Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    Dopo quindici anni, chiude la rivista Segreti di Pulcinella (ma resta il BLOG) (03/05/2018)    [18/11/2018] 5 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    CartaBianca scadenza 2018-11-20    Premio Letterario Orizzonti scadenza 2018-11-20    Premio Poesia Di Liegro scadenza 2018-11-24    Rosso d'inverno scadenza 2018-11-30    LUCENERA scadenza 2018-11-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Capelli struggenti di Franz Krauspenhaar     L’incredibile vicenda che portò Jack Lanarco a salvare l’iperspazio da fine certa di Vincenzo Trama     Polaroid di Davide Rocco Colacrai     Ce sto io … poi ce sta De Niro - Mario Brega Biografia di Ezio Cardarelli     Breve inventario di un’assenza di Michele Paoletti    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello     ANTONIO ALTOMONTE «emblematico ricostruttore di perdute dimensioni».    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Angolo di SImone
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
47 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
13 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

La ragazza del mercato
di Luigi Panzardi
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 7850
Media 79.43 %



Da corso Matteotti, elegante, con le vetrine scintillanti e l'aria addolcita dai profumi dei caffé, si può accedere, volendo, ad una traversa, la via del mercato. Dentro di questa la prima sensazione che ci afferra è di stupore, assalita subito da un profondo ribrezzo. Non si capisce come sia possibile che una simile fetida e bizzarra esposizione di mercanzia possa allignare nei pressi dell'aristocratico centro cittadino. Sconnesse bancarelle in doppia fila ondeggiano e costringono una folla che al novello malcapitato appare corrucciata e minacciosa. Gli odori diffusi nell'aria sono sgradevoli, di sporcizia corporale, sudore, flatulenza e muffa pervasa d'intingoli indefinibili. Astrusi schiamazzi viaggiano per l'aria insieme a quei sentori, s'imbevono di essi e si fissano nella memoria come incubi persistenti. Dal vociare indistinto emergono con prepotenza e si accavallano ordini diretti alla folla di fermarsi per annusare, toccare ed acquistare la merce. Quell'umanità sembra un fiume sordo, da cui spesso si staccano rivoli che si fermano e cedono agli inviti urlati, acquistano e rientrano a fatica e spintoni nel grasso alveo.

Federica ha quindici anni ed è bionda, ha i capelli corti. Non è molto bella, è bassa di statura e soffre di pinguedine. Sicuramente ha dei graziosi taralli di grasso intorno alla vita, s'intravedono sotto la maglietta celeste tempestata di scritte inglesi. Il sedere pare sodo e grosso sotto i pantaloni jeans scoloriti e stretti. Anche il suo volto, bianco e roseo, è accigliato, ma si dilata in sorrisi furbeschi quando saluta i mercanti come se fossero suoi vecchi amici. Passa da una bancarella all'altra fendendo la folla, quasi volando, finché si ferma davanti ad un altro vicolo, più stretto, trasversale, da formare un angolo retto con la via del mercato; si trattiene con la mano sinistra alla fune che tende il telo sovrastante la bancarella, scruta nel vicolo per pochi secondi, poi vi entra.

Dalla fila opposta di quei negozi traballanti si muove un uomo. E' basso e tozzo, la barba nera di molti giorni gli fa irsuto il volto, i cespugli di peli intorno agli occhi e i capelli ricci e neri sulla bassa fronte gli attribuiscono già al primo sguardo il marchio del malvivente. Si muove a scatti. Come se i muscoli in attrito delle cosce gli impedissero di muovere le gambe.

Il vicolo è cieco. Infondo, a chiudere due brevi file di case decrepite, c'è una enorme facciata scura d'un antico palazzo nobiliare, ora fatiscente. Due finestre dell'ala sinisra sono murate, orbe. Il portone è sbarrato da marce tavole di legno, delle quali due sono messe in croce con l'incarico di tener unite e ferme le altre. Nell'angolo inferiore destro di quella croce c'è un varco nero. Federica lo attraversa ed entra in un buio denso di umido e muffa. A destra e a sinistra si distinguono a malapena le sagome di due immensi archi ai cui piedi c'è l'accenno di altrettante marmoree scalinate.

Vien voglia di pensare alle antiche famiglie che vi abitarono, ai servi in rosse livree con i candelabri ad illuminare le volte stuccate nei giorni di festa, ai nobili arroganti ed incipriati che posavano i preziosi piedi sui gradini di lucido marmo.

In quel posto entra anche l'uomo dalla barba incolta, a tastoni preleva da una buca nel muro delle bustine bianche, si avvicina a Federica che spiega una sacca di tela, l'allarga e la tende all'uomo.

“Una, due, tre...” La voce di lui dolce e paterna stride col corpo:

“Fede, alle prime tre bancarelle, dieci a testa, poi vieni per un altro giro...Come sta?” Insieme alla domanda gira la testa verso il fondo del portone, buio come se fosse il principio del nulla.

“Come sempre.” Risponde la ragazza con un gesto di gratitudine e di rassegnazione.

“Vai ora, ti aspetto!” E l'uomo dà un buffetto affettuoso alla guancia della ragazza che torna nella via del mercato.

Quando Federica arriva alle prime tre bancarelle, c'è già la fila. Le donne, in attesa della polvere bianca, sono inconfondibili per il trucco vistoso, le labbra rosso smagliante, i capelli ben curati da abili parrucchieri.

La ragazza si ferma, aspetta il segnale dall'ambulante, quindi insieme si appartano dietro ai furgoni e lì avviene la reciproca consegna della merce e del denaro. Nessun controllo: tutti sanno la crudeltà con cui viene punito lo sgarro e nessuno quindi osa rubare al ladro.

Altri quattro giri compie la ragazza, tutti uguali, con una esecuzione meccanica, salvo il solito scambio di sorrisi caldo e sincero.

L'uomo che intanto rimane solo nel buio ad aspettarla, fissa il fondo, scuote la testa, ma non si muove.

Al ritorno dall'ultimo giro, Federica, oltre al denaro, porta tanti sacchetti della spesa che a stento sostiene con entrambe le mani. L'uomo le chiede:

“Ti aiuto?”

“No! Sai che è vietato.”

Federica, sola, quasi piegata dal peso delle borse, s'inoltra nel buio di un enorme diaframma. Nell'attraversarlo, ogni volta ha paura, le si stringe la gola, come se un palpabile ignoto la soffocasse. Il groppo si dissolve quando il suo corpo urta il solido di un muro e di una porta, contro cui sbatte il piede tre volte e che finalmente si apre. Il volto rugoso e serio della madre Zita le placa le ultime palpitazioni.

“E' arrivata Federica, barone Alfonso!” Grida la donna, volgendosi indietro, verso chi dell'uomo conserva ancora una figura incerta.

 

Il barone Alfonso, così lo chiamano tutti i familiari, s'era sempre detto che discendesse da una nobile famiglia, che suo nonno fosse stato adottato addirittura dal conte di Bari, Pasquale dei Borbone di Spagna, adozione forse veramente avvenuta, anche se poi annullata, il che aveva fatto rientrare l'avolo tra i ranghi dei comuni mortali.

Fatto sta che il comunemente detto barone Alfonso si era in breve tempo misteriosamente arricchito e tanto da fare invidia ai veri aristocratici. I denari carpiti convertiti in immobili intestati a famigli. Purtroppo, nonostante le sue fortune, a cinquant'anni fu colpito da un ictus che gli devastò il fisico. Gli rimase paralizzata l'intera parte sinistra del corpo, ch'era già magro più di un filo. Altre dolorose e grottesche conseguenze di quel colpo furono la bocca perennemente aperta, ma senza un grido, così, aperta col buio dentro e basta, e gli occhi fissi e senza espressione, come quelli di un barbagianni, alla cui testa ormai somigliava molto la sua. Così da un decennio se ne stava seduto su una sedia a rotelle, pelle ed ossa, pronto a morire ma finora vivo, nel suo ultimo disperato rifugio.

Zita era stata la sua amante. Ora l'accudiva con devozione. Il barone Alfonso s'era fin da ragazzo dedicato con testardaggine, spesso crudele e sanguinaria, alla organizzazione di una numerosa e fedelissima famiglia, con la quale spremeva, simile a ruote di frantoio, gli abitanti del grande e vecchio centro cittadino.

Da quell'antro oltre ogni mondo, inflessibile feudatario, regnava sul quartiere. Le sue leggi assolute erano accettate da tutti gli sgherri, rispettate e soprattutto fatte rispettare: aveva costruito una meravigliosa macchina produttrice d'ingenti ricchezze, che ora funzionava autonomamente. Ogni parte di questa macchina aveva notizie, per trasmissione orale, dell'esistenza e delle volontà del barone Alfonso, il capo, intangibile ed invisibile, del quale nessuno più sapeva dove si nascondesse. Persino all'unico uomo, quell'irsuto cui era permesso entrare nel portone, non era concesso violare il diaframma oscuro, l'antinferno, una sorta di spazio nero immisurabile, dopo il quale, separato da un ruvido compatto muro, che il buio perfetto rendeva al tatto infinito, si apriva l'aldilà nel quale il barone e Zita vivevano la loro straordinaria vita.

 

Federica era figlia di Zita e del primo marito di costei, morto poco dopo la nascita della bambina durante una feroce sparatoria contro la polizia. Era cresciuta tra il silenzio melmoso di quel limbo e il frastuono caotico del mercato, adottata virtualmente dal barone, coccolata da tutti i familiari. Da un mese circa aveva conosciuto Rosario che s'era innamorato di lei appena l'aveva vista: le era caduto un giorno un pugno di quelle bustine bianche e Rosario, che le si trovava per caso dietro e la stava ammirando, fu lesto a raccoglierle ed a restituirgliele, senza capire sul momento perchè la ragazza l'avesse guardato con occhi atterriti, anziché di gratitudine. Un attimo, poi il viso ingenuo e bello del ragazzo, bruno, sorridente, sciolsero nella ragazza la diffidenza e fecero amicizia. Restarano insieme quel giorno alcune ore, nonostante i tanti sguardi contrariati che da dentro la folla li osservavano con attenta diffidenza.

Presto Federica fu contagiata dall'amore di Rosario e il desiderio di incontrarlo, di parlargli e di sentire il caldo contatto del suo corpo diventò irresistibile. Lo introdusse nel vuoto buio il pomeriggio, quando le bancarelle lungo la via del mercato erano solo mucchi di legna accatastata in una desolata solitudine. Rosario muovendosi furtivamente tra quel nudo grigio di stanghe arrivava al portone del vicolo, vi entrava attraverso il varco e sbatteva contro Federica che se lo trascinava come in un abisso. Il nero denso del buio aveva uno strano potere, scioglieva nei due ragazzi ogni freno, solleticava e accendeva i loro sensi e li gettava in una bramosia frenetica, infuocata, senza che una parola emergesse da quella brace; c'erano solo carezze ardenti come tizzoni che frusciavano dolcemente sulla pelle soda e giovane.

Zita li scoprì.

Il sospetto le era venuto dall'osservare l'aria che l'amore diffondeva per il volto della ragazza, che ora spesso s'arrossiva, come per un segreto inviolabile che le scaldava il cuore.

Fu un momento, un sospiro. In un attimo dal buio vuoto le fu sottratto Rosario, come improvvisamente una raffica di vento disperde poche foglie. Federica si sentì spinta nell'antro, si trovò al cospetto del barone che teneva il volto terribile diritto verso di lei. Nel torbido silenzio della figura mostruosa lesse il rimprovero e la minaccia. La ragazza lo guardò terrorizzata, sciolta d'ogni forza.

Zita le si accostò dicendo:

“Va! Alfio ti aspetta nel portone.”

Federica uscì quasi sollevata, forse la famiglia l'avrebbe perdonata. Per la prima volta sorrise all'uomo irsuto, poi riprese ad ancheggiare tra le bancarelle del mercato.

Di Rosario nessuno più ebbe notizie.

© Luigi Panzardi



Recensioni ed articoli relativi a Luigi Panzardi

Nessun record trovato

Testi di Luigi Panzardi pubblicati su Progetto Babele

(1) Sizilianische Weltanschauungen di Salvatore Giordano - RECENSIONE
(2) La ragazza del mercato di Luigi Panzardi - RACCONTO
(3) La busta azzurra di Luigi Panzardi - RACCONTO
(4) Il Cerchio infinito - Poesie di Renzo Montagnoli - RECENSIONE
(5) Etimmè di Luigi Panzardi - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2009-01-24
VISITE: 12998


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.