Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    [17/07/2019] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Scribo scadenza 2019-07-18    Profumi di Poesia scadenza 2019-07-21    Premio Svicolando scadenza 2019-07-29    UN MONTE DI POESIA scadenza 2019-07-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Shamans of digital era II edizione - festival dedicato alle commistioni tra musica elettronica di ricerca e arti audiovisive contemporanee in chiave performativa (EVENTO 2019-07-20)    Festival dello Scrittore - l format, o meglio l’idea base, rimane la stessa: mettere a confronto Autori che abbiano pubblicato un libro con il pubblico (EVENTO 2019-07-21)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.    Racconti     Ritorno al Moccagatta di Teodoro Lorenzo     La vita degli altri di Diana Facile     Speranza di Antonio Carnuccio     Passi di Marika Salonna     Un'anima di Lorena Curiman    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
23 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
2 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Wolfgang Amadeus Mozart
di Ettore Bonato
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 1619
Media 79.41 %




Wolfgang Amadeus Mozart

Non dilapidate il vostro patrimonio, coltivate i sogni, tenete aperti gli orecchi e gli occhi, non desiderate il posto fisso. È una lapide che mi tengo in testa da 20 anni, un’epigrafe ingiallita, rosa dal tempo e da persone inutili. Mantenete la vostra libertà, soprattutto. Io sono stato libero, ho fatto tutto quello che ho voluto, sono nato e morto cento volte, ma che sollievo ritornare indietro, nel mondo. Mio padre è morto da poco, sia benedetto. Mi ha lasciato, quando ero matto e in balia dei Salieri, la libertà di fare tutto, di comporre, di scrivere. Mi sono recato al mare per 10 anni con una persona anziana, sempre nello stesso scoglio, con il fisico perfetto, magro e glabro. Il porto di Rimini me lo rammenterò sempre, le sue navi piccole, il suo popolo nuovo, l’operosità ruvida dei rozzi pescatori. Le ragazze di allora, che mi aspettavano in acqua, oggi sono vecchie, non hanno possibilità di figliare, procreare gente come me, unica, irrisolta. Quando vedo il volto scavato di mia madre vorrei riempirlo di baci, come quando ero giovane ma lì dovevo farlo per forza, per piacere a qualcuno. Ora no. E saranno i baci più belli, quelli carichi di amore. Sono stanco e sto male, il refrain è difficile, non riesco a completarlo, non ho voglia di fare cose sempre uguali. La Messa da requiem non la finirò. In questa vita mi invidiano tutti, dicono che sono un genio, un artista. Non sanno cosa ho passato. Giorni noiosi con Yvette, crocifissioni, scherni, serate tiepide ed interminabili con mio padre assiso davanti a me. Gli mettevo il piede nel braccio magro, piagato dal diabete. Lui mi diceva “C’è vento, le fronde degli alberi si muovono.” Il caldo mi martirizza, non lo sopporto. Ora ho la febbre, mi sta divorando, mentre detto a questo idiota italiano parte di me, della mia arte. Sto morendo e non vorrei, preferirei vivere in eterno, ma l’estate cede sempre il passo all’inverno spietato. Alle Nozze di figaro non c’era un’anima eletta, solo popolo, il mio popolo! Sono fiero di quelli che mi apprezzano, nella vita bisogna sapersi accontentare. Ho messo in musica le mie angosce e le grandi lacerazioni. Piango per tutti quelli che mi hanno amato, per coloro che mi odiano e mi vedrebbero con una corona di spine in capo. Il sangue di solito depura quelli che verranno dopo, dilava via il peccato, mi auguro non sia stato versato invano. Ho amato poche donne ma spero di aver lasciato loro qualcosa di unico. La solitudine comunque è stata la mia compagna di viaggio, troppo giovane per restare immobile a guardare l’acqua profonda, i pedalò argentei, le mucillagini bianche come il dolore. Ma non dimenticherò tutto questo, come non scorderò la mia libertà, in questo paese libero che è l’Italia, dove si può fare veramente quello che si vuole. Quanti muoiono inviperiti, verdi dalla rabbia e dal livore. Io devo tanto a tutti ma soprattutto ai miei genitori che hanno capito la mia essenza. “Wolfgang fa’ quello che vuoi, ciò che vuoi!” Il bambino dorato lasciò il posto ad un adolescente contrito, arrabbiato. Ma ho fatto tutto quello che volevo, ho scialacquato la mia arte, l’ho ripresa, fatto a pugni con Dio, perdonato da Lui. Ho avuto tanto. Anche adesso che giaccio in un letto odoroso di sudore, non smetterò mai di pensare alla mia vita passata, al sorriso triste di mia madre, alle Winston blu che fumava Bob, alle carezze di Yvette senza tette. Addio al mondo, al mio Don Giovanni che presumo resterà nei secoli, come tutte quelle opere che ho scritto. Anche quest’ultima non ancora terminata. Muoio felice, la libertà non mi ha mai abbandonato e spero che faccia la stessa cosa con voi, che vi resti appiccicata fino alla fine, come un bacio, una carezza, il piede dolce di vostro padre appoggiato sulla spalla. Un caro saluto dal vostro Wolfgang Amadeus e che la sorte sia benigna con voi uomini che restate ancora in questo sogno.

Ettore Bonato

© Ettore Bonato




-

dal 2010-04-15
VISITE: 2449


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.