Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    [20/03/2019] 13 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Trofeo RiLL, il miglior racconto fantastico scadenza 2019-03-20    Racconti di Donna -Antonella Calì scadenza 2019-03-22    Fuori dal cassetto scadenza 2019-03-30    La voce della Natura: Armonia, Benessere e Spiritualità scadenza 2019-03-31    Scrivi un giallo a Fico Eataly World scadenza 2019-03-31    Maria Virgina Fabroni scadenza 2019-03-31    La tecnologia è magia? scadenza 2019-03-31    Maria Virginia Fabroni scadenza 2019-03-31    Un Roero da Favola scadenza 2019-03-31    Premio Internazionale di poesia San Gerardo Maiella scadenza 2019-03-31    ROCCAGLORIOSA scadenza 2019-03-31    Angiè scadenza 2019-03-31    Ballo proibito scadenza 2019-03-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Tenebra Lux di Alessandro Del Gaudio     Epiphaino di Guglielmo Campione     Fermento di Falesia di Stefano Giannotti     Guida ai cantautori italiani - Gli anni Settanta di Mario Bonanno     Epiphaino di Guglielmo Campione    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
62 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
4 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Le campane del morto
di Lorenzo Spurio
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 97
Media 78.45 %



Don Don Don..Don

Aveva da sempre considerato il suono bronzeo di quelle campane estremamente fastidioso ma, in fin dei conti, le era sempre stato utile per ricordarsi che doveva alzarsi o che era troppo tardi e quindi doveva andare a dormire. Le campane della piccola canonica erano ancora collegate a un sistema di tipo arcaico a dispetto dell’imperante tecnologia oramai diffusa in ogni angolo della terra. Una spessa fune piuttosto rovinata e sfilacciata fungeva da tramite tra don Settimio (e le sue mani) ed il mezzo musicale. Ogni mattina le suonava con precisione, puntualità, con passione. Ogni mattina, nel primo pomeriggio e nella tarda serata. Non solo. Venivano suonate (forse con maggior ragione che negli altri momenti di una qualsiasi giornata) in presenza di particolari festività religiose, contadine e nei funerali. In quel caso era un suono amaro, cupo, ridondate. Era veramente strano come don Settimio riuscisse ad infondere nel suono armonico e metallico delle campane una dimensione superiore. Il suono delle campane non annunciava solo l’ora e che qualcuno era appena passato a miglior vita ma infondeva una serenità tale ed una pace interiore che si spandeva nell’aria a macchia di leopardo, contagiando tutti. A volte era un suono netto, aspro che rompeva un momento o lo contrassegnava in maniera vistosa, altre volte era un suono atteso e di compagnia, altre volte ancora era il ricordarsi della religione e che Dio era da quelle parti. Dio era in quelle zone. In tutti i casi, era un suono che marcava la presenza al mondo di chi lo udiva. Di chi era ancora in grado di percepirlo. E i pochi anziani che soffrivano di sordità, non potendo udire quel suono, non erano dei morti: erano in grado di percepirlo ugualmente, seppur in una maniera diversa. Lo percepivano perché sapevano della sua presenza, perché lo conoscevano, lo avevano sperimentato. Erano quindi vivi al pari degli altri. Secondo l’anziano curato, il reverendo Giordano, deceduto appena tre anni prima, anche il morto nell’atto della sua ultima funzione religiosa, ossia nel momento del funerale, sarebbe stato, a parer suo, capace di sentire l’effluvio sonoro di quelle campane. Se veramente era cosi, nessuno lo sapeva. E nessuno lo avrebbe mai saputo. Chi l’avrebbe saputo si sarebbe trovato in una situazione tale nella quale non avrebbe potuto farne parola con nessuno. Era un qualcosa che tutti, prima o poi, avrebbero sperimentato in prima persona. Tutti avrebbero scoperto però la stessa cosa. Che infondo il reverendo Giordano aveva ragione. Tutti avrebbero avuto il loro scampanare ultimo nel giorno più triste. Dunque, quello che a tutti sembrava morto e colui che, sfortunatamente, si trovava a riposare dentro uno strettissimo lettino con velo bianco a mo’ di zanzariera dentro di una cassa legnosa infondo non sarebbe stato un morto finchè il prete non avrebbe suonato nella sua funziona religiosa. Non l’organo, ma le campane.  Le campane erano un chiaro segno di vita, di presenza e di costanza. Ma sigillavano anche la fine. La vita terminava con un momento sonoro. In qualsiasi giorno si sarebbe celebrato un funerale, in qualsiasi ora, in qualsiasi stagione (sia col freddo vento dell’autunno che avrebbe fatto svolazzare la tonaca del curato che con il forte sole d’Agosto che avrebbe fatto sudare copiosamente i congiunti del morto) il morto avrebbe avuto la sua fine musicale. Con l’inizio dello scampanare il morto prevedeva la sua fine dato che unito ad esso riusciva ad ascoltare anche le lacrime ed i gemiti dei suoi congiunti. Poi, lentamente, con lo svolgersi dello scampanare il morto diventava lentamente sempre più morto e, gradualmente, riusciva ad ascoltare quel suono in maniera sempre meno intensa e vaga. Arrivava ad un punto in cui non riusciva a sentire più la minima nota. Quel momento corrispondeva alla fine dello scampanare, ma anche alla sua vera morte.

Le campane per lui non sarebbero più suonate. Né a festa, né a morto. Non avrebbe più partecipato ad un momento come quello. La sua vita s’era esaurita con un lento e ritmato Don Don.                                       

© Lorenzo Spurio



Recensioni ed articoli relativi a Lorenzo Spurio

(1) Neoplasie civili di Lorenzo Spurio - RECENSIONE
(2) Flyte & Tallis di Lorenzo Spurio - RECENSIONE

Testi di Lorenzo Spurio pubblicati su Progetto Babele

(1) Il calcestruzzo di Lorenzo Spurio - RACCONTO
(2) La telefonata di Lorenzo Spurio - RACCONTO
(3) Le campane del morto di Lorenzo Spurio - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2010-06-26
VISITE: 314


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.