Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    [26/04/2019] 18 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    SCENICCHIA UNA SEGA #2 PRATICAMENTE UN CONCORSO LETTERARIO scadenza 2019-04-26    La Farnia d'Oro In terra nostra scripta apparuerunt scadenza 2019-04-30    Il Prete Bambino scadenza 2019-04-30    Premio drammaturgico per testi a tematica gay scadenza 2019-04-30    La tecnologia è magia? scadenza 2019-04-30    L’Ebbrezza della vita scadenza 2019-04-30    Città di Latina scadenza 2019-04-30    Onigo Mura bastia scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Tra Secchia e Panaro scadenza 2019-04-30    Il Sogno del Poeta scadenza 2019-04-30    OCEANO DI CARTA scadenza 2019-04-30    Nuova Scrittura Ermetica 2019 scadenza 2019-04-30    AG NOIR scadenza 2019-04-30    “Luca Romano” scadenza 2019-05-10    Premio Gambrinus Giuseppe Mazzotti scadenza 2019-05-10    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo     Tenebra Lux di Alessandro Del Gaudio     Epiphaino di Guglielmo Campione     Fermento di Falesia di Stefano Giannotti     Guida ai cantautori italiani - Gli anni Settanta di Mario Bonanno    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
58 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Il calcestruzzo
di Lorenzo Spurio
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 87
Media 76.9 %



Quel giorno il ministro dell’ambiente avrebbe dovuto pronunciarsi in Senato su una serie di questioni tra le quali una che mi stava particolarmente a cuore e che prevedeva l’abolizione di un progetto articolato finalizzato alla conversione di un parco in un area abitativa. La questione mi interessava per svariati motivi primo tra tutti perché nel quartiere dove abitavo era necessaria una piccola area verde.

Ad una prima analisi poteva sembrare una questione abbastanza comune e molto frequente su tutto il territorio nazionale, tuttavia la popolazione del quartiere e più in generale della città, me compreso, si era fortemente opposta al progetto edilizio di un impresa del nord Italia. C’era stata un’assemblea cittadina ma non era bastata, erano seguiti uno sciopero e poi una fiaccolata. Il sindaco seppur sapeva parlar bene poteva far poco per intervenire nella vicenda. La questione non era d’interesse neanche per la provincia. Ovviamente era una questione dominata dai soldi. L’ostilità di noi abitanti si era fatta palese ed evidente e, contro alla nostra natura di cittadini rispettosi e civili, c’erano stati alcuni episodi di vandalismo notturni che avevano la pretesa di minacciare chiaramente il comune e di mettere in guardia su un azione tanto brutta. Preciso che non sono dei verdi e che non vado in giro nelle piazze firmando per petizioni e per progetti che incrementano l’utilizzo di forme di energia alternative e rinnovabili. Inoltre scarsamente mi pongo tali questioni. Pur essendo un cittadino modello diciamo che non mi interesso ampiamente della migrazione di certi uccelli di nicchia, né vado in giro a valutare il livello d’inquinamento dell’aria basandomi sull’eventuale presenza o assenza di licheni.

Inoltre non avevo intenzione di salvaguardare il parco solamente per permettere a John, un senzatetto perbene e amato da noi tutti, di continuare a vivere li o per evitare che le coppiette non sapessero poi dove appartarsi ma perché il parco c’era sempre stato. Era nostro. Era un’isola felice. Non c’era motivo di abbattere dei pini e degli abeti centenari per permettere a un’impresa di costruire nuove palazzine. Uccidere delle piante per poter far vivere delle persone? Secondo me era un paradosso dover uccidere qualcuno per poter far vivere qualcun altro. Mi ero imposto da subito a quel progetto assassino anche perché non era giusto estirpare alberi tanto imponenti e nobili, saggi per il loro percorso vitale, cosi di punto in bianco per una bizzarria umana. Quell’eden, seppur piccolo, doveva essere conservato. Come me la pensavano in molti nel quartiere. Altri non prendevano nessuna posizione perché non avrebbero tratto nessun giovamento sia nel caso in cui il progetto fosse stato approvato che nel caso in cui fosse stato respinto. Gran parte della gente prende una posizione solo quando ne intravede delle utilità. Meno spesso prende una posizione per pensare a qualcosa che è fuori da se.

Tuttavia quel giorno in parlamento il ministro, di fronte a un nutrito gruppo di senatori di entrambi gli schieramenti, spiegò la questione parlando prima della regolarità del progetto secondo le norme edilizie passando poi a parlare delle resistenze e delle opposizioni incontrate dalla popolazione nei confronti di quel progetto. Cosi come una parte dei miei concittadini non si sono interessati alla questione perché non li tocca da vicino, gran parte dei senatori mostrarono poca attenzione all’argomento. Un senatore della terza fila aveva il cellulare in mano forse intento a mandare un sms alla sua compagna mentre un altro parlamentare, in prossimità del secondo emiciclo, stava leggendo il giornale dove forse, a parer suo, avrebbe incontrato una notizia più accattivante di quella che il ministro stava esponendo.

Quel giorno la questione in parlamento venne solo esposta dal ministro ma i giorni che seguirono ci furono delle trattative tra ministero, comune e l’impresa che evidentemente dovettero finire per essere a favore dell’impresa. La settimana dopo infatti era ormai certo che bisognava dire addio al parco. Coloro che si erano fortemente opposti a quel progetto edilizio si sentirono sconfitti e lesi dalle loro istituzioni. Io e alcuni concittadini, assieme anche al clochard John manifestammo nuovamente per la salvaguardia del parco in presenza di alcune emittenti regionali e nazionali. Decidemmo anche di buttare benzina sul fuoco con alcuni cartelloni con slogan irrispettosi ed indignati nei confronti del comune e della politica in genere. A conclusione di quello che definimmo un funerale ambientale decidemmo di incatenarci ai tronchi di alcuni abeti. Tutto questo non servì a nulla perché alcuni giorni dopo tutto rimase in sordina e iniziarono i lavori.

Quando vidi arrivare gli uomini addetti all’abbattimento degli alberi mi si strinse il cuore e capii che oramai non c’era niente da fare. Non era giusto utilizzare seghe e altri strumenti contro la natura che invece era disarmata. Era una lotta impari. Immaginai nella mia mente che al momento dell’accensione delle seghe elettriche, i rami degli abeti si tramutassero in bracci molto lunghi che afferravano gli operai, li sollevavano e li gettavano violentemente a terra. La natura avrebbe avuto più diritto di mostrarsi violenta. Un colpo di tosse di mia zia mi riportò alla realtà. I primi rami venivano tagliati. Il rumore che sentivo non era quello della sega elettrica ma il lamento di quei poveri esseri inermi che imploravano aiuto. Non potevo far niente per loro e mi venne da piangere. Mia zia vedendomi mi dissi di non essere ingenuo e che gli alberi non avrebbero provato nessun dolore. Avevo trentadue anni e sapevo bene che non era cosi. Ogni ramo che cadeva a terra inerme, ogni albero che rimaneva temporaneamente menomato era un’insanabile ferita che veniva fatta sulla pelle della natura. Il cemento armato e il calcestruzzo non avrebbero annullato il ricordo e il dolore di quegli alberi in quella focosa giornata di fine Luglio.

© Lorenzo Spurio



Recensioni ed articoli relativi a Lorenzo Spurio

(1) Neoplasie civili di Lorenzo Spurio - RECENSIONE
(2) Flyte & Tallis di Lorenzo Spurio - RECENSIONE

Testi di Lorenzo Spurio pubblicati su Progetto Babele

(1) Il calcestruzzo di Lorenzo Spurio - RACCONTO
(2) La telefonata di Lorenzo Spurio - RACCONTO
(3) Le campane del morto di Lorenzo Spurio - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2010-06-28
VISITE: 317


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.