Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    [25/04/2019] 15 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    SCENICCHIA UNA SEGA #2 PRATICAMENTE UN CONCORSO LETTERARIO scadenza 2019-04-26    La Farnia d'Oro In terra nostra scripta apparuerunt scadenza 2019-04-30    Il Prete Bambino scadenza 2019-04-30    Premio drammaturgico per testi a tematica gay scadenza 2019-04-30    La tecnologia è magia? scadenza 2019-04-30    L’Ebbrezza della vita scadenza 2019-04-30    Città di Latina scadenza 2019-04-30    Onigo Mura bastia scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Tra Secchia e Panaro scadenza 2019-04-30    Il Sogno del Poeta scadenza 2019-04-30    OCEANO DI CARTA scadenza 2019-04-30    Nuova Scrittura Ermetica 2019 scadenza 2019-04-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo     Tenebra Lux di Alessandro Del Gaudio     Epiphaino di Guglielmo Campione     Fermento di Falesia di Stefano Giannotti     Guida ai cantautori italiani - Gli anni Settanta di Mario Bonanno    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Angolo di SImone
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
58 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Il clima del naviglio
di Massimiliano Favoti
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 8939
Media 79.62 %



Il clima finalmente è mite. Passeggiando lungo la mia strada preferita posso ora slacciare il giaccone e togliere la sciarpa che mi ha protetto tutto l’inverno e respirare a pieni polmoni. Quella strada che percorro spesso anche in bicicletta è immersa tra campi coltivati e immensi boschi che si perdono a vista d’occhio lungo tutta la pianura verso sud; questa parte della città mi è sempre piaciuta perché qui anche in piena estate posso stare al fresco delle piante o tuffarmi nell’acqua per un rilassante bagno. Questa non è la mia città natale ma ci sono pian piano innamorato, un po’ per il contrasto tra la bella natura ancora selvaggia e le case che si costruiscono velocemente, un po’ per la sua gente sempre così intraprendente, un po’ per la sua arte e per la sua cultura. E’ una città che ti entra dentro con dolcezza e che ti affascina nei tanti piccoli dettagli; non so come sarà domani, non riesco proprio ad immaginarla con l’evoluzione del mondo.

L’acqua accanto a me scorreva lenta e Pino, il mio amico pescatore sempre seduto sotto lo stesso ponticello da 20 anni, aveva l’espressione ancora più felice del solito e sotto il vecchio seggiolino traballante proteggeva il “bottino” della sua giornata; sembrava decisamente più ricco del solito il contenitore dei pesci, quasi come se anche loro risentissero del cambiamento della temperatura primaverile. Sopra la sua testa le rondini cantavano serene e sfiorava l’acqua quasi a voler giocare con il galleggiante della canna da pesca di Pino, quasi alla ricerca sott’acqua dell’esca per i pesci o magari proprio alla ricerca dei pesci per giocare e festeggiare con loro. Pino era fatto così, un uomo semplice, dal carattere forte ma dal cuore grande.

La casa di Pino, la classica cascina con la corte e gli animali che scorazzano, è a pochi passi dal suo abituale luogo di pesca e sua moglie, con regolarità, gli porta estate e inverno una tazza di caffè caldo almeno due volte al giorno; in pieno inverno, quando dalle nostre parti la nebbia si taglia a fette, la moglie uscendo di casa “cerca” il marito con la voce per poi trovarlo intirizzito con la canna da pesca in mano e lo sguardo perso alla ricerca della preda. Pino ha sempre lavorato alla costruzione della “cattedrale” fino a quando, verso la fine del 1386, (maledetto quel giorno continua a dire ..), un blocco di marmo scaricato dalla chiatta non gli ha spezzato una gamba in due e per sempre una professione che lo avrebbe fatto diventare ricco: la sua vita da allora si è trasformata ed è cambiata e paradossalmente quel canale di fronte a casa sua che aveva sempre maledetto per le zanzare che portava tutti gli anni, ha iniziato a diventare il suo amico migliore e il suo unico confidente di ogni giornata. Stava li, dalla mattina alla sera, salutando i barconi che in silenzio scivolavano piano piano portando il prezioso materiale da costruzione dal paesino di Condoglia, della bassa valle del Toce, fino alla fabbrica della “cattedrale” e tutte le volte con la mente ripercorreva quel tragitto fatto centinaia di volte: dal Naviglio Grande alla Darsena e poi giù per la Conca per immettersi ancora con le imbarcazioni sulla Cerchia interna, nella zona del Molino delle Armi, per giungere infine al “Laghetto”, destinazione finale del carico.
A quel punto il corpo si rilassava completamente al sonno: la forte stretta delle mani veniva meno lasciando in bilico la canna da pesca che come per incanto ondeggiava mossa dal vento e dalle onde del naviglio ma non cadeva. L’equilibrio raggiunto era perfetto.

Il risveglio era brusco più che mai, più che gli altri giorni. La canna da pesca di Pino si era incastrata tra le gambe e il seggiolino e l’esca era ormai un triste ricordo disciolto nelle acque. In compenso, il rumore si faceva assordante e tutto intorno, come sempre succede verso l’imbrunire di questa bella stagione era un fiorire di tavolini all’aperto e di coppie che passeggiano mano nella mano; su questa parte della vecchia alzaia, ormai riservata solo a zona pedonale, i ragazzi con i loro spumeggianti scooter che usano i passanti come birilli per fare lo slalom si fermano proprio di fronte ai numerosi locali, happy hours e gelaterie. Sull’altra sponda le auto in coda aspettano che il semaforo diventi verde o sono alla ricerca di un sospirato parcheggio. La casa di Pino è una rimodernata casa di ringhiera, oggi molto di moda, con al piano terra caratteristici “studi” di artigiani o artisti che espongono e vendono al numeroso pubblico che si accalca nei famosi navigli; sono numerosi i turisti stranieri che chiedono a Pino se si pesca qualcosa su quel finto fiume e lui ripete sempre lo stesso gesto sconsolato con la testa proteggendo con un po’ di vergogna il magro “bottino” della sua giornata.
L’aria di Pino oggi, nel 2005, è diventata triste. La “cattedrale” è vero, è stata finalmente costruita e oggi la chiamiamo “Duomo”, ma gli immensi boschi alle porte della città sono scomparsi, i barconi davanti a casa oggi sono fermi, appoggiati sul fondo e trasformati in bar o ristoranti; le chiatte oggi non passano più: quel percorso di acqua che collegava il centro di Milano con il resto del mondo è scomparso, forse per sempre … di certo scomparso sotto l’asfalto o interrotto da chiuse abbandonate; anche l’aria della moglie di Pino si è fatta più triste perché è vero che oggi la nebbia è quasi scomparsa ma con lei, anche la nostra Venezia, che solo con la fantasia di Pino possiamo ancora ricordare.

© Massimiliano Favoti



Recensioni ed articoli relativi a Massimiliano Favoti

Nessun record trovato

Testi di Massimiliano Favoti pubblicati su Progetto Babele

(1) Il clima del naviglio di Massimiliano Favoti - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2009-03-03
VISITE: 17823


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.