Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [23/11/2019] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    PREMIO NABOKOV scadenza 2019-11-30    Residenze Gregoriane 2019 scadenza 2019-11-30    Premio Poesia dell'Anno” (2019) scadenza 2019-11-30    Ironicomico2 scadenza 2019-12-06    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Net Web
di Debora Gatelli
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 4094
Media 79.32 %



Caro Gemini,
oggi ti ho cercato e non ti ho trovato, e all'improvviso mi sono accorta di quanto è assurdo tutto ciò che ci sta succedendo. E mi sono anche resa conto che più le cose diventano irreali e intangibili, tanto più facilmente ci abituiamo a esse arrivando al punto di dimenticarci che non è stato sempre così.
In questi mesi di delirio pre-laurea passo le mie giornate in laboratorio attaccata al computer ordinando dati ed elaborandoli in ogni modo. Esco solo nella pausa pranzo e alla fine della giornata il mio cervello è come un groviglio di fili in corto circuito. E' stato per distrarmi un po' tra una regressione multipla e un test di significatività che un giorno ho deciso di far visita al mondo virtuale. E' stato per curiosità che invece di farmi una passeggiata al parco ho fatto un giro in chat. E' stato per divertimento che ho cominciato a inventarmi un nome nuovo ogni volta che mi stufavo di quello vecchio. E' stato per civetteria che ho scambiato due chiacchiere con parecchi nomi senza faccia senza storia senza sesso. E' stato terribile.
All'inizio, come per tutte le novità l'ho trovato divertente, ma solo all'inizio; poi mi sono resa conto di tutto il resto che non era per nulla divertente.

Caro Gemini, tu forse sei uno dei pochi che in chat ci è finito per le mie stesse ragioni e come me ne è uscito a gambe levate. Forse è anche per quello che parlando ci siamo subito trovati bene e la nostra amicizia si è poi evoluta al telefono e non più in chat.
Come ti dicevo, oggi ti ho cercato e non ti ho trovato, forse stavi ancora lavorando o forse non ti funzionava il computer o forse ti sei rotto le palle dei soliti "Ciao bello chatti?"..."da dove dgt?"..."sei m o f?"..."ti va di fare sesso virtuale?"..."vieni in pvt con me?"..."mi mandi una tua foto che io ti mando la mia, ma prima mandami la tua ok?" Che schifo.
Forse mi sono scelta la chat più sfigata della rete, non voglio generalizzare, ma tra tutte le stanze a disposizione non ho mai trovato molta gente, a parte te, che non rientrasse in una delle seguenti categorie: vecchi marpioni, giovani patetici che si inventano personaggi pur di rimorchiare qualcuno, impiegati che al posto di lavorare scrivono maialate a tutti i nickname femminili, ragazzine represse e/o depresse che scrivono oscenità di ogni genere per far colpo su altrettanti repressi che rispondono con frasari ancora più volgari, gruppi di invasati che si insultano su argomenti fin troppo seri per essere affrontati in quel modo, decine di idioti che non avendo niente da dire- nemmeno le cagate- urlano parole senza nesso l'una con l'altra perché per loro fare una frase forse è già troppo impegnativo.
Sta diventando tutto finto, dimmi che dà fastidio anche a te ti prego. Lì dentro è finto il nome che usiamo, a volte è finta la vita che ci costruiamo addosso, così come sono finti tutti gli altri personaggi finti che fingono di dirci la verità. Il posto dove ci si incontra non esiste, frasi appese a uno schermo, messaggi inviati all'ignoto, confidenze fatte all'etere.
E in questa giungla immaginaria si crea un mondo parallelo, come se non bastasse quello che già c'è, un mondo parallelo che è peggiore di quello vero perché ognuno si sente libero di dire fare e disfare tutto quello che vuole. Tanto nessuno sa chi sei. Un castello pieno di stanze fatte di punti su uno schermo, dove con terrore ti accorgi che ogni giorno ci trovi più o meno le stesse persone, a qualsiasi ora tu ci vada: stanno lì, trascorrono le giornate parlando con qualcosa che non c'è. Parlano, ascoltano, inventano, a volte incontrano qualcuno che non hanno mai visto e per un po' gli sembra che la giornata prenda una piega diversa dalle altre; ma all'improvviso puf, cade il collegamento- errore di sistema- si ritrovano fuori dalla chat. Panico, subito si ricollegano prima che il loro contatto virtuale e illusoriamente perfetto si perda nella grande ragnatela fittizia. E alla sera vanno a letto e forse credono di avere tanti amici.
Caro Gemini, stasera mi sono chiusa nella mia stanza da sola. Non ne voglio più sapere del mondo finto, ma per ora non mi va di vedere nemmeno quello vero. Da sola penso e parlo con qualcuno che so che c'è, parlo con me e con me litigo furiosamente. Ho cenato con vodka liscia del discount allungata con succo d'arancia e granatina: Vodka Sunrise si chiama, e la beve sempre un mio amico, di quelli che stanno nel mondo con carne e ossa e difetti e pregi e punti deboli e lacrime da versare. Ho cenato con quella e basta, ne ho già bevuti quattro bicchieri perché avevo fame ma non mi andava di masticare. Sono da sola e mi gira la testa, ma almeno la sento che c'è.
E prima quando ti ho cercato e non ti ho trovato ne sono stata felice perché ho avuto la conferma che non ci sei ricascato. E' da tanto che non mi chiami più e in un certo senso ho fatto un tentativo per rintracciarti. Ma se non mi hai più chiamata un motivo ce l'hai e non è in chat che potrò chiederti scusa per la mia trascuratezza nei tuoi confronti. Ogni tanto quando ceno a base di superalcolici mi viene voglia di chiamare tutte le persone che ho lasciato che si allontanassero da me e dir loro che mi dispiace. A volte lo faccio mandando un messaggio sul cellulare, ma poi quando mi rispondono la vodka se n'è già andata chissà dove e ormai ho cenato con qualcosa di solido e non mi va più di raccogliere i sassi che io stessa ho lanciato.
Siamo tutti dei piccoli ragni che tessono parti di una unica enorme ragnatela; metà è vera e l'altra metà ce la siamo inventata e a volte nemmeno noi riusciamo più a distinguere le due parti. Così, spesso ci perdiamo di vista e magari non ci siamo allontanati nemmeno poi così tanto. Altre volte invece ci troviamo ai lati opposti della tela eppure ci pare di essere indissolubilmente uniti. Che strano.

Caro Gemini, ti ho visto una volta soltanto e di te so molte più cose di quante me ne abbia mai dette la maggior parte delle persone che sono state sedute al mio fianco in quattro anni di università. A volte il problema non è riducibile a ciò che è vero e ciò che è virtuale. Forse non importa dove e in quale modo ci si incontra; quando si ha qualcosa da dire lo si dice anche in un collegamento assurdo come la chat. E quando le cose pian piano cambiano, se noi le lasciamo cambiare è perché in fondo ci sta bene così.
Anche se un po' ci dispiace.

Buona fortuna,
Darkness

© Debora Gatelli



Recensioni ed articoli relativi a Debora Gatelli

Nessun record trovato

Testi di Debora Gatelli pubblicati su Progetto Babele

(1) Torch di Debora Gatelli - RACCONTO
(2) Net Web di Debora Gatelli - RACCONTO
(3) Epitaph di Debora Gatelli - RACCONTO
(4) Black Rose di Debora Gatelli - RACCONTO
(5) Erbacce di Debora Gatelli - RACCONTO
(6) Finta di niente di Debora Gatelli - RACCONTO
(7) Prima colazione di Debora Gatelli - RACCONTO
(8) Paperottolandia di Debora Gatelli - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2010-06-10
VISITE: 7316


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.