Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [21/11/2019] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    PREMIO NABOKOV scadenza 2019-11-30    Residenze Gregoriane 2019 scadenza 2019-11-30    Premio Poesia dell'Anno” (2019) scadenza 2019-11-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
29 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Storia di un ubriaco
di Michele Nini
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 4741
Media 78.95 %



Tutti i giorni sembrano uguali, tutte le notti, le mattine, i pomeriggi ed anche le sere; al paese tutto sembra seguire un suo ciclo prestabilito: la sveglia all’alba mentre i galli ancora dormono beati; i campi da arare, seminare,mietere o annaffiare; colazione con pane, prosciutto o lardo o cipolla, pranzi e cene innaffiati dal vino di casa, e partite a carte la sera prima di andare a dormire e ricominciare un’altra giornata. La vita quotidiana è quasi in un rito. Nonostante ciò, vivendo nel paese, scopri che non ci sono due giorni uguali e forse dalle impercettibili sfumature che distinguono i soliti gesti e le solite azioni, o dagli istanti in cui la quotidianità si distrae nascono amori, intrighi e magari anche litigi e tradimenti.
Poi nascono storie, figlie di Calliope e alle volte figlie di Bacco. Racconti di vita vissuta o a volte soltanto immaginata . Leggende di diavoli che, per i colli, corrono in bicicletta e di malvagi vecchi ultracentenari e gobbi che rapiscono i bambini e che nella realtà popolano gli incubi di questi e i ricatti di chi li vuole “addomesticare”.
Nevicate che durano settimane, con neve che ricopre le case e i monumenti, e persone che senza accorgersene passano sopra questi seguendo magiche strade di ghiaccio.
Storie di bevitori leggendari e invincibili, di mangiatori capaci di abbuffarsi al punto di toccarsi il cibo con un dito; eroi di guerra assassini alle volte di Rommel e alle volte di Hitler.
O ancora storie di animali leggendari come la velenosissima ma, ahi lei, ceca lucengola o il reolo, una specie di lucertola che nasceva dalla coda delle vipere che finivano i loro giorni tagliate a metà.
In particolare si dice questi fosse estremamente riconoscente verso il suo liberatore, ossia verso l’uccisore della vipera, e che provasse per questo una sorta di venerazione; pare addirittura che al corteo funebre del suo salvatore fosse solito seguire rispettosamente e con sguardo fiero la processione.
Le storie che viaggiano di persona in persona arricchendosi di particolari, come l’acqua di un fiume raccoglie dal greto ciottoli e limo.
Ci sono storie, personaggi eppoi personaggi che sono essi stessi storie. Ci sono, c’erano e ci saranno sempre: finché il sole solcherà il cielo.
Brugnetta era uno di questi.
Era un vecchio, come tanti, la sua particolarità stava nel fatto che beveva, cosa di per sé non strana se non fosse per le quantità e soprattutto per le relative elefantiache e soprattutto frequenti, sbornie; beveva sempre e le sue guance si coloravano di quella sua passione vitale per il vino: era ad esse doveva il suo soprannome.
Girava sia d’estate che d’inverno chiuso nel suo cappotto di lana grezza a tre quarti, a chi gli chiedeva per quale motivo girasse ad agosto con quello addosso rispondeva, con sicurezza e superiorità:“dove non passa il freddo non passa neanche il caldo” , nessuno riuscì mai a contraddirlo.
Il suo aspetto un po’ grottesco era completato dal cappello stile panama e dai numerosissimi peli bianchi che facevano capolino dai suoi grandi orecchi a sventola; era facile magari ridere di lui, più o meno tutti lo facevano, ma era anche difficile non accorgersi del dramma di un vecchio che annegava nel bicchiere i dolori e la solitudine della sua vita, il suo forse essere incompreso e un po’ diverso in un paese fatto da gente più o meno uguale.
Era solito passare, ciondolante quasi trascinandosi, per le vie del paese, mentre gli uomini giocavano a carte e raccontavano di quanto fossero belli i propri pomodori o le proprie zucchine, le donne chiacchieravano ricamando e noi ragazzi giravamo a far dispetti o a rubacchiar ciliege e meloni negli orti.
Lui passava, se incontrava qualcuno a volte lo salutava a volte no, alcuni scherzavano e si prendevano anche gioco di lui, ma lo facevano senza cattiveria, o almeno credo.
Poi, tutte le sere, giunto davanti alla statua della Madonna che troneggiava all’interno di una cappella si fermava.
Toglieva rispettosamente il suo cappello. E iniziava a parlare:
“Bonasera Marì!
Io e te semo uguali:
tu sei piena de grazia e io so’ pieno de vino,
da te t’è morto un fijo in croce e da me m’è morto in guerra”
Silenzio, qualche lungo secondo di placida attesa,poi:
“Bonasera Marì!” E tornava per la via ancora ciondolante in direzione di casa.
All’epoca non avevo neanche diciotto anni e mi aveva colpito la sua storia, quel figlio perso da lui in guerra era partito da soldato lasciando sulla porta di casa un biglietto con scritto semplicemente: ”quando mi saprete morto, arrivederci”. Era sicuro di morire e la vita, o meglio la guerra, come a tanti, anche a lui per una volta diede ragione.
Anche i miei amici erano rimasti colpiti dalla storia di Brugnetta e decidemmo di fare qualcosa per lui.
Ci volle un po’ per decidere cosa fare per lui, all’inizio non sapevamo proprio cosa inventarci, finche non mi venne in mente l’idea che mise tutti d’accordo: l’idea che stavamo aspettando.
Era sera già da un pezzo, e quella sera fu una sera speciale per noi, ma soprattutto per lui.
C’è chi ancora oggi mi dice che lo prendemmo in giro, che facemmo una cosa orribile ma personalmente non mi sono pentito e credo che rifarei tutto quello che ho fatto.
Tornando a quella sera, Brugnetta come di consueto, comparve sulla strada e, camminando con andatura ciondolante, si avvicinò alla statua si tolse il cappello e iniziò con il suo solito saluto:
“Bonasera Marì”
“Bonasera Brugne’!” Rispose Maria.
“Marì! allora me senti! Ce stai anche per me!” rispose il vecchio, stupito ma neanche troppo,con l’espressione di chi pensava sarebbe prima o poi successo,
“Certo che ce sto Brugne’, ce sto anche per te, che te credi? Che c’hai meno de l’altri? Che te manca?”
“E’..So’ un poro vecchio, e nun c’ho più nessuno, c’ho giusto la bottiglia”
“T’ho detto che ce sto io! Nun pensa’ mai de sta solo, anche quaggiù ce ne stanno de persone che te vogliono bene, nun te crede! E smettila de attaccatte da la bottiglia, che el vino da la grazia c’assomiglia pure, de sera, ma poi la mattina dopo te fa’ sta peggio de la sera prima, nun risolve niente!”
“C’avete ragione Marì, ho da smette che è anche peccato!”
“Si, e è peccato per te più che pel Padreterno: Lui mica se mette a conta i bicchieri che bevi da Lui gli basta che sei bono, che sei uno de core!”
“Bè quello ce provo Marì”
“Sta tranquillo allora, che el Signore lo sa. Via adesso torna a casa che è tardi!Fatte forte, bonanotte Brugne’!” si accomiatò Maria,
“Bonasera, Marì” disse come al solito il vecchio andandosene, poi si fermo si voltò di nuovo e disse “grazie” per poi riallontanarsi per la sua strada.
Ci eravamo nascosti vicino alla cappella, celati un po’ dal buio un po’ dalla siepe, quando ci alzammo provavamo una strana sensazione e quel suo “grazie” lo sentimmo nostro. Quella sera “Maria” rispose a Brugnetta, non credo sia importante che in realtà ero io “Maria”, per lui credo, o almeno lo spero, quella voce era di Maria, il resto non conta perché credo che regalare una speranza, seppur con la menzogna, sia il più bel regalo che si possa fare ad un uomo, e che sia meglio una bugia che conceda pace e serenità piuttosto che una verità ben attenta a non soddisfare i nostri bisogni.
Quella sera decidemmo di dipingere la realtà con un po’ di magia e di addolcire gli spigoli della vita. Decidemmo di dipingere un cielo capace di stimare gli uomini degni di avere una risposta. E di questo non riesco proprio a sentirmi in colpa.
Brugnetta, ascoltò “Maria”: non bevette mai più.
E non passò neanche più davanti alla sua statua. Non si vide in giro per uno, due giorni così iniziarono a cercarlo. Alle ricerche partecipò tutto il paese, nessuno escluso: alcuni, la maggior parte, erano preoccupati e parteciparono con spirito sincero di generosità altri erano piuttosto presi dal frequente quanto arrogante spirito di protagonismo di chi vuole essere ed è convinto di essere il Deus ex machina della situazione; ma poco importa. Le ricerche non durarono molto.
Lo ritrovarono tre giorni dopo quella sera, era caduto in un fosso mentre tornava a casa, giaceva disteso a pancia sotto.
Tutti rimasero stupiti girandolo, nel vedere che sul suo viso, tra le rughe riempite dal fango, i tagli e il sangue secco, le sue labbra disegnassero un sorriso.

© Michele Nini



Recensioni ed articoli relativi a Michele Nini

Nessun record trovato

Testi di Michele Nini pubblicati su Progetto Babele

(1) Storia di un ubriaco di Michele Nini - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2009-04-07
VISITE: 9173


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.