© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Il gruppo di Progetto Babele su Facebook
SCARICA GRATUITAMENTE LA RIVISTA IN FORMATO PDF ACQUISTA UNA COPIA STAMPATA DELLA RIVISTA SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Contatta il WebMaster help&faq
 
 
TeleScrivente:    Lo stagno dei caimani - ritrovato il racconto perduto di Salgari (12/04/2018)    Il 12 Ottobre 2017 chiude i battenti la storica NETEDITOR (06/10/2017)    Lacrime d’Inchiostro (19/07/2017)    L'editore più povero del mondo parla sul blog "La Casa di Carta" (24/03/2017)    Audio Antologia della Letteratura Italiana Vol. I e Vol. II (25/04/2015)    [19/04/2018] 14 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    X Premio Navarro scadenza 2018-04-20    Racconti di Donna scadenza 2018-04-20    Vinòforum scadenza 2018-04-20    Trofeo RiLL, il miglior racconto fantastico scadenza 2018-04-27    Fuori dal cassetto scadenza 2018-04-27    Le Occasioni scadenza 2018-04-29    Concorso Internazionale di Saggistica “Riscontri” scadenza 2018-04-30    Città di Latina scadenza 2018-04-30    Riviera Adriatica scadenza 2018-04-30    “Caro Fabrizio, ti racconto di un ritorno” scadenza 2018-04-30    Premio Antonio Fogazzaro scadenza 2018-04-30    Pietro Corsi scadenza 2018-04-30    Tra Secchia e Panaro scadenza 2018-04-30    Il Sogno del Poeta scadenza 2018-04-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro     L`ultimo di Giuseppe Foderaro letto da Luca Govoni    RECENSIONI     Verde Limone di Marcial Gala     Quei gran pezzi dell'Emilia Romagna di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini     Memorie di un ragazzo di borgata di Mario Rosati     Amore incompatibile di Francesco Dell´Olio     Andata e ritorno di Elena Ciurli    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     L´horror psicologico di Michele Pastrello     ANTONIO ALTOMONTE «emblematico ricostruttore di perdute dimensioni».     Il mondo poetico del calabrese Rocco Nassi     FRANCESCO PERRI (Careri 1885 – Pavia 1975): il primo scrittore antifascista della letteratura italiana e il primo cantore dell’emigrazione meridionale     La donna indiana tra letteratura e realtà. Anita Desai e Kamala Markandaya.    Racconti     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice     Lettera ad una cucciola di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Rodolfo Walsh (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
 
 
Email
PSWD
CONSIGLI DI LETTURA
Arretrati e copie stampate
PB International
PB Interactive
IN PRIMO PIANO


OnlineUtenti connessi: 9
Utenti collegati in chat 0

Dal 01/01/2003
questo sito ha generato
99.602.065
esposizioni

 
     

Universo
di Cristina Lanaro
Pubblicato su SITO



VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 4607
Media 79.88 %



Era una calda giornata estiva del 1974. Nelle prime ore del pomeriggio, una bambina di circa otto anni riposava prona, con braccia e gambe distese, come in volo, sul letto dei genitori. I suoi capelli erano corti, ricci, rossi, ma nella penombra della stanza sembravano scuri. Un raggio di luce, proveniente da una fessura delle imposte accostate, finiva tra le pieghe del lenzuolo bianco, vicino alla sua mano chiusa a pugno.
La bimba sbuffò, sollevò la testa con uno scatto, aprì le mani e si sollevò un poco, poi ricadde pesantemente sul letto. I suoi occhi chiari, coronati da folte e lunghe ciglia, erano aperti. Guardò il raggio di luce che, finito tra le pieghe delle sue dita, trasformava la pelle abbronzata e liscia in una strana materia tra l'arancione e il rosa acceso, luminescente e quasi trasparente.
Il lenzuolo, di lino grezzo, formava pieghe scomposte sotto il suo corpo accaldato e cominciava ad irritarle la pelle nuda. La bambina mosse la mano e notò che il raggio di luce pareva attraversarla in punti diversi, poi guardò il continuo movimento delle particelle di pulviscolo lungo la scia luminosa. Era polvere, lo sapeva, però a momenti quei puntini brillavano, o si coloravano e poi scomparivano.
La bambina si girò, ancora sbuffando, supina, le mani e le braccia aperte. La stanza era  bassa, quasi spoglia. Sulla parete bianca davanti al letto poggiava un ampio armadio di legno scuro, con sobri intarsi floreali lungo il bordo. Sulla stessa parete su cui si apriva la porta, una cassettiera di legno più chiaro e lucido sorreggeva uno specchio con bordo dorato, a volute.
Ai lati del letto, i comodini per le lampade da lettura: semplici sfere  di vetro opaco sorrette da colonnine di ottone.
La bambina osservò le venature del legno lucido della cassettiera, per scoprirne la ripetitività nel disegno e le piccole differenze. Riconosceva in esse forme sempre diverse, di animali e persone.
Le finestre, sulla parete opposta alla porta, erano due, strette ma profonde, così che ciascun davanzale poteva ospitare una fila ordinata di barattoli di vetro, contenenti cetrioli e peperoni conservati nell'aceto. Nella semioscurità, dei barattoli si distingueva appena il profilo, ma la bambina ne percepiva la presenza, poiché a tratti l'aria si faceva acre, come se quello fosse l'alito dell'estate.
Dall'esterno, arrivò improvviso il grido sgraziato di un gallo, seguito dal confuso schiamazzare del resto del pollaio. Fuori c'era la campagna, avvolta nel torpore delle ore più calde.
Ora il sole colpiva le imposte con più forza e una larga striscia di luce proiettava sul soffitto l'ombra capovolta della madre, che a quell'ora stendeva i panni in cortile. La bambina ne seguì i movimenti come fosse un film, immaginando la cesta con la biancheria profumata di sapone, la madre nell'abito a fiori azzurri e i capelli raccolti in una grossa treccia rossa.
Quando l'ombra sparì, le sembrò di sentire la fragranza emanata dai tessuti bagnati, sospesi nel sole.
Aveva gli occhi chiusi quando sentì le risate e lo scalpiccio dei giochi dei bambini grandi giù in cortile. Si risvegliò dal momentaneo torpore e pensò che, in fondo, anche lei  avrebbe potuto evitare il riposino pomeridiano, ormai. Però era la più giovane dei fratelli, così i suoi genitori si erano dimenticati di farla crescere.
Restando sempre distesa, cambiò più volte posizione, cercando il punto più fresco, calciando ai piedi del letto il ruvido lenzuolo. Persino i capelli le davano fastidio, appiccicati alla nuca, dalla quale pulsavano vampate di calore.
Si ricordò di quel trucchetto per vedere le stelle di tutti i colori che aveva scoperto tanto tempo prima: bastava chiudere gli occhi e schiacciare forte sulle palpebre. Lo fece e le piacque, come sempre, ma pensò che forse non si doveva fare.
Si mise su un fianco. Aveva meno caldo così e sentiva il suo corpo piacevolmente sospeso. Richiuse gli occhi.
Si immaginò di avvicinare pollice e medio, di unire i polpastrelli e di racchiudere in essi una particella piccolissima, un puntino, più piccolo di un granello di polvere. Tutta la sua mente e il suo corpo erano lì, nell'infinitamente piccolo e poi, come per una esplosione, da lì si espandevano tutto attorno, in un vuoto emozionante, completo. La colse una vertigine intensa, che era stupore e gioia. Fu solo un attimo. Il cuore le batteva forte, quando pensò che un giorno avrebbe trovato le parole giuste per descrivere quell'attimo.
Poi, come succede ai bambini, all'improvviso si addormentò.

© Cristina Lanaro



Recensioni ed articoli relativi a Cristina Lanaro

Nessun record trovato

Testi di Cristina Lanaro pubblicati su Progetto Babele

(1) Universo di Cristina Lanaro - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONT
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB


-

dal 2009-11-18
VISITE: 8111