Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    [26/04/2019] 18 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    SCENICCHIA UNA SEGA #2 PRATICAMENTE UN CONCORSO LETTERARIO scadenza 2019-04-26    La Farnia d'Oro In terra nostra scripta apparuerunt scadenza 2019-04-30    Il Prete Bambino scadenza 2019-04-30    Premio drammaturgico per testi a tematica gay scadenza 2019-04-30    La tecnologia è magia? scadenza 2019-04-30    L’Ebbrezza della vita scadenza 2019-04-30    Città di Latina scadenza 2019-04-30    Onigo Mura bastia scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Tra Secchia e Panaro scadenza 2019-04-30    Il Sogno del Poeta scadenza 2019-04-30    OCEANO DI CARTA scadenza 2019-04-30    Nuova Scrittura Ermetica 2019 scadenza 2019-04-30    AG NOIR scadenza 2019-04-30    “Luca Romano” scadenza 2019-05-10    Premio Gambrinus Giuseppe Mazzotti scadenza 2019-05-10    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo     Tenebra Lux di Alessandro Del Gaudio     Epiphaino di Guglielmo Campione     Fermento di Falesia di Stefano Giannotti     Guida ai cantautori italiani - Gli anni Settanta di Mario Bonanno    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
58 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Via Po
di Michele claudio Napolitano
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 16807
Media 79.83 %



Nel mezzo del cammin di nostra vita...

Biancastra come latte cagliato scorre la via; la si può bere a piccoli sorsi senza pensare all'amaro che lascia in bocca. Quel che importa è il retrogusto, la saliva che aumenta, le papille gustative che si confondono con gli occhi e lo sguardo che confonde la strada e i palazzi. In un tram a mezzogiorno o a piedi di sera la via scorre comunque lenta, incespicando ad ogni passo, rapprendendosi in un coagulo di pensieri misti a mattoni e a calce.

Certo, occorre non lasciarsi distrarre dallo Spettro dei colori, ineffabile fantasma dalle infinite sfumature,  che aleggia sull'asfalto e sopra di esso: non ha un lenzuolo bianco, tessuto con i fili della somma e dell'assenza cromatica ma più sottilmente veste con cura il bagliore dei neon o l'azzurro del cielo, le carrozzerie delle macchine e la stoffa dei vestiti dei passanti.

L'occhio esperto sa poi ben discernere la concentrazione dello sguardo dai rumori che l'udito fedelmente riproduce, e che si posano come note su di una tromba che suoni non emetterebbe nemmeno se ci soffiasse Satchmo; l'orecchio che distingue i clacson dalle voci per l'occasione deve essere messo da parte.

Il tatto poi, depositato sui gelidi appoggi e frastornato dalla calca dei passeggeri o raggomitolato in fondo alle tasche calde, a giocare con minuscoli gomitoli di cotone non dovrebbe essere ridestato da ciò che avviene come in un film nella cinepresa della retina e nel montaggio del palato.

Sgombrando tutto, dicevamo, si intravede la via biancastra come latte cagliato. Il biancume ha dei contorni; sicuramente. Stretta, diagonale, obliqua, dritta, suicida si getta nel fiume contemplando il suo cadavere passare da un ponte. Nemmeno le esequie ha potuto ricevere, costretta a gettarsi a due passi da una Chiesa che pare il Pantheon, Spettro religioso multiforme, ben più corporeo del suo fratello dalle mille tinte. Nemmeno il conforto di un requiem eternam dona eis.

Va beh, direte voi, il prologo è appena cominciato e siamo già all'epilogo, senza aver capito se si tratta di commedia o di tragedia, ma vi si potrebbe eccepire che nemmeno al peggior regista non si concede un flash-back che scandagli nella memoria della finzione e nella storia del passato a mo di spiegazione. Proviamo a tornare indietro, regista!

Magari non ci sarà nemmeno bisogno di tirare in ballo Proust o chissà chi per sviluppare l'elemento stampato nella pellicola; o  per navigare il flusso costante, coesistente del Tempo (o del tempo). Magari è un dettaglio che vi è sfuggito perché nell'ellissi narrativa i dettagli sono importanti: il non detto è già un racconto, molto più del già detto.

Ripercorriamo a ritroso la bobina della via ancora in vita con una passeggiata attenta al particolare. Se eravamo dentro ad un tranvai l'occhio disattento può essersi lasciato andare al narcisistico gioco della propria immagine appesa al finestrino, la macchina da presa in movimento, mischiando il fuori campo con l'azione, le comparse con i protagonisti.

Se camminiamo adagio corriamo il rischio che l'odorato, senso al quale difficilmente sappiamo porre resistenza, si aggrappi ai polli arrosti e alle pizze dei take-away stimolando l'altra dimensione sensoriale che abbiamo all'inizio chiamata in causa: il gusto.

Astrarsi camminando per una via biancastra come latte cagliato non è poi così semplice ma se alla fine sapremo seguire le indicazioni offuscate dall'imperfezione urbana potremo giungere al verde intenso, speranzoso, vetusto ma ridipinto di fresco dell'oggetto del nostro cortometraggio iniziale.

A metà della via biancastra come latte cagliato mi ritrovai per il verde di una bancarella.

Che la diritta via non era smarrita.

© Michele claudio Napolitano



Recensioni ed articoli relativi a Michele claudio Napolitano

Nessun record trovato

Testi di Michele claudio Napolitano pubblicati su Progetto Babele

(1) Via Po di Michele claudio Napolitano - RACCONTO
(2) A lullaby for the poetry - Studio comparato tra Edgar Allan Poe e Dylan Thomas a cura di Michele claudio Napolitano - ARTICOLO
(3) La vera storia della parola "Salame" di Michele claudio Napolitano - RACCONTO
(4) Bartali di Michele claudio Napolitano - RACCONTO
(5) Il gatto di Michele claudio Napolitano - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2009-07-07
VISITE: 30663


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.