Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    Dopo quindici anni, chiude la rivista Segreti di Pulcinella (ma resta il BLOG) (03/05/2018)    [18/11/2018] 5 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    CartaBianca scadenza 2018-11-20    Premio Letterario Orizzonti scadenza 2018-11-20    Premio Poesia Di Liegro scadenza 2018-11-24    Rosso d'inverno scadenza 2018-11-30    LUCENERA scadenza 2018-11-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Capelli struggenti di Franz Krauspenhaar     L’incredibile vicenda che portò Jack Lanarco a salvare l’iperspazio da fine certa di Vincenzo Trama     Polaroid di Davide Rocco Colacrai     Ce sto io … poi ce sta De Niro - Mario Brega Biografia di Ezio Cardarelli     Breve inventario di un’assenza di Michele Paoletti    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello     ANTONIO ALTOMONTE «emblematico ricostruttore di perdute dimensioni».    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
47 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
13 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Odore di terra bagnata
di Mario Laudonio
Pubblicato su SE2


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 8005
Media 79.38 %



Odore di terra bagnata, assetata fino alla follia. Avida di ogni goccia. Una pioggia sporca, tiepida cade dal cielo senza colore perso nelle luci al neon riflesse dalla notte. Comparso così dal nulla, un tipico acquazzone di una rabbia selvaggia. Lama nella notte. Subito i canali di scolo si riempiono.
Ancora odore di terra bagnata, forte sopra ogni cosa.
Sono in macchina, sto guidando. Finestrini alzati, musica, tergicristalli e fari. Tutti insieme a lottare contro l’acqua e quell’odore, sporco, che sale dalle pozzanghere piene di fango che sembrano gusci di larve.
Un lampione… Un lampione… Un lampione… Un lampione…
Luce… ombra… luce… ombra… di nuovo maledetta luce… di nuovo maledetta ombra…
I miei occhi stanchi lottano nell’indecisione se rimanere aperti o chiudersi.
Luce… ombra… luce… ombra…
Hanno deciso restano aperti.
….
Giusto quando i lampioni stanno per finire.
Quindi il buio.
Ma solo un attimo.
Un battere di ciglia.
L’allargarsi di una pupilla per dissetarsi nell’aridità di appigli cromatici.
In quel momento tra luce e buio un lenzuolo danza di fronte ai miei fari inzuppati di notte e di acqua.
Un lenzuolo…
Un lenzuolo…
(Due battiti)
Non era un lenzuolo.
(Un battito)
Noneraunlenzuolo
(Silenzio e puzza di terra)

Inchiodo. Salvo la macchina prima che baci quella merda d’albero.
(Ancora silenzio)
NON ERA UN LENZUOLO
(un battito, ma al posto sbagliato. Devo rivedere la mia anatomia)
Il tergicristallo batte le sue gengive sdentate sul vetro.
(due battiti)
Piove, Dio se piove.
Provò a scollare le mie mani dal volante. Le nocche sono bianche come denti, le dita annaspano in cerca di un sostegno. Un crampo le attanaglia e le spinge a stringersi convulsamente a quel pezzo di realtà che mi impedisce di cadere nel vuoto.
(un battito)
(un battito)
(un battito)
La presa si allenta.
(un battito..)
L’ho quasi lasciato.
(un battito….)
Ce l’ho fatta.


Mi tolgo la cintura.
Mi ricordo che da quasi due minuti non sto respirando, allora provvedo a farlo.
Odore di terra. Sempre più forte.
Forte come del vino che inebria.
Come onda che ti spinge più a fondo.

Apro lo sportello e con cautela esco.
Guardo dietro la macchina, ma non la vedo.
“Dove cazzo è la …. ragazza?! (non era un lenzuolo era una ragazza)
“Una ragazza.”
(Una ragazza)
(Un battito in meno)

Sono sotto la pioggia.
La mia mente scarta questo dato due volte prima che mi accorga che sono fradicio.
“Sono fradicio.” Provo a dire ad alta voce al mio cervello.
Ma lui pensa ad altro.

Moviola
Luce… Buio… Luce…. Buio…. Lenzuolo…. Buio….
Indietro.
Buio… Lenzuolo. (STOP)… Lenzuololenzuololenzuololenzuolo.
No.
C’era una donna dentro.
(lenzuololenzuololenz…)
Bellissima.
(lenzuololenzuololenzuololen…)
L’ho investita.
(buio)
Ma non c’è.
“Non c’è!”
(Dove sei finita?)

qui…

(entra una fiammata all’ossidrile nei polmoni)
“Dove sei?”

Lontano, appena udibile …qui…
Vicino, nella zona in ombra dietro la macchina …qui…
Sotto il ciglio della strada …qui, qui….
(terra bagnata, fango, scuro raggrumato e fumante)
Da un albero …qui….
Vicinissimo, dietro di me …qui, qui, qui….

Un rantolio, una risata.
(Trenta, quaranta colpi al cuore)

Non riesco a vedere l’acqua è entrata negli occhi. Mi fa chiudere le palpebre.

Qualcosa si è mosso.
“Merda!”

…qui…
sulla mia spalla, ho sentito freddo, ghiaccio.

Mi giro e non c’è nessuno.
Grido.
Silenzio.

Si è mosso di nuovo qualcosa, l’ho visto con la coda dell’occhio.
Bianco.
Bianco come un corpo nudo..
Bianco come la calce.
Bianco come un lenzuolo
Comeunlenzuolocomeunlenzuolocomeunlen… come un sudario…..

Sono sicuro sia immobile dietro a quell’albero.
Arretro.
La puzza di terra è acre e dolciastra.
Decomposizione.
Dolciastra.
Terra assetata.
Morte.
Morte…

Il metallo sotto la mia mano.
Un rumore dietro la macchina.
Erbe mosse.
Mi giro: niente.
Un rumore dietro di me passi.
Mi giro: niente.

Non sento più l’acqua che scende lungo il viso. Non sento più il freddo affonda le sue lunghe dita.

Affero la maniglia.

Qualcosa si muove…

Apro.

… verso di me…

Entro.

… è a un passo…

Chiudo.

Colpisce con rabbia il finestrino.
Urla. Urla l’odio di mille vite.

Non ha occhi per vedermi. Le sue orbite … vuote … piantate nei miei occhi.

E urla selvaggia.

Lei, e quella poggiata sul cofano come un immondo animale da preda che si sporge in avanti nel buio.

Orribili.

In ogni lato della macchina c’è una faccia diversa.

Una rabbia infinita.
Quell’urlo…
Quell’urlo che è la negazione dell’esistenza di un Dio.
Un odio ultraterreno. Che nega tutto ciò che è vivo, che nega tutto ciò che è vita.

Lunghe dita che accarezzano, graffiano, si contorcono sul vetro….
Rabbiose, ansiose, vogliose, assetate, affamate.

Il mio stomaco non ce la fa più. Sto vomitando. Fiotti di bile. Fuoco nella mia gola. Acido sulle mie labbra.
Mi prendono le convulsioni.
Sbavo, senza più il controllo di me stesso.

Ridono le creature, orribili parodie di donne. E mi osservano. Col buio delle loro orbite senza occhi.
Col buio…
… buio …
.. buio…….



Silenzio.
E’ finita?
Non oso chiedermelo.
Buio.



Luce…

Da quanto sto così? …..
Sono vivo.
Quasi….
Sento del ferro arugginito nella mia bocca.
Sangue.
E’ la mia lingua.


Muovo un dito.
Una mano.
(il dolore diviene un rumore che brucia nelle orecchie)
Sto per svenire.
Mi riprendo…..

Apro gli occhi.
Qualcosa di scuro sta attaccato alla mia guancia.
Strizzo gli occhi.
E’ il volante.


… oltre tutto è tempestato di stelle.

Stelle?
Metto a fuoco…
Vetri. Sì, vetri..

Ancora sento gli echi delle orribili urla.
Serro gli occhi.

Il sole deve essere spuntato da poco…
Mi trascino fuori dalla macchina che si era abbracciata con un albero in uno strano amplesso.
Sono pieno di ferite e ho qualche osso rotto, ma sono vivo.

Guardo la macchina.
Non c’è nessuna frenata.
(fischiano le orecchie)
Nessuna….
Guardo dentro. Niente vomito.
Ma niente sangue…. Eppure sono pieno di tagli.
“Sì sono pieno di tagli, come se…”
(sì esatto)
“… come se…”
(il fischio ormai è fortissimo)
Come se mi avessero graffiato e morso delle bestie.
“Delle bestie..”
(niente sangue)

Il terreno era quasi asciutto eccetto qualche pozzanghera. La puzza di terra impregnava l’aria, mentre l’acqua rincorreva il sole tornandosene in cielo….

© Mario Laudonio



Recensioni ed articoli relativi a Mario Laudonio

Nessun record trovato

Testi di Mario Laudonio pubblicati su Progetto Babele

(1) La lama nera di Dario De Judicibus- Il Parere di PB
(2) La ballata del deserto di Mario Laudonio - RACCONTO
(3) Dal lato sbagliato del bancone di Mario Laudonio - RACCONTO
(4) Un blues per Raz Chevaleza di Mario Laudonio - RACCONTO
(5) Odore di terra bagnata di Mario Laudonio - RACCONTO
(6) Un dito puntato verso il cielo di Mario Laudonio - RACCONTO
(7) Silenzio nella stanza di Mario Laudonio - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2003-10-15
VISITE: 20367


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.