Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Il gruppo di Progetto Babele su Facebook
SCARICA GRATUITAMENTE LA RIVISTA IN FORMATO PDF ACQUISTA UNA COPIA STAMPATA DELLA RIVISTA SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Collabora con PB Cos'è PB?
TeleScrivente:    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    Dopo quindici anni, chiude la rivista Segreti di Pulcinella (ma resta il BLOG) (03/05/2018)    La biblioteca più alta del mondo (forse) (01/05/2018)    Lo stagno dei caimani - ritrovato il racconto perduto di Salgari (12/04/2018)    Il 12 Ottobre 2017 chiude i battenti la storica NETEDITOR (06/10/2017)    [19/06/2018] 8 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Aneddoti dal cuore scadenza 2018-06-24    Premio Internazionale di Poesia in Lingua Italiana - Città di Siderno - I° edizione scadenza 2018-06-25    PANTA REI 2018 scadenza 2018-06-30    Fiori di china e Pagine in cerca d'autore scadenza 2018-06-30    Storie in viaggio scadenza 2018-06-30    Edizione 2018 - “Mimì Brunetti” scadenza 2018-06-30    Campaniliana 2018 scadenza 2018-06-30    VERSI IN VOLO scadenza 2018-07-01    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Le Età Della Vita. Saper Vivere Ogni Stagione Dell’Esistenza - Seminario Estivo - Aggiornamento professionale (SEMINARIO 2018-06-24)    AUDIOLIBRI     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro     L`ultimo di Giuseppe Foderaro letto da Luca Govoni    RECENSIONI     Ho sognato di vivere - Variazioni sul tema del tempo in Roberto Vecchioni di Mario Bonanno     Le case del malcontento di Sacha Naspini     Laura Morante, in punta di piedi di Stefano Iachetti     Verde Limone di Marcial Gala     Quei gran pezzi dell'Emilia Romagna di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     L´horror psicologico di Michele Pastrello     ANTONIO ALTOMONTE «emblematico ricostruttore di perdute dimensioni».     Il mondo poetico del calabrese Rocco Nassi     FRANCESCO PERRI (Careri 1885 – Pavia 1975): il primo scrittore antifascista della letteratura italiana e il primo cantore dell’emigrazione meridionale     La donna indiana tra letteratura e realtà. Anita Desai e Kamala Markandaya.    Racconti     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice     Lettera ad una cucciola di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Rodolfo Walsh (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
PB numero 19
Progetto Babele n.19
Scarica GRATIS
Cart ARRETRATI
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
(consigli, indirizzi, dritte per aspiranti scrittori)
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
Agg. 19-06-2018 - 31 conc.
assaggi
Consigli di Lettura
Le Recensioni
     

C`era una volta...
di Cinzia Baldini
Pubblicato su SITO



Ascolta il file Ascolta la versione audio di questo racconto!
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 5885
Media 79.52 %



“C’era una volta una bellissima principessa. Aveva lunghe ciglia setose che incastonavano la preziosità degli occhi colore del cielo d’estate. Tra i capelli, lucenti come il grano maturo, erano intrecciati piccoli fiori variopinti e profumati. La veste intessuta di perle e fili di seta, gonfiata da una brezza leggera, abbozzava appena le forme ancora acerbe del suo giovane corpo”.
Spensierata, in quel mondo di fiaba, la principessa viveva felice e, innamorata dell’amore, fantasticava l’arrivo del principe azzurro.
“C’era una volta…” le ripeteva ossessivamente il cervello, mentre rannicchiata in posizione fetale tentava di proteggere il suo corpo dalla furia inaudita di un essere che di umano non aveva più neanche l’aspetto.
“La penetrante fragranza delle viole e della lavanda, avrebbe accompagnato i loro passi, chicchi colmi e maturi di uva dorata, dissetato la loro arsura e la verde e soffice coltre dei campi, sarebbe stata la tacita testimone dell’avverarsi di un sogno”.
La donna si riscuote, siede in terra poggiando la schiena allo stipite della porta di legno chiaro e cerca di rilassarsi, massaggiandosi le tempie con le mani. Trasale però, quando incautamente sfiora uno zigomo. Il dolore lancinante l’artiglia di nuovo mentre sotto ai polpastrelli delle dita la pelle brucia gonfia e febbricitante.
“Un leprotto grigio si avvicina timoroso osservando incuriosito le scaramucce giocose dei due innamorati. Il tempo apparentemente fermo viene bruscamente riscosso da un sibilo basso e sordo: una freccia si conficca nel piccolo cuore dell’animale che con un ultimo disperato sussulto si ferma per sempre”.
Un senso di vertigine la riporta al presente. La donna sbarra gli occhi e faticosamente cerca di mettere a fuoco le immagini che danzano davanti alle sue iridi dilatate. Non è il castello incantato ma uno spartano e misero ambiente: la sua casa. La osserva stupita, come fosse la prima volta. Per quanto tempo è rimasta priva di sensi? Un minuto, un’ora? Un giorno forse? L’aria viziata dall’odore delle sigarette di cui sono impregnati i mobili le pizzica il naso. Nella penombra della sera, le tende penzolano lugubri, come funerei fantasmi, sui vetri opachi delle finestre. Tutto è in disordine, sembra che un tornado abbia scaricato la sua furia primitiva e selvaggia in quella stanza.
Finito il minuzioso esame un gemito convulso esce dalle sue labbra. Facendo appello a tutte le sue forze per non urlare dal dolore che, impietoso, le martella ogni parte del corpo, cerca di sgranchire i muscoli intorpiditi. Prova a rialzarsi, vacilla, avanza di un passo poi indietreggia. Per non cadere si aggrappa allo spigolo del tavolo in attesa che il lancinante capogiro svanisca e finalmente, con un sospiro, riconquista la posizione eretta.
«C’era una volta una fanciulla ingenua e innamorata trasformata, dall’incantesimo di un mago crudele, in una giovane lepre e costretta, per sopravvivere, ad una continua fuga dalla realtà per sfuggire ai dardi assassini di un cacciatore malvagio. E c’è solo un modo per porre fine alla maledizione…»
Aveva conosciuto quell’uomo in un’afosa e accecante giornata estiva. Lei in bicicletta, sulla strada non asfaltata, tornava dal mare, lui a bordo di una lucida macchina sportiva si era smarrito. Indossava un costoso abito alla moda, scarpe firmate, le aveva promesso aurore rosate, tramonti di fuoco, collane di stelle e notti d’amore interminabili. Lei, con l’umore salmastro del mare, ancora sulla pelle, gli aveva creduto e così, come una falena attratta dalla luce di una lampada, aveva bruciato le sue giovani ali. Si sentiva felice, come la principessa delle favole e senza voltarsi indietro, con una valigia piena di sogni e speranze, era partita con lui per inseguire la sua personale chimera.
La nuova vita l’accoglie piena di specchi e lustrini, di luci ammiccanti e colori sgargianti ma il tempo, che non è galantuomo, ben presto le mostra la realtà.
Confusa, stordita, disillusa conosce la mortificazione del corpo e l’umiliazione della mente, ingoia il sapore acre della polvere e respira il fetore putrido della bestialità e dell’ignoranza.
«C’era una volta» sussurra a se stessa mentre sente i passi di suo marito avanzare strascicati e incerti sul pavimento. La porta si spalanca con violenza mentre una lezzo di alcool e di sudore invade il piccolo locale.
La donna trattiene il conato di vomito che le sale alle labbra, ma per la prima volta è tranquilla. La paura non gli attanaglia lo stomaco in una morsa d’acciaio né le scorre nelle vene in gelidi gorghi di ghiaccio. È ferma nella sua convinzione: lotterà per sé e per la nuova vita che è germogliata nel suo grembo, offrirà a quel figlio concepito da una violenza, il suo estremo atto d’amore.
Finge di dormire anche se i suoi muscoli sono guizzanti sotto la pelle e i nervi tesi fino allo spasimo. Sa che lui è ubriaco e la cercherà, che si avvicinerà e al suo ennesimo rifiuto…
“C’era una volta… e questa sarà una favola a lieto fine perché è la nostra favola, cucciolo mio!” pensa con rabbia, mentre l’uomo ubriaco si getta pesantemente a sedere sul letto e le volta la schiena per sfilarsi i pantaloni. L’alito è caldo e pesante, quando si china sul suo collo a sussurrargli oscenità perverse, sicuro di averla in pugno. Lei si volta e lo guarda in silenzio. I suoi occhi carichi di odio lo trafiggono. È bellissima, un piccolo angelo scivolato all’inferno come testimoniano gli arabeschi violacei che si allargano sul suo zigomo e il labbro tumefatto, simile ad una rosa precocemente appassita, solcato da piccole stille di sangue rappreso. Lui resta per qualche momento accecato dal bagliore di un ricordo che si è aperto un varco nella mente offuscata, poi scrolla la testa ed un ghigno malvagio gorgoglia dalla sua gola mentre fili di bava e di lussuria escono dalle sue labbra.
Il pesante silenzio che avvolge ogni cosa è lacerato dal respiro ansimante dell’uomo e mentre la luna avvolge di luce opalescente i due corpi distesi nel letto, un debole bagliore saetta nell’aria. Quindi in rapida successione, uno, due, sei colpi di pistola e lo stupore incredulo che distende i lineamenti aggrottati del volto e si scioglie nell’immobilità della morte.
E mentre come una ninna nanna, la voce della donna, dolce e sommessa ripete: «C’era una volta…», la sua mano corre a sfiorare il ventre impercettibilmente rigonfio in una carezza piena d’amore.

© Cinzia Baldini



Recensioni ed articoli relativi a Cinzia Baldini

(1) Non Nobis Domine - I custodi della verità di Cinzia Baldini e Simone Draghetti - RECENSIONE
(2) Il veleno di Circe di Cinzia Baldini e Michele Zefferino - RECENSIONE
(3) Semplicemente Donna di Cinzia Baldini - RECENSIONE
(4) Semplicemente Donna di Cinzia Baldini - RECENSIONE

Testi di Cinzia Baldini pubblicati su Progetto Babele

(1) Incunabolo di Riccardo Merendi- Il Parere di PB
(2) Memorie di un ragazzo di borgata di Mario Rosati - RECENSIONE
(3) Il ritorno di Nibiru di Massimo Fratini - RECENSIONE
(4) Io sono respiro puro di Maria Fornaro - RECENSIONE
(5) Il lungo cammino del fulmine di Guglielmo Campione - RECENSIONE
(6) Brando Street. La scomparsa di una comparsa di Marisa Cecchetti - RECENSIONE
(7) L`odore della notte di Paolo DAnna - RECENSIONE
(8) Templar Order di Domizio Cipriani - RECENSIONE
(9) L'autofficina di Cinzia Baldini - RACCONTO
(10) Il diciassettesimo Conte di Patrizia Marzocchi - RECENSIONE
(11) Le reliquie di Sarajevo di Paolo D Anna - RECENSIONE
(12) Malbianco di Sandro Capodiferro - RECENSIONE
(13) Il ponte delle Vivene di Davide Dotto - RECENSIONE
(14) La lingua "Sanfratellana" a cura di Cinzia Baldini - ARTICOLO
(15) Peccaminosa di Sandro Capodiferro - RECENSIONE
>>Continua (click here)



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB


-

dal 2009-08-12
VISITE: 9815


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.