Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    [17/06/2019] 8 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Premio Internazionale di Letteratura Città di Como scadenza 2019-06-20    Good Morning my future scadenza 2019-06-20    Antonietta Rongone scadenza 2019-06-25    Lo Splendore Del Talento - Scintille D’Arte - 2019 scadenza 2019-06-28    Cenerentola con gli stivali scadenza 2019-06-30    Elena M. Coppa scadenza 2019-06-30    Aneddoti dal cuore 2019 scadenza 2019-06-30    VERSI IN VOLO scadenza 2019-07-01    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi    RECENSIONI     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali     Insabel di Vera Ambra    I paradossi dell’esistenza di Laura Rapicavoli     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Alla mia terra di Agane, campi e acque sorgive     Joseph Conrad ovvero il mare professionale    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus


Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
32 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Mina
di Ettore Bonato
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 3212
Media 78.99 %



Gli altri sono la grande dannazione di questo mondo. Prima o poi devi fare i conti con loro.
Pedalavo tranquillo ma incazzato nel marciapiede del Lungomare, avrei voluto sparare a tutti, investirli, dileggiarli, tanto pesano l’odio e la paura che mi causano, quando all’improvviso è partito “Il cielo in una stanza” di Mina, nel fottuto I-pod cui sono collegato da un filo bianco come la vita. Mina è morta, perché si cela dietro tutto: lo sfottò della gente, la minuzia del popolo eletto, il ghirigoro dei lecchini di turno. Eppure è viva, perché chi non c’è in effetti non muore mai, ovvero resta ragazzo. Si sa, gli anziani in questa Italia pallonara e visionaria, sono il nulla, i futuri morti, non contano niente. Un tempo non era così, c'era il rispetto, assoluto e silenzioso, per le rughe, i capelli canuti, l’odore stantio. Sembra che il male, il tempo, non abbiano scalfito Mina, ora forse anziana, chissà. Gli occhiali larghi, l’ovale perfetto, il sorriso sinuoso, l’allure bianca. E pensare che lei ci ha stupito tutti, negli anni d’oro, per le sue camaleontiche performance, i capelli sempre diversi, gli occhi bistrati e grandi. Era sexy la Mazzini, quanti ragazzi si sono toccati quando pensavano a lei, la vedevano un po’ in carne, le curve sinuose, le labbra carnose e saporose di mare lontano e domestico. Trasformò la donna nella protagonista assoluta della scena, si modificava a sua volta: mamma, amante, puttana, ma era sempre toccata da Dio per la sua voce ora squillante, ora bassa, da brividi. Ogni cosa che sfiorava, ogni cantante che aiutava diventava platino. Diede ausilio, con il suo darsi senza ritegno e dolcemente, a canzoni sconosciute, cantautori inascoltati e giovani, poi divenuti essi stessi leggenda. Tutti devono qualcosa alla dea della musica leggera. Osservandola mentre rende “Oggi sono io” di Alex Britti un massimo cimelio, in uno dei suoi unici video, ti viene voglia di sfiorarla, toccare i suoi capelli raccolti, raccogliere le sue lacrime di vento cisposo. I suoi brani sono capolavori, ancora adesso si ascoltano nel caldo sud e nell’operoso e brusco settentrione. Mina era di tutti, appartiene alla radice collettiva, rimarrà sempre con noi. Leggendo il suo sorriso un po’ arrogante, rivedo i personaggi che l’hanno avvicinata. Quasi nessuno è sopravvissuto perché l’eterna macina non concede deroghe, ti asfalta come i dribbling di Cassano e Cristiano Ronaldo. È rimasta solo lei, immortale seppur scomparsa dal ’78, quando la “Bussola domani” incoronò per sempre la sua mitologia. L’importante è finire, cara Mina, recitava un tuo pezzo, ma tu non finirai mai, ferma come il vino di questa Romagna spersa, ancorata come una corda alle bitte del porto, che sembrano uguali ma sono una diversa dall’altra. Ecco, il dorato cosmo della musica è composto di bitte visivamente simili a se stesse, inutili. Tu sei il torpore dolce, il sorriso malizioso, la voce unica e diversa. Piango mentre ascolto il tuo moderno canto. Mi ricordo il tuo corpo cangiante, le donne che forse non ti amavano, gli uomini che sbavavano per te, le tue lunghe ciglia. Viene voglia di gridare il tuo nome, fermare il tempo, sparargli e poi rivolgere il cane sulle tue labbra da azzannare, il collo lungo, gli occhi dolci e ammiccanti. La morte, si sa, è la prerogativa degli esseri umani, quanti di loro compongono per la dolce signora della voce e del silenzio. Tu hai un’arma in più, lo scaturire di note intonate che ti hanno regalato e tu hai coltivato nell’orto del mito. Urlale contro, scacciala, spara! Se tu non lo facessi vorrebbe significare che esisti,che sei come noi, non più lontana ed immortale. Metto sul nuovo Stereo “Grande grande grande” e ti penso immensa e materna, vicina come le madri che oggi, purtroppo, hanno cambiato mestiere. Ciao Mina e ricordati di noi.

© Ettore Bonato




-

dal 2010-04-30
VISITE: 5628


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.