Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [20/10/2019] 5 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    “Linee di Paesaggio” scadenza 2019-10-28    Concorso per artisti emergenti scadenza 2019-10-30    Motori & Passioni scadenza 2019-10-31    Ve- Leggiamo scadenza 2019-10-31    Premio Orizzonti scadenza 2019-11-03    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
32 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
5 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Egoismo
di Alfonso Passarello
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 11570
Media 79.27 %



Il piccolo braciere che ho posato sulla scrivania del mio studio, al primo piano della mia casa, scoppietta rovente. Sono davvero una trovata geniale le diavoline accendi fuoco. 
La luce è spenta. Solo i fari delle auto che sfrecciano illuminano di tanto in tanto, attraverso la finestra, la camera. 
Il vuoto. Sì, un tremendo ed orribile vuoto mi circonda. Mille cose la vita mi ha donato ma non basta. No, non basta. Rifletto troppo ultimamente sulla mia dannata esistenza. Sono ricco, sono potente, sono temuto, sono rispettato ma sono Solo. 
Non c’è nessuno alla sera, nella mia villetta tardo barocca, ansioso del mio ritorno. Non un figlio né una moglie pronta a corrermi incontro e abbracciarmi. Qualcuno che mi ama. 
Tanto sono riuscito a costruire ma ciò che davvero conta nella vita no. 
Mi opprime il silenzio della mia casa; l’ordine immutato della mobilia attorno a me così spoglio, così poco vissuto. Nessuna foto di qualcuno adorna la mia scrivania colma solo di scartoffie varie e un set da scrivania di vera pelle regalatomi da colleghi il giorno della laurea. Colleghi appunto, non amici. Io non ho amici fuorché qualche net-friend incontrato per caso in chat di cui non so nulla o quasi e ciò che so non credo neanche sia vero. 
Amavo la carriera, il prestigio, i soldi ma cosa sono a confronto dell’amore, di una famiglia, di qualcuno che ti ami senza termini né condizioni. 
Ho provato a conoscere qualcheduno, avvicinarmi a delle donne ma mio malgrado non riesco ad amarle. Sono stato così a lungo preso da me stesso che mi viene impossibile donarmi ad un’altra persona. Non ci riesco. Ciò mi fa soffrire ma non riesco. Sono matto, lo so. Non so neanche io giustificare il mio pessimo essere. A volte mi chiedo se sia dovuto alla mia diffidenza verso la feccia del mondo in cui ci troviamo catapultati. 
Soffro troppo. È depressione? Chi lo sa. Forse lo è ma a chi può importare. La bottiglia di vodka allo stato puro è ormai divenuta mia confidente. La scruto spesso, la accarezzo la bevo con gusto. Mi riesce a distrarre dalla mia sudicia esistenza. Un tocca sana direi. 
Mi annoio. Nulla è novità. Tutto l’ho già fatto. Niente mi stupisce. Nessuno mi impressiona. 
Che senso ha continuare a vivere? Vuol dire solo lavorare e guadagnare per regalare una ingente eredità a qualche parente lontano che si farà vivo alla tua morte? Ho già permesso molte cose negative al mio tristo destino. Questo non lo permetto.

È tutto qui il mio patrimonio. Davanti i miei occhi. Anni di lavoro e di soddisfazioni. Ho prelevato tutto ciò che avevo. Trecento mila euro riempiono questa valigetta apparentemente insulsa. Prendo a mazzi le banconote. Che schifo che attorno ad esse ruoti il mondo. Il braciere continua ad ardere. Una fiammata più grande ad un certo punto illumina il mio viso affranto dalla vita. Le banconote sono lì a bruciare. Ne metto delle altre e poi ancora. Mazzetto dopo mazzetto. Minuto dopo minuto mi gaso. Sono contento. Sono pazzo. Sono egoista. In pochi istanti nessun soldo rimarrà per nessun arrivista che abbia un minimo diritto su ciò che io ho guadagnato. Si dissolve in questa stanza il mio patrimonio. Ho pensato a lungo su cosa farne. Moltissimi ne avrebbero bisogno ma non mi importa. Che ci posso fare io se mezzo mondo muore di fame o se un barbone sta sempre davanti la mia villa nella speranza di un centesimo da parte mia. Non posso né voglio risolvere i problemi della terra. Io ho sofferto. Nessuno è riuscito ad aiutarmi e a farmi stare bene. Nessuno. Non vedo perché dovrei farlo io per gli altri. 

Un profumo orrendo pervade la stanza. Il braciere si spegne. É tutto cenere. 
Apro il cassetto. La prendo. La pistola intendo. Un bel colpo alle tempie e tutto sarà finito. 
Cacchio la casa. Rimane la casa che sciocco. Qualcuno potrà ereditarla, potrà usufruire di essa. Ormai è troppo tardi. Pazienza. Spero solo che un fulmine la disintegri da cima a fondo. 
Mi alzo. Vado davanti lo specchio del bagno. Accendo la luce. Il mio volto è quello di sempre. Impassibile e apatico il mio brutto sguardo strabico. La canna della pistola già accanto la testa. 
Il telefono squilla. Che trilli pure quel maledetto. Mi accingo a premere il grilletto. Mille pensieri mi passano in testa. Non ho nulla a perdere di questa vita bastarda che mi ha reso pazzo e solo.
     Addio mondo. Boom.

© Alfonso Passarello



Recensioni ed articoli relativi a Alfonso Passarello

Nessun record trovato

Testi di Alfonso Passarello pubblicati su Progetto Babele

(1) Egoismo di Alfonso Passarello - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2009-01-27
VISITE: 23680


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.