Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [17/11/2019] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Nika Georgievna Turbina 1974 - 2002 scadenza 2019-11-20    PREMIO NABOKOV scadenza 2019-11-30    Residenze Gregoriane 2019 scadenza 2019-11-30    Premio Poesia dell'Anno” (2019) scadenza 2019-11-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Black Rose
di Debora Gatelli
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 3657
Media 78.79 %



Caro Babbo Natale,
ti sto scrivendo anche se so che non esisti, perché ora che sono grande ho capito che certe cose sono graziose anche se sono inventate. Purtroppo ci sono tante altre cose per niente graziose che invece sono fin troppo reali e a quelle bisogna crederci per forza.
Sfortunatamente alcuni "regali" si ricevono in ogni periodo dell'anno, non solo a Natale, e non c'è nemmeno bisogno di spedire la letterina a te perché arrivano da soli. Così oggi ho deciso di scriverti, se non altro per vedere se sono in grado di capire che cosa mi piacerebbe ricevere in dono. Spesso non sono contenta e non riesco nemmeno a spiegarmi il perché; se qualcuno mi chiedesse cosa mi manca per essere felice non saprei rispondergli, forse sono già felice e non me ne accorgo da quanto sono impegnata a lamentarmi.
Ti confesso che non so nemmeno bene come si stenda una lettera per Babbo Natale, questa è la prima che scrivo. Immagino che come preambolo sia auspicabile cercare di convincerti che durante l'anno sono stata brava o almeno bravina; sì insomma, abbastanza da meritarmi qualche regalo e non il carbone. Poi? Ah, se non sbaglio qualcuna delle mie amiche (di quelle con i genitori che si travestivano uno da Babbo Natale e l'altro da renna con slitta al seguito) aggiungeva anche un paragrafo dove elencava i buoni propositi per l'anno nuovo: promesse di buona condotta atte a integrare eventuali carenze riscontrate nell'anno appena trascorso. Fatto ciò, scattava la lista di richieste con tanto di alternative nel caso qualcuna delle voci dell'elenco risultasse momentaneamente esaurita nei grandi magazzini del mega consumismo natalizio.
Beh, credo che ti risparmierò la premessa e anche i buoni propositi. Come dicevo, è già tanto se riuscirò a fare una lista di ciò che veramente mi piacerebbe avere.

Ogni tanto ci penso sai? Anche se non sono più una bambina, non fisicamente almeno, mi capita di fantasticare su quali desideri esprimerei se avessi la possibilità di farmeli realizzare da qualcuno. Non è facile perché alcune cose che sembrano appetibili, analizzate meglio risultano più negative che positive.
Ad esempio, una delle prime richieste che penserei di farti sarebbe quella di darmi il dono di leggere nel pensiero. Ma credo che non te lo chiederò; dopotutto è meglio non sapere quello che pensano gli altri, sarebbe un vero disastro. Non potrei sopportare di assistere a tutte le frecciate, gli accidenti e le cattiverie che ogni giorno s’incrociano correndo tra noi tutti, amici, parenti, serpenti e compagnia bella. Io stessa non vorrei mai che gli altri avessero libero accesso ai miei pensieri; chiunque ne rimarrebbe offeso, comprese le persone che più amo a questo mondo perché ci sono momenti in cui il nervoso, la stizza e l'insofferenza non guardano in faccia a nessuno. Non è un caso se non si può leggere nel pensiero, e ottenere tale potere sarebbe una condanna e non un vantaggio. La facoltà di interpretare i pensieri altrui dipende dal grado di affinità che ci lega agli altri; imparando a svilupparla si può creare una complicità positiva tra le persone, ma per far questo non occorre un incantesimo e nemmeno il tuo aiuto, caro Babbo Natale. Basta volersi bene.
Un'altra cosa che d'istinto chiederei sarebbe la possibilità di diventare invisibile. Ma ripensandoci meglio credo che rinuncerò anche a questo. Se fossi invisibile non farei altro che procurarmi dei dispiaceri, assistendo a scene alle quali non era previsto che assistessi (già mi bastano e avanzano quelle previste). Se fossi invisibile violerei la privacy di chiunque, metterei in dubbio la parola altrui andando a controllare che ciò che mi viene detto sia effettivamente vero. Se fossi invisibile ne approfitterei per fare cose che non si possono fare e con ogni probabilità diventerei una persona peggiore. Voler diventare invisibili è segno di insicurezza. No grazie, lascia stare.
Che ti chiedo allora? L'eterna giovinezza? Carino, ma quando tutti gli amici saranno invecchiati, compreso mio marito quando mi sposerò, non saprò che farmene della mia giovinezza. E mi sentirò sola più che mai, perché i giovani veri non avranno più niente in comune con me.
A dire il vero le cose che voglio o le ho già, o comunque mi sto impegnando per ottenerle; quasi quasi mi toglieresti la soddisfazione se me le recapitassi tu, tutte in una volta, buttandomele giù dal camino (che nemmeno ho) nella notte di Natale.
L'unica cosa che potrei chiederti, sarebbe di fare in modo che queste "cose" io non le perda mai. Ma so che non puoi farlo, nemmeno tu.
Caro Babbo Natale, siccome quest'anno non sono stata poi così brava e probabilmente non lo sarò nemmeno l'anno prossimo, portami solo uno dei tuoi sacchi pieni di carbone fatto di zucchero. E' buonissimo, e durante l'anno non lo vendono quasi da nessuna parte; mi piacerebbe averne una scorta da sgranocchiare la sera quando non devo uscire e ho carenza d'affetto perché mi manca il mio amoruccio. Anzi, portane un sacco anche a lui, sono sicura che sarà contento. Portagli anche una rosa di quelle che non sfioriscono mai; so che tu, caro Babbo Natale, ne hai sempre in serbo qualcuna per le persone veramente speciali.

Ti ringrazio moltissimo,
Debora

© Debora Gatelli



Recensioni ed articoli relativi a Debora Gatelli

Nessun record trovato

Testi di Debora Gatelli pubblicati su Progetto Babele

(1) Torch di Debora Gatelli - RACCONTO
(2) Net Web di Debora Gatelli - RACCONTO
(3) Epitaph di Debora Gatelli - RACCONTO
(4) Black Rose di Debora Gatelli - RACCONTO
(5) Erbacce di Debora Gatelli - RACCONTO
(6) Finta di niente di Debora Gatelli - RACCONTO
(7) Prima colazione di Debora Gatelli - RACCONTO
(8) Paperottolandia di Debora Gatelli - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2010-06-10
VISITE: 6378


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.