Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    [22/08/2019] 7 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Premio Rocca Flea scadenza 2019-08-27    ASTOLFO SULLA LUNA | Le Cose Perdute scadenza 2019-08-30    “Ut pictura poesis” Città di Firenze scadenza 2019-08-30     Giallo Festival 2019 scadenza 2019-08-31    MittAffett allo Scrittore, Arum Apulum 2019 - con il Patrocinio del Parlamento Europeo scadenza 2019-08-31    500 Parole scadenza 2019-08-31    500 Parole scadenza 2019-08-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Festival Letterario CartaCarbone “Autobiografia e dintorni” - Sesta Edizione (NOSCELTA 2019-10-13)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     La moglie dell'assessore di Maria grazia Midossi     La macchina (im)perfetta di Marco Canella     La grande e inanerrabile riunione gastronomica di Piero Gurgo salice     La donna dimenticata di Mara Sansonetti     L'abulico di Bruno Corino    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
26 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Mi hanno chiamato Egidio
di Iacopo Barison
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 11275
Media 79.89 %



Mi hanno chiamato Egidio. E secondo me è colpa del nome, è colpa del nome se in trentasette anni e dieci mesi non ho mai combinato nulla. Cos’ho fatto, alla fine? Nulla, proprio nulla. Sì, ho imparato a fare bene gli spaghetti, con l’aglio la cipolla il pomodoro e una mezza carota tagliata, ma a parte questo non ho mai combinato nulla. E adesso fa pure freddo, su questa panchina del parco, e tra poco magari arrivano anche i tossici, e vorrei proprio che uno di loro mi uccidesse per prendermi i dodici euro che ho in tasca, che tanto non è che abbia qualcosa da fare o da recriminare, non saprei proprio che farmene di un altro po’ di vita. Guardo le piante e almeno loro hanno uno scopo, tutti i giorni sanno cosa devono fare, rilasciano ossigeno e intanto si nutrono, vedi che la fotosintesi gli da uno scopo ben preciso a queste cazzo di piante, ogni giorno sanno cosa devono fare. Io non l’ho mai saputo cosa dovevo fare, anche se certe cose poi le ho fatte, come prendere una laurea in antropologia che nessuno l’ha ancora capito a cosa serve una laurea del genere, forse puoi insegnare o girare il mondo, ma io non ho mai insegnato né girato il mondo, e quindi sono qua seduto su una panchina, e ho trentasette anni e mi chiamo Egidio. Vivo ancora con mia mamma che tra un po’ muore, e mio padre è già morto da un pezzo, e mangio ancora i sofficini quando dovrei mangiare fagiolini o pomodori perché fanno bene, perché prevengono le malattie, ma almeno se mi ammalassi saprei cosa devo fare, dovrei curarmi, perché qualcuno ha detto che quando sei malato devi curarti, non puoi stare lì a non fare niente, ad aspettare che la malattia ti risucchi. Mi alzo dalla panchina perché non voglio vedere nessun tossico con gli occhi a spillo, così comincio a camminare e ad abbottonarmi il giubbotto, un bottone alla volta, i bottoni di questo giubbotto che mi ha regalato Sandra, la mia vecchia ragazza, anche se poi non c’è mai stata una nuova ragazza, e passo davanti a un fast-food che a vederlo da fuori mi fa venire fame. Allora entro nel fast-food e il caldo che c’è dentro è proprio rassicurante, devo addirittura levarmi il giubbotto che mi ha regalato Sandra, e scopro che la cassiera mi ricorda un po’ lei, la mia vecchia ragazza, forse perché la faccia è simile o il taglio di capelli è lo stesso. Chiedo a Sandra di darmi un hamburger e lei grida a qualcun altro, qualcun altro che sta in cucina, di portare un hamburger che ne ha bisogno subito, e poi l’hamburger arriva e io mi vado a sedere da qualche parte. Mi siedo vicino a un ragazzo e una ragazza che non parlano molto, stanno zitti davanti ai loro panini e si guardano negli occhi, secondo me sono innamorati, perché a diciassette/diciotto anni è più facile essere innamorati. Io penso a quando avevo diciassette/diciotto anni e stavo con quella ragazza là, quella ragazza che forse si chiamava Francesca, e le dicevo un sacco di cose tipo che la sposavo e facevamo dei figli, ma poi alla fine lei mi ha mollato per uno che andava in palestra tre volte alla settimana, tutte le settimane, anche la settimana di Capodanno. Poi penso a mio nonno Eusebio e a mia nonna Graziella, che adesso sono morti tutti e due ma una volta erano vivi, e si erano sposati quando erano ancora vergini, quand’erano fidanzati solo da un mese, e tutti e due non s’erano mai fidanzati prima di allora. E se anche io avessi fatto così, come mio nonno Eusebio e mia nonna Graziella, forse adesso non sarei qui a mangiare un hamburger, forse sarei sposato con Francesca, sarei in qualche bella casa a guardare la televisione, e Francesca mi chiederebbe com’è andata a lavoro, e parlerebbe sottovoce perché nostro figlio s’è addormentato sul divano, e con questi bei pensieri finisco di mangiare l’hamburger...

© Iacopo Barison



Recensioni ed articoli relativi a Iacopo Barison

Nessun record trovato

Testi di Iacopo Barison pubblicati su Progetto Babele

(1) Mi hanno chiamato Egidio di Iacopo Barison - RACCONTO
(2) Interview di Iacopo Barison - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2009-10-14
VISITE: 22585


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.