un’asiatica si scalda al bagliore di un fuoco. L’asiatica è una faccia nel fuoco. Poi l’ho sorpassata.
La negra mostra sfatta sotto il lampione terribili maschere selvagge. Non tu.
La bionda batte composta nel suo territorio.
Poi Anna.
Mi fermo, per fissarla negli occhi. Il suo corpo sinuoso, esposto al morso di mille punture di gelo. Il suo odore. Mi vede anche lei, dopo un po’. Eppure sono sempre stato di fronte a te. Un’immagine riflessa nei tuoi occhi, in quelle tue due profonde pozze di mare calmo. Un’immagine destinata a rimanere nel tuo occhio.
Anna mi vede. Anna mi conosce.
Le mani di Anna sono state tante volte su di me, ma non sembra ricordarlo.
"Vai via". Non ora. Non stanotte. Ma non è mai la notte giusta.
Il suo sguardo mi offende ancora una volta.
Dan non chiude mai veramente gli occhi. L’occhio che ha perso non ha più palpebra, là da qualche parte.
Urlano le mille streghe che vivono in lei, urlano urli atroci contro il cielo, non urlano di mille orgasmi, ma di mille feroci scempi di carni. Urlano di mille ghiacci crepati, di parti e di ventri squarciati. Le altre prostitute accorrono veloci verso di lei, attirate da muggiti. Rumori di tacchi che rimbombano verso il fondo della via. Ma Anna è immobile. È immobile come Dan.
"Che ti è successo?"
"Chi è stato?"
"Oddio, dobbiamo portarla via."
Un occhio le pende sanguinante quasi fino al collo, cieco. L’altro guarda il nulla, vitreo.
"È stato… è stato quel gatto… quel maledetto gatto selvatico".

© Ray Callejero



Recensioni ed articoli relativi a Ray Callejero

Nessun record trovato

Testi di Ray Callejero pubblicati su Progetto Babele

(1) Il graffio di Ray Callejero - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2009-01-09
VISITE: 19001


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.