Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    [22/03/2019] 12 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Racconti di Donna -Antonella Calì scadenza 2019-03-22    Fuori dal cassetto scadenza 2019-03-30    La voce della Natura: Armonia, Benessere e Spiritualità scadenza 2019-03-31    Scrivi un giallo a Fico Eataly World scadenza 2019-03-31    Maria Virgina Fabroni scadenza 2019-03-31    La tecnologia è magia? scadenza 2019-03-31    Maria Virginia Fabroni scadenza 2019-03-31    Un Roero da Favola scadenza 2019-03-31    Premio Internazionale di poesia San Gerardo Maiella scadenza 2019-03-31    ROCCAGLORIOSA scadenza 2019-03-31    Angiè scadenza 2019-03-31    Ballo proibito scadenza 2019-03-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Tenebra Lux di Alessandro Del Gaudio     Epiphaino di Guglielmo Campione     Fermento di Falesia di Stefano Giannotti     Guida ai cantautori italiani - Gli anni Settanta di Mario Bonanno     Epiphaino di Guglielmo Campione    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
61 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
4 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Notte Stellata
di Cinzia Baldini
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 12212
Media 79.11 %



La sera in cui era nata sembrava che tutte le stelle del firmamento, scintillando lucenti e vicinissime, si fossero date appuntamento sulla prateria. Il drappo del cielo nero come la pece per l’assenza della luna impreziosiva quella visione d’eternità. L’astro amico della Terra si era ritirato dall’altra parte dell’universo. Era andato a rendere omaggio al Grande Spirito e lei proprio in quella notte aveva emesso il suo primo vagito e per questo Notte Stellata era il nome che i suoi genitori avevano scelto per lei.
L’erba della prateria spettinata da una leggera brezza sembrava sussurrare infastidita e l’aria tiepida carezzava la pelle. L’urlo dei coyote in lontananza e l’abbaiare dei cani nell’accampamento che rispondevano al loro richiamo, rendevano la notte viva e pulsante. Le braci dei fuochi erano ormai morenti e solo le sentinelle vegliavano invisibili sull’incolumità della tribù. Domani sarebbe stato il giorno della grande caccia e gli uomini avevano danzato e reso omaggio allo Spirito del Bisonte che con il sacrificio del suo animale sacro avrebbe garantito cibo, indumenti e sopravvivenza alla sua gente, come accadeva fin dall’inizio dei tempi.
Con i piedi calzati nei morbidi mocassini di camoscio Notte Stellata era sgusciata silenziosa fuori del suo tipì e nessuno dei suoi si era accorto della sua assenza. Non era la prima volta che lo faceva, le piaceva respirare l’aria della sua terra e si ubriacava degli odori, degli umori e delle sensazioni che da essa si innalzavano ed il modo migliore per farlo senza essere disturbata era proprio la notte. Ma quella era una serata diversa, non c’era nessuno eppure aveva la vaga sensazione di essere osservata e uno strano presentimento le stringeva la gola facendola ansimare. Un uccello notturno, spaventandola, urlò il suo richiamo che infranse il silenzio per qualche istante finché tutto tornò come prima. Eludendo gli uomini di guardia, con il cuore che le batteva velocemente nel petto, rimbombandole nelle tempie in tonfi cupi come il suono dei tamburi durante i rituali sacri, si incamminò lungo il piccolo sentiero che si inoltrava nella fitta boscaglia pregando il Grande Spirito di proteggerla.
Notte Stellata aveva lunghe trecce di capelli neri che le scendevano ben oltre le spalle e che alla luce del sole per uno strano gioco di colori assumevano degli incredibili riflessi blu. Sulla fronte spaziosa portava una strisciolina di cuoio lavorato su cui aveva intrecciato delle perline colorate in modo da comporre i simboli della sua antica e gloriosa tribù. Notte Stellata era una giovane donna comanche e gli zigomi alti ed il naso leggermente aquilino, suggerivano chiaramente le sue origini. Gli occhi grigi, vivaci e saettanti rischiaravano la pelle bronzea del suo volto mentre le labbra fini e delicate completavano quel quadro di naturale e primitiva bellezza. Il corpo slanciato coperto da un vellutato completo di pelle di daino che le fasciava il fisico sodo e tornito e l’incedere fiero la rendevano simile ad un’antica divinità pagana. La ragazza ignorava la sua sensuale bellezza e diventata donna da poche lune sognava che presto, forse dopo la grande caccia sarebbe diventata la squaw di un guerriero coraggioso ed audace.
Attraversato il piccolo boschetto e scalata senza fatica una ripida parete di roccia si sedette ad attendere l’alba. Era estasiata davanti allo spettacolo che la natura offriva ai suoi occhi man mano che le rosee dita dell’aurora svegliavano dal torpore notturno ogni anfratto, ogni sasso, qualsiasi cosa animata ed inanimata che si offriva al suo sguardo. Attendeva con ansia di riconoscere prima in modo sfocato poi sempre più definito le linee e le forme così care e rassicuranti del paesaggio circostante.
Mentre la terra rossa sembrava incendiarsi sotto i riflessi del sole nascente Notte Stellata innalzava la sua preghiera a Manitu per averle concesso di vivere libera sul suolo calpestato dai suoi avi e che gli Spiriti buoni e protettivi di essi vegliassero sulla pace del villaggio. Spesso si sedeva tra le anziane e con avidità ascoltava i loro racconti, rideva ai loro pettegolezzi e dava una mano nei lavori più duri come andare a prendere l’acqua nel vicino torrente o conciare le pelli degli animali.
La sua vita scorreva tranquilla e niente avrebbe potuto sconvolgerla si disse, ma quella sensazione di irrequietezza non l’abbandonava. “Più tardi andrò a parlare con lo sciamano del villaggio” pensò “lui interrogherà il grande totem e saprà come far tacere queste voci. É come se tutti gli Spiriti della Natura si siano riuniti e mi gridassero in testa qualcosa che non riesco a comprendere”. Sollevò le spalle fissando le iridi grigie verso la luminescenza perlacea dell’orizzonte e vide dei piccoli puntini neri che si muovevano lentamente lungo quella linea immaginaria. Con le mani si strofinò gli occhi pensando che il sole ormai alto nel cielo volesse beffarsi di lei e schermandoli con le dita indirizzò lo sguardo verso i cactus bassi e rotondi che crescevano intorno alla zona rocciosa in cui si era arrampicata e alle piante di saguaro che si allungavano in strane forme verso il cielo color turchese.
Ripensava all’inverno appena trascorso, al freddo, al ruscello ghiacciato e al tepore sotto la sua tenda coricata tra le pelli di bisonte, a suo padre Giovane Falco e a sua madre Brezza d’Estate ed il cuore gli si illanguidiva di dolcezza. Amava tutto di quella terra come amava la sua gente e in un moto di orgoglio promise a se stessa che avrebbe fatto di tutto per continuare le loro tradizioni e tramandarle ai suoi figli come i genitori avevano fatto con lei.
Tornata alla realtà vide che i piccoli puntini in lontananza si erano ingranditi e una nuvola di polvere trascinata dal vento lentamente si spostava con essi. «Uomini a cavallo» esclamò istintivamente, ancor prima che le sue giovani pupille abituate a sondare quelle grandi distanze mettessero a fuoco le figure. Erano vestite in modo strano, con dei calzoni dalla foggia e dai colori stravaganti e delle giubbe i cui ornamenti splendevano al sole come l’oro. Non cavalcavano a pelo, ma stavano seduti su elaborate bardature e man mano che si avvicinavano riuscì a distinguerne la loro pelle chiarissima. Si alzo in piedi per osservarli meglio e troppo tardi ricordò le parole del vecchio saggio Zanna di Lupo. Come una gazzella intimorita dall’arrivo dei leoni così Notte Stellata si preparò alla fuga, ma il suo slancio fu preceduto da un lampo improvviso ed un secco schiocco, simile ad un tuono, che si perse scivolando nella prateria. La giovane comanche impietrita dallo stupore, spalancò i grandi occhi e rimase ferma per qualche istante illuminata dai caldi raggi del sole, poi vacillando cadde nella polvere e mentre la corolla di una rosa vermiglia si allargava sul suo cuore le gelide labbra della morte raccolsero il suo ultimo respiro: «Quello era l’uomo bianco…».

© Cinzia Baldini



Recensioni ed articoli relativi a Cinzia Baldini

(1) Non Nobis Domine - I custodi della verità di Cinzia Baldini e Simone Draghetti - RECENSIONE
(2) Il veleno di Circe di Cinzia Baldini e Michele Zefferino - RECENSIONE
(3) Semplicemente Donna di Cinzia Baldini - RECENSIONE
(4) Semplicemente Donna di Cinzia Baldini - RECENSIONE

Testi di Cinzia Baldini pubblicati su Progetto Babele

(1) Epiphaino di Guglielmo Campione - RECENSIONE
(2) Incunabolo di Riccardo Merendi- Il Parere di PB
(3) Memorie di un ragazzo di borgata di Mario Rosati - RECENSIONE
(4) Il ritorno di Nibiru di Massimo Fratini - RECENSIONE
(5) Io sono respiro puro di Maria Fornaro - RECENSIONE
(6) Il lungo cammino del fulmine di Guglielmo Campione - RECENSIONE
(7) Brando Street. La scomparsa di una comparsa di Marisa Cecchetti - RECENSIONE
(8) Stella tra le Stelle di Cinzia Baldini - RACCONTO
(9) L`odore della notte di Paolo DAnna - RECENSIONE
(10) Templar Order di Domizio Cipriani - RECENSIONE
(11) L'autofficina di Cinzia Baldini - RACCONTO
(12) Il diciassettesimo Conte di Patrizia Marzocchi - RECENSIONE
(13) Le reliquie di Sarajevo di Paolo D Anna - RECENSIONE
(14) Malbianco di Sandro Capodiferro - RECENSIONE
(15) Il ponte delle Vivene di Davide Dotto - RECENSIONE
>>Continua (click here)



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2009-07-14
VISITE: 25967


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.