Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Il gruppo di Progetto Babele su Facebook
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Collabora con PB Cos'è PB?
TeleScrivente:    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    Dopo quindici anni, chiude la rivista Segreti di Pulcinella (ma resta il BLOG) (03/05/2018)    La biblioteca più alta del mondo (forse) (01/05/2018)    Lo stagno dei caimani - ritrovato il racconto perduto di Salgari (12/04/2018)    Il 12 Ottobre 2017 chiude i battenti la storica NETEDITOR (06/10/2017)    [24/09/2018] 5 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Fiori d’Inverno scadenza 2018-09-29    Racconti tra le nuvole scadenza 2018-09-30    Premio Poesia dell'Anno scadenza 2018-09-30    L'amore è scadenza 2018-10-07    Premio Internazionale Michelangelo Buonarroti scadenza 2018-10-08    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Biennale Arte Contemporanea Viterbo - 5a edizione (NOSCELTA 2018-09-30)    AUDIOLIBRI     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro     L`ultimo di Giuseppe Foderaro letto da Luca Govoni    RECENSIONI     Polaroid di Davide Rocco Colacrai     Ce sto io … poi ce sta De Niro - Mario Brega Biografia di Ezio Cardarelli     Breve inventario di un’assenza di Michele Paoletti     Coraline di Neil Gaiman Adattato e ilustrato da P. Craig Russell     A Sud dell’Alameda - Diario di un’occupazione di Lola Larra e Vicente Reinamontes    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello     ANTONIO ALTOMONTE «emblematico ricostruttore di perdute dimensioni».     Il mondo poetico del calabrese Rocco Nassi    Racconti     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice     Lettera ad una cucciola di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
Facebook
La Rivista
PB numero 19
Scarica gratuitamente PB
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
24 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
11 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Bucolica
di Nadia concetta Nicoletti
Pubblicato su SITO



Ascolta il file Ascolta la versione audio di questo racconto!
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 18862
Media 79.73 %



Ho visto un luogo, eccellente.

E’ racchiuso tra massi precipitati dalle montagne lontane, all’interno alcune canne di bambù, alberi sottili e alti, cespugli di more, un rigagnolo d’acqua confluiva in una pozza, grilli salterelli, cicale, farfalle, api e lui, un fauno.

Era caldo, un pomeriggio fermo dal gusto di barolo, il calore che inalavo andava a mettersi al posto del sangue. Sotto i piedi, piccoli scricchiolii. Camminavo sopra un immenso sommerso, micro natura scossa dal mio incedere lento. Fili d’erba rimanevano incollati alle caviglie umide, le mani scompigliavano le fluorescenze di una vegetazione pronta a disperdersi nel primo vento.

Alle orecchie, oltre ai versi dei piccoli insetti una melodia, acuta, lineare, dolce.

Cercai di direzionare le orecchie come potrebbe fare un lupo verso quel suono di strumento, girai su me stessa parecchie volte ma il suono si spostava di continuo. Ora proveniva dalla roccia lì in fondo, ora da dietro quest’albero frondoso, insomma, ero curiosa e felice di trovarmi in quel luogo.

Poi, vicino ai bambù che superavano di un palmo l’altezza di un uomo, dove le radici prendevano un po’ d’acqua, all’ombra, scorsi il profilo inconfondibile. Un fauno, in perfetta armonia con il paesaggio, suonava il flauto.

Lo so, è fuori dai canoni affermare che era bellissimo, ma lo era! Il profilo del viso lungo, fronte e naso su un’unica retta che però rientrava sopra le lebbra con le alette delle narici ben dilatate e la bocca, ben formata, si allungava sulle guancie, all’insù. Il mento, benché ricoperto dalla barbetta caprina, era spiovente e ricadeva sul collo taurino. I capelli annodati, sulla nuca si fondevano alla peluria mascolina della schiena. Accovacciato a terra, le zampe muscolose erano ispide. Lucenti gli zoccoli.

Prima roteò gli occhi su di me, occhi lucidi, intensi, provocatori, poi lentamente si voltò e smise di suonare solamente per liberare la bocca e arricciarla in un sorriso. Accattivante, delizioso, mi guardava e una grande attrazione mi fece procedere verso lui.

Nei suoi occhi vedo me, rigida, una montagna di giudizio, etica, morale, coscienza. Un moto sussultorio arrivava fino ai miei piedi, le ginocchia cedono, il ventre si scalda, l’aria non mi basta.

Di nuovo il fauno libera schegge che trafiggono quest’aria spessa. Mentre all’orecchio arriva il turbine sonoro che mi riporta a me stessa, il turbine al ventre è tutt’altra cosa. Quella cosa che credevo dissennatezza, allontanata come una malattia era lì, davanti a me, e voleva essere ascoltata. E’ come se dicesse “sono una cosa naturale, al di la del tuo controllo.”

Disposta a tutto, avevo un tarlo che girava ancora nelle circonvulsioni del mio cervello (o dovrei dire intestino?) e cioè chi mi garantiva che non avrei sofferto dato che i fauni quando sono disturbati durante il loro riposo pomeridiano, mordono? Però anche questo dubbio volò via, come una farfalla, le mosche, le api. Tutto si mosse, si spostò di posto, strisciò via, ciascun passo del mio lento incedere allontanò le altre creature da noi, losciandoci soli.

I suoi occhi nei miei, terre inesplorate tempi astrali onde violente dalle spume calde, pruriginose, bellezza.

Profondo marino

Nero

Opaco

Guizzante

Chimerico

Come una ninfa, selvatica, danzo tra le onde di questa sorgente illusoria. Immaginata.

La mia pelle è liscia e la schiuma del mare crepita sulle braccia, sul viso, l’anca.

Immagino di essere dipinta. Alcuni scogli sullo sfondo, una baia verdeggiante sulla destra, blu oltremare screziato da bianco piombo delle nuvole, aria, aria tra le canne e l’acqua, onde schiumose intralciate dal mio corpo che guizza veloce e respira acqua salata.

Immagino che il fauno si sia nascosto tra le canne per osservarmi lasciandomi intatte tutte le facoltà di giudizio e di condotta. Lui mi sta inserendo in un dipinto dove, se sbircio, sono bellissima.

© Nadia concetta Nicoletti



Recensioni ed articoli relativi a Nadia concetta Nicoletti

Nessun record trovato

Testi di Nadia concetta Nicoletti pubblicati su Progetto Babele

(1) Bucolica di Nadia concetta Nicoletti - RACCONTO
(2) blues di Nadia concetta Nicoletti - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB


-

dal 2010-07-07
VISITE: 34952


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.