Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [20/09/2019] 6 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Mondo Artigiano scadenza 2019-09-20    360 Autori per tutto l’anno scadenza 2019-09-21    Fiori d'Inverno scadenza 2019-09-28    Tema: “Lo scrittore Michele Malanca attraverso la sua ultima opera: Storia di Andrea Pagani e altri racconti” scadenza 2019-09-30    Mario Zanaria scadenza 2019-09-30    PREMIO LETTERARIO DAUNIA&SANNIO scadenza 2019-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    CartaCarbone Festival Letterario Autobiografia e dintorni 2019 | Presentazione della sesa edizione - Treviso, Sabato 21 Settembre 2019, ore 11, Chiesa di San Teonisto (FESTIVAL LETTERARIO 2019-09-21)    PAT - Percorsi di Avvicinamento al Teatro - II edizione - 6 incontri, tutti gratuiti (Roma) (NOSCELTA 2019-09-26)    Festival Letterario CartaCarbone “Autobiografia e dintorni” - Sesta Edizione (NOSCELTA 2019-10-13)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Identità riservata di Cinzia Baldini     Come una madre di Maria cristina Piazza     Mio figlio e Bukowski di Massimo Martinelli     Un Brandello di storia di Alessio Salerno     Teoria degli Implosivi e degli Esplosivi di Mauro Moscone    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
27 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
3 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Epitaph
di Debora Gatelli
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 97
Media 78.14 %



Caro nonno,
ieri era Halloween e sono andata a una festa nella discoteca dove vado sempre. Come ben sai si tratta della notte delle streghe e tutti si mascherano da vampiri, scheletri, mostri vari. Io mi vesto già da strega tutto l'anno così ieri mi sono mascherata da topo per essere un po' originale. Però non mi sono divertita molto sai? C'era troppa gente, in queste ricorrenze c'è sempre una gran folla. Non avevo spazio per ballare, faceva caldo, avevo mal di testa e tutti mi tiravano la coda (eh sì, il mio costume da topo oltre alle orecchie comprendeva anche una bellissima codina pelosa!)
Oggi alzandomi mi sono resa conto che, Halloween a parte, queste sono le feste per i morti e io non le ho mai potute soffrire. A dire il vero ho una certa avversione un po' per tutte le feste comandate, ma non voglio lanciarmi in una polemica infinita sul perché e sul percome di questa mia avversione. Ti dirò soltanto che la ricorrenza dei morti la trovo un po' inutile perché non ci deve essere bisogno di una data fissa per ricordarsi dei nostri cari defunti.
Se fossi morta credo che mi irriterei nel vedere i miei parenti vicini e lontani ronzare attorno alla mia tomba solo in questa ricorrenza, portando mazzi enormi di fiori. Se fossi morta gradirei essere tenuta viva nella memoria di chi mi amava, tutti i giorni e in ogni luogo, non al cimitero davanti a un epitaffio.
Io non vado mai al cimitero a "trovare" i morti, preferisco pensarli quando sono a letto al buio, sola nella mia stanza. In questo modo c'è molto più raccoglimento, non rischi di incontrare il parente del vicino di tomba del tuo parente (che ti attaccherebbe sicuramente una pezza tremenda sugli ultimi pettegolezzi paesani), non perdi la concentrazione distraendoti con i fiori che non vogliono saperne di stare a posto nel vaso, e soprattutto eviti di trasformare la visita al tuo caro in una gita turistica tra le lapidi per vedere chi ha il monumento più costoso e i fiori più belli.
Scusa il mio cinismo nonno, ma su certe cose divento tremenda e potrei capire se qualcuno mi mandasse a quel paese, me e le mie idee strane.
Però quando sei nel letto in silenzio, a volte i morti li puoi quasi sentire; in un soffio d'aria più freddo, in una luce che si accende e si spegne da sola, in un rumore strano. In piedi davanti a una lapide mentre fissi la foto e leggi le scritte sul marmo credo che non succeda molto spesso.

Ti sto scrivendo tutto questo proprio perché oggi, nel giorno dei morti, all'età di 26 anni suonati, per la prima volta ho realizzato che non sono mai stata nel cimitero dove sei sepolto tu. Non so neppure dov'è, so solo che è a Milano. So che quando sei morto io nemmeno ero nata e so che vedere dove sta la tua tomba non cambierebbe nulla. Mi è sempre dispiaciuto molto non averti potuto conoscere; quando muore qualcuno ne conserviamo il ricordo, i momenti passati insieme, le ore felici e quelle più difficili. Di te non ho niente da ricordare. Ho solo qualche racconto fattomi e un paio di foto mostratemi. E' un po' pochetto e mi rendo conto che nella mia vita non ho pensato molto a te. Non mi mancavi perché non ti avevo mai avuto; non so nemmeno immaginare se avremmo potuto andar d'accordo o no. Come faccio a saperlo?
Eppure sono sicura che tu mi hai sempre tenuta d'occhio anche se non mi hai mai vista; sono sicura che mi stai vicino anche se io non ti sento e non immagino che sei tu. Sono sicura che hai già perdonato la mia leggerezza nel non pensarti spesso e sono sicura che vedi da solo come sono, molto meglio di quanto potrei spiegarti io a parole.
Non sono mai venuta nel tuo cimitero e credo che non lo farò nemmeno in futuro; ti ho scritto questa lettera come mio epitaffio personale, tanto non c'è bisogno del marmo per incidere delle parole e non servono fiori per profumare le anime. So che sarai d'accordo con me.

Debora

© Debora Gatelli



Recensioni ed articoli relativi a Debora Gatelli

Nessun record trovato

Testi di Debora Gatelli pubblicati su Progetto Babele

(1) Torch di Debora Gatelli - RACCONTO
(2) Net Web di Debora Gatelli - RACCONTO
(3) Epitaph di Debora Gatelli - RACCONTO
(4) Black Rose di Debora Gatelli - RACCONTO
(5) Erbacce di Debora Gatelli - RACCONTO
(6) Finta di niente di Debora Gatelli - RACCONTO
(7) Prima colazione di Debora Gatelli - RACCONTO
(8) Paperottolandia di Debora Gatelli - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2010-06-10
VISITE: 446


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.