Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [19/09/2019] 6 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Mondo Artigiano scadenza 2019-09-20    360 Autori per tutto l’anno scadenza 2019-09-21    Fiori d'Inverno scadenza 2019-09-28    Tema: “Lo scrittore Michele Malanca attraverso la sua ultima opera: Storia di Andrea Pagani e altri racconti” scadenza 2019-09-30    Mario Zanaria scadenza 2019-09-30    PREMIO LETTERARIO DAUNIA&SANNIO scadenza 2019-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    CartaCarbone Festival Letterario Autobiografia e dintorni 2019 | Presentazione della sesa edizione - Treviso, Sabato 21 Settembre 2019, ore 11, Chiesa di San Teonisto (FESTIVAL LETTERARIO 2019-09-21)    PAT - Percorsi di Avvicinamento al Teatro - II edizione - 6 incontri, tutti gratuiti (Roma) (NOSCELTA 2019-09-26)    Festival Letterario CartaCarbone “Autobiografia e dintorni” - Sesta Edizione (NOSCELTA 2019-10-13)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Mio figlio e Bukowski di Massimo Martinelli     Un Brandello di storia di Alessio Salerno     Teoria degli Implosivi e degli Esplosivi di Mauro Moscone     L'appuntamento di Cinzia Baldini     Ritratto di signora in rosso di Bruno Corino    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Audiolibri
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
27 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
3 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Vuoti a perdere
di Marina Bisogno
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 3679
Media 79.22 %



«A Napoli ci sono più avvocati che in tutta la Francia» penso mentre scivolo lungo il corridoio umano che ogni mattina si forma in questo non luogo chiamato Tribunale.
I corridoi sono stipati, davanti agli uffici file interminabili. Mi divincolo dalla folla con la speranza che a nessuno venga in mente di rivolgermi la parola e con passo svelto mi dirigo verso l’aula in cui dovrebbe svolgersi l’udienza.
I fascicoli sono ammassati su un tavolo, mi avvicino e frugo fra le scartoffie in cerca dei documenti che mi occorrono. Una gomitata mi sfiora il viso, qualcuno mi strattona mentre sto cercando di leggere i verbali delle udienze precedenti. Pigiano come donnette il primo giorno dei saldi.
«Mario. Anche tu qui?» una voce mi richiama all’attenzione. È Clara
«Si, aspetto mio padre per un’udienza. Conosci meglio di me la storia della collezione di firme per l’accesso alla professione forense.» ironizzo causticamente.
Clara allora mi abbraccia dall’alto dei suoi tacchi, un refolo di profumo rigorosamente francese mi assale. Non ha un solo capello fuori posto e dall’acconciatura spiccano le perle bianche dei suoi orecchini sobri ed eleganti. Mi chiede di salutarle mio padre, me lo chiede bisbigliando, con il suo fare di donna sicura e invincibile. La saluto e le auguro buona giornata, mentre torno ai gesti che avevo lasciato sospesi.
L’aula continua a riempirsi: in pochi minuti fiotti di avvocati hanno ingombrato lo spazio, che quasi non basta a respirare. Mi volto, mi guardo intorno e chiedo ad uno che pare spazientito almeno quanto me, quando arriverà il giudice.
« Oggi è in ritardo!» mi dice e penso che dopotutto non è una grande novità.
Cerco un angolino, un anfratto dove potermi sedere. Lo vedo e mi fiondo ad occuparlo. Il vocio della gente cresce minuto dopo minuto e con esso la voglia di allontanarmi da questo posto inutile. Dovrei prepararmi per la discussione della causa e invece non faccio che pensare al racconto lasciato in sospeso sulla mia scrivania e agli occhi di Sara, che avevo incrociato due sere prima alla festa di Luca. Non mi sono presentato ma attendo la prossima occasione propizia.
Richiedo l’ora, il giudice è palesemente in ritardo e intanto la confusione assume la forma di una bolgia di professionisti o presunti tali che strepitano alla ricerca delle loro controparti. Nugoli di praticanti escono ed entrano dall’aula, qualcuna si accomoda sulla scrivania del giudice con fare da diva, leggermente inclinata a sinistra e con le gambe accavallate chiacchiera con il collega di turno.
Fa caldo, la finestra è serrata perché la gente aspetta persino seduta sul davanzale della finestra. Non sopporto la confusione né tanto meno i tempi morti. Mi estraneo per non perdermi nelle more di un’amministrazione inefficiente, effige di un sistema malato e che continua ad ingolfarsi.
Farei ben volentieri a meno di esitare in questo ginepraio ma di poesia e giornalismo non si campa, almeno così dice mio padre. Mi rialzo, una ragazza mi ruba il posto, scivolando dietro di me come un’anguilla.
Abbandono l’aula, ho bisogno di fumare. La sigaretta è il miglior viatico per ogni tipo di attesa e poi mi ispira. Segnali di fumo dalla mia bocca raccontano di un disagio tutto personale, ma si dissolvono prima che riesca a liberarli nell’aria. Continuo a tirare, anche la sigaretta sta per consumarsi del tutto. Sulla scia dell’ultima boccata tiro fuori il mio block notes e inizio a scrivere di getto:

Attese
File, andate e ritorni
inutili attese
che soffocano giornate
spese in vane attività
oltre le quali
si scorge la verità
offuscata dall’impenetrabile
fumo della fretta e dell’indifferenza.
Fragile leggerezza dell’essere,
nelle more mi alieno.
La stanza non è più stanza,
la sedia non è più sedia
e le voci
brulicanti degli astanti
smaniosi
si allontanano.
Perdo i loro volti inespressivi
e tesso le fila
di una nuova poesia.

Vedo mio padre, ha appena parcheggiato, parla al cellulare e sembra furioso. Mi dice di aspettarlo, ripongo la penna e obbedisco sbuffando.

© Marina Bisogno




-

dal 2010-05-25
VISITE: 6546


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.