Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    [19/06/2019] 8 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Premio Internazionale di Letteratura Città di Como scadenza 2019-06-20    Good Morning my future scadenza 2019-06-20    Antonietta Rongone scadenza 2019-06-25    Lo Splendore Del Talento - Scintille D’Arte - 2019 scadenza 2019-06-28    Cenerentola con gli stivali scadenza 2019-06-30    Elena M. Coppa scadenza 2019-06-30    Aneddoti dal cuore 2019 scadenza 2019-06-30    VERSI IN VOLO scadenza 2019-07-01    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi    RECENSIONI     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali     Insabel di Vera Ambra    I paradossi dell’esistenza di Laura Rapicavoli     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Alla mia terra di Agane, campi e acque sorgive     Joseph Conrad ovvero il mare professionale    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
32 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Uomo scimmia
di Giuseppe Costantino Budetta
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 12362
Media 79.33 %



Esistono due specie attigue ad Homo sapiens sapiens: gli scimpanzè e le scimmie – uomo. I primi hanno il 99,6% del patrimonio genetico simile agli umani, ma la razza che definisco scimmia-uomo cui appartengo, ne ha il 99,8%. Avendo avuto nella nostra razza grandi scienziati mai riconosciuti tali, abbiamo da tempo stabilito le nostre genetiche percentuali equidistanti tra umani veri e scimpanzè.
Noi scimmie-uomo, poche ed in via di estinzione, abbiamo aspetto di scimmia, ma intelligenza umana. Non siamo in grado di parlare, ma pensiamo come voi. Oggetti preistorici come cannule ossee forate usate come zufoli e molti dipinti rupestri, furono opera di miei antenati ancestrali e non dei Neanderthaliani come credete.
Mi catturarono nella savana sub-equatoriale insieme con molti scimpanzè. Piansi sia per la perduta libertà sia per la mia compagna e la prole lasciati soli ai bordi del deserto. Da allora odiai gli umani. Fui rinchiuso in questo zoo dividendo la cella con due veri scimpanzè. Il guardiano che ci portava da mangiare era terribile sia perché umano, sia perché non aveva pazienza con gli animali. Malediceva il lavoro che lo metteva al servizio delle bestie. Coi leoni stava zitto. Dopo aver chiuso le belve nel secondo scomparto, entrava nella gabbia vuota, la ripuliva cambiando l’abbeverata e aggiungendo in mangiatoia i pezzi di carne. Contro noi scimpanzè e contro me né uomo e né scimpanzè, bestemmiava e ci prendeva a mazzate. I miei compagni con acute grida disperate saltavano su una specie di tronco monco aggiunto nella cella. Mi rannicchiavo invece in un angolo tremante. Dalle brache gli pendeva un mazzo di chiavi e tra queste una universale con cui aprire e chiudere le tutte celle. Aspettai che s’inchinasse a cambiare l’acqua della mia gabbia e con rapidità gli sfilai il mazzo di chiavi rifugiandomi nel grottino dove d’inverno ci ripariamo. Vide che gli avevo sfilato le chiavi e bestemmiando cercò di acchiapparmi piegato in avanti come una scimmia quadrumane. La zazzera di capelli lunghi e neri calata sugli occhi completò l’aspetto animalesco. Gridava forsennato contro di me premuto nel fondo del cunicolo:
“Questa volta ti ammazzo. Ti strozzo. Dammi le chiavi, scimmia di merda.”
Dall’anello avevo sfilato la chiave universale e gli buttai il resto del mazzo che afferrò. Se ne andò senza aggredirmi forse temendo di prendersi un morso. Disse come se capissi ed in effetti capivo: “Scimmia, con me hai chiuso. Domani di buon mattino ti ammazzo.”
Chiuse il cancello con un catena di riserva ed andò nella guardiola a prelevare il duplicato della chiave universale con cui ci serrò. Ripeté le minacce digrignando i denti come le fiere:
“Scimmia della malora domani ti ammazzo.”
Passava il mattino presto a pulire le gabbie e a distribuire alimenti. Altri facevano le stesse cose con le gabbie degli uccelli, altri con quelle dei dromedari, giraffe ed elefanti.
La notte andai di soppiatto ad aprire le celle dei leoni, delle iene, tigri e puma. Spalancai i cancelli e saltai sopra le gabbie tornandomene nella mia dopo aver chiuso l’entrata con la chiave universale. Nei bagliori del plenilunio vidi belve ringhianti girovagare con circospezione nei sentieri dello zoo. Alcune acquattate nei prati. Al mattino presto arrivarono i guardiani per le solite mansioni. Il mio si era diretto come faceva, alla gabbia dei leoni. Portava con se la grossa busta di plastica piena di carne. Le belve annusarono l’aria, lo circondarono e accecate dalla fame lo divorarono insieme con la carne imbustata. Levò grida strozzate. Solo la testa fu indigesta. Gli occhi guardavano esterrefatti il cielo albeggiante. Le belve - il muso tinto di sangue che si leccavano - ricacciate nelle gabbie da sopraggiunte squadre speciali. Commentarono:
“E’ stato un fatale errore. Ha lasciato per dimenticanza le gabbie aperte. Stava invecchiando. Poveretto.”
Un commissario ebbe dei sospetti: una delle due chiavi universali mancanti, solo le gabbie delle belve aperte…indagò per un po’...a vuoto.

© Giuseppe Costantino Budetta



Recensioni ed articoli relativi a Giuseppe Costantino Budetta

Nessun record trovato

Testi di Giuseppe Costantino Budetta pubblicati su Progetto Babele

(1) Hanno di Giuseppe Costantino Budetta - POESIA
(2) Elogio al portafogli di Giuseppe Costantino Budetta - RACCONTO
(3) Cento lire di Giuseppe Costantino Budetta - RACCONTO
(4) La tigre dai denti a sciabola di Giuseppe Costantino Budetta - RACCONTO
(5) L'anello di Giuseppe Costantino Budetta - RACCONTO
(6) Una pioggia maledetta di Giuseppe Costantino Budetta - RACCONTO
(7) Uomo scimmia di Giuseppe Costantino Budetta - RACCONTO
(8) Università e ricerca di Giuseppe Costantino Budetta - RACCONTO
(9) La scomparsa dello scienziato Ettore Majorana di Giuseppe Costantino Budetta - RACCONTO
(10) Il teschio di Giuseppe Costantino Budetta - RACCONTO
(11) Meglio di Giuseppe Costantino Budetta - POESIA
(12) Incarnazione di Giuseppe Costantino Budetta - RACCONTO
(13) Ricordo di Giuseppe Costantino Budetta - POESIA
(14) "T" di Giuseppe Costantino Budetta - POESIA
(15) LA PORTA di GIUSEPPE COSTANTINO BUDETTA - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2009-11-15
VISITE: 24564


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.