Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Il gruppo di Progetto Babele su Facebook
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Collabora con PB Cos'è PB?
TeleScrivente:    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    Dopo quindici anni, chiude la rivista Segreti di Pulcinella (ma resta il BLOG) (03/05/2018)    La biblioteca più alta del mondo (forse) (01/05/2018)    Lo stagno dei caimani - ritrovato il racconto perduto di Salgari (12/04/2018)    Il 12 Ottobre 2017 chiude i battenti la storica NETEDITOR (06/10/2017)    [18/07/2018] 10 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    FESTIVAL DEI DUE PARCHI scadenza 2018-07-20    L'umorismo, un modo di guardare la realtà scadenza 2018-07-21    Un Monte Di Poesia scadenza 2018-07-22    Città di Porto Recanati - Premio Speciale Renato Pigliacampo scadenza 2018-07-25    III Edizione della Giornata mondiale della Poesia con A.Monaco -100thousand poets for change 2018 scadenza 2018-07-25    Racconti di Milleparole scadenza 2018-07-30    Lo Scrittoio scadenza 2018-07-30    Giornalismo d'inchiesta - Italia, il bel Paese scadenza 2018-07-30    Uomini, e donne, sul mare scadenza 2018-07-31    FINO IN FONDO scadenza 2018-07-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro     L`ultimo di Giuseppe Foderaro letto da Luca Govoni    RECENSIONI     Coraline di Neil Gaiman Adattato e ilustrato da P. Craig Russell     A Sud dell’Alameda - Diario di un’occupazione di Lola Larra e Vicente Reinamontes     Ho sognato di vivere - Variazioni sul tema del tempo in Roberto Vecchioni di Mario Bonanno     Le case del malcontento di Sacha Naspini     Laura Morante, in punta di piedi di Stefano Iachetti    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     L´horror psicologico di Michele Pastrello     ANTONIO ALTOMONTE «emblematico ricostruttore di perdute dimensioni».     Il mondo poetico del calabrese Rocco Nassi     FRANCESCO PERRI (Careri 1885 – Pavia 1975): il primo scrittore antifascista della letteratura italiana e il primo cantore dell’emigrazione meridionale     La donna indiana tra letteratura e realtà. Anita Desai e Kamala Markandaya.    Racconti     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice     Lettera ad una cucciola di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Rodolfo Walsh (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
Facebook
La Rivista
PB numero 19
Scarica gratuitamente PB
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
34 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
11 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Il piccolo B.
di Roberta Rapelli
Pubblicato su SITO



VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 7507
Media 79.68 %



Da dove venisse e dove andasse nessuno lo ha mai saputo, ma il piccolo B. sembrava non darsene pensiero, perché lui sapeva fare una cosa molto, molto speciale: sapeva guardare le cose che gli stavano intorno con un’attenzione così profonda da fargli scoprire almeno cinque meraviglie al giorno. Una delle sue giornate preferite fu quella in cui scorse tra le nuvole un treno guidato da un cavallo che fumava una pipa; non solo, in quello stesso giorno riuscì ad ascoltare i piani di lavoro delle formiche che abitavano il formicaio vicino alla quercia in fondo al bosco; origliò poi le ricette segrete degli gnomi (che ovviamente abitavano nella quercia in fondo al bosco); inoltre vide una lite furibonda tra due sciocchi grilli che dicevano ciascuno di avere le antenne più lunghe; infine, osservando bene il guscio di una lumaca, vide chiaramente la sagoma di una piccola porta con una piccolissima serratura (ancora oggi il piccolo B. è molto triste per non aver saputo trovare la piccolissima chiave di quella piccolissima serratura).
I ragazzi e gli adulti si prendeva spesso gioco del piccolo B.: “Guardalo - dicevano - non sa neanche da dove viene e dove va, e se ne sta lì, con il naso all’insù a cercare chissà cosa nel cielo, o con il naso all’ingiù a giocare come uno sciocco con i sassi e gli insetti”. Il piccolo B. era certo che se avessero mai visto le zuffe dei grilli o avessero mai ascoltato le formiche o sentito che alcuni sassi dicono ahi se provi a prenderli e lanciarli forte per terra, allora non lo avrebbero più preso in giro. E poi, sapevano forse loro da dove venivano e dove andavano?! Lui era convinto di no, ed era contento di avere quel suo dono così speciale.
Un giorno, dopo essere stato a lungo a guardare le nuvole e gli uccelli che giocavano nel cielo, si alzò di scatto e fece una lunga corsa fino alla quercia in fondo al bosco. Lì si fermò e si sedette per terra. Osservò i sassi, le formiche, il muschio intorno al tronco e poi si stupì nel vedere che tra tutti i fili d’erba uno solo era tutto ricoperto di rugiada ed era così bagnato che ci si poteva specchiare, ma questo suo primo stupore fu nulla rispetto a quello che seguì quando dal filo d’erba vide sgusciare un piccolo scarafaggio che gli disse: “Buon giorno piccolo B.”. Il piccolo B. rispose cortesemente: “Buon giorno piccolo scarafaggio”. Poi toccò il filo d’erba e si accorse che non era bagnato, ma era come uno specchio brillante. Provò ad avvicinarsi un po’ e vide il suo piccolo volto riflesso, poi si avvicinò di più e vide che dentro il filo d’erba vivevano altre piccole creature.
“Hai visto casa mia?! – gli disse il piccolo scarafaggio – Ti piace?! Ci vivo con mia moglie e i miei figli. Si chiama casa-fisarmonica. A seconda di come tira il vento e di come muove il filo d’erba, la casa può diventare gigantesca o minuscola. Ora è diventata così piccola che mi ha buttato fuori!”
“Buttato fuori?”- domandò sorpreso il piccolo B.
“Sì, si è ristretta così tanto che non ci stavamo più tutti. Prima sono cadute tutte le stoviglie in cucina, poi sono finito spiaccicato contro un muro e infine sono stato sputato fuori. E ora sono qui. Sono felice di conoscerti, piccolo B. Mi hanno parlato molto di te le belle farfalle. Ti vogliono molto bene perché sei l’unico che non prova a prenderle per le ali e le lascia vivere. Sai piccolo B. ora voglio andare un po’ a spasso, perciò ti saluto. Ciao ciao e a presto”.
E così, detto fatto, in un lampo il piccolo scarafaggio aveva aperto le sue ali nere, blu e verdi e se ne era andato.
Certo per il piccolo B. questa meraviglia valeva almeno come le cinque che di solito vedeva in un giorno. Certo lo scarafaggio era strano: aveva parlato tanto e solo lui e poi era sparito, però il piccolo B. era felice lo stesso.
Da quella volta non passò giorno che il piccolo B. non guardasse con attenzione tutti i fili d’erba.
Quando divenne grande continuò a guardare con attenzione tutti i fili d’erba. Alcuni erano coperti di gocce di brina che sembravano i diamanti della corona di un re, altri erano case-fisarmonica di scarafaggi, grilli, cavallette e farfalle, altri erano semplicemente meravigliosi fili d’erba.
Ancora non sapeva da dove veniva e dove andava, ma era sempre felice perché lui aveva un dono speciale: lui sapeva guardare il mondo.

© Roberta Rapelli



Recensioni ed articoli relativi a Roberta Rapelli

Nessun record trovato

Testi di Roberta Rapelli pubblicati su Progetto Babele

(1) Il piccolo B. di Roberta Rapelli - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB


-

dal 2009-05-25
VISITE: 12947


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.