Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Il gruppo di Progetto Babele su Facebook
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Collabora con PB Cos'è PB?
TeleScrivente:    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    Dopo quindici anni, chiude la rivista Segreti di Pulcinella (ma resta il BLOG) (03/05/2018)    La biblioteca più alta del mondo (forse) (01/05/2018)    Lo stagno dei caimani - ritrovato il racconto perduto di Salgari (12/04/2018)    Il 12 Ottobre 2017 chiude i battenti la storica NETEDITOR (06/10/2017)    [18/07/2018] 10 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    FESTIVAL DEI DUE PARCHI scadenza 2018-07-20    L'umorismo, un modo di guardare la realtà scadenza 2018-07-21    Un Monte Di Poesia scadenza 2018-07-22    Città di Porto Recanati - Premio Speciale Renato Pigliacampo scadenza 2018-07-25    III Edizione della Giornata mondiale della Poesia con A.Monaco -100thousand poets for change 2018 scadenza 2018-07-25    Racconti di Milleparole scadenza 2018-07-30    Lo Scrittoio scadenza 2018-07-30    Giornalismo d'inchiesta - Italia, il bel Paese scadenza 2018-07-30    Uomini, e donne, sul mare scadenza 2018-07-31    FINO IN FONDO scadenza 2018-07-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro     L`ultimo di Giuseppe Foderaro letto da Luca Govoni    RECENSIONI     Coraline di Neil Gaiman Adattato e ilustrato da P. Craig Russell     A Sud dell’Alameda - Diario di un’occupazione di Lola Larra e Vicente Reinamontes     Ho sognato di vivere - Variazioni sul tema del tempo in Roberto Vecchioni di Mario Bonanno     Le case del malcontento di Sacha Naspini     Laura Morante, in punta di piedi di Stefano Iachetti    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     L´horror psicologico di Michele Pastrello     ANTONIO ALTOMONTE «emblematico ricostruttore di perdute dimensioni».     Il mondo poetico del calabrese Rocco Nassi     FRANCESCO PERRI (Careri 1885 – Pavia 1975): il primo scrittore antifascista della letteratura italiana e il primo cantore dell’emigrazione meridionale     La donna indiana tra letteratura e realtà. Anita Desai e Kamala Markandaya.    Racconti     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice     Lettera ad una cucciola di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Rodolfo Walsh (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
Bookshop
La Rivista
PB numero 19
Scarica gratuitamente PB
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
34 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
11 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

La levatrice
di Fiorenza Cevidalli
Pubblicato su SITO



VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 5500
Media 78.96 %



In un piccolo ed anonimo paese dell'entroterra genovese viveva una donna dal carattere introverso e tranquillo.
Si chiamava Teresa,faceva la levatrice ( a quei tempi si chiamava ancora cosi') e passava il suo tempo facendo nascere i rari bambini che venivano al mondo in quel borgo lontano.
Fin qui nulla di strano,ma la placidaTeresa aveva uno strano passatempo.
Prima di raccontarvi quale fosse vorrei che cercaste di capire un po' il personaggio.
Fate conto che per una zitellona,alta,magra,occhi azzurri (quasi sempre bassi),pelle slavata e vestiti voltati e rivoltati,non ci fosse molto da fare in quel paese.
A parte i rari momenti di eccitazione piacevole o spiacevole quando i neonati nascevano o morivano fra le sue mani, a parte i pochi matrimoni ed i frequenti funerali,era difficile ingannare il tempo in quel posto sperduto.
Il tempo era tanto.
Pesanti battevano le lancette della sveglia sul como',lentamente le tende si coloravano ai riflessi del sole e si scurivano alle prime ombre del tramonto.
Teresa aveva cercato invano di farsi qualche amica fra le donnette del paese ma,chissa' perche',era sempre stata evitata.
Sia perche' essendo nubile poteva rappresentare una potenziale tentazione per i mariti,sia perche' essendo un po' piu' colta ed educata delle altre queste si credevano considerate dall'alto al basso.
Cosi'Teresa ,per ingannare il tempo, si faceva lunghe passeggiate sulle colline della zona.
Coglieva fiori o radicchio ed altri tipi di erbe selvatiche a seconda della stagione.
Sedendo una volta su una grossa pietra per riposarsi ,vide spuntare fra le sue gambe, da sotto il sasso, la testolina di un piccolo serpente verde smeraldo.
Fece per gridare e poi,sentendosi stupida e sola,si alzo' precipitosamente.
Stava per andarsene quando la sua innata curiosita' la spinse a voltarsi e guardare piu' attentamente l'oggetto della sua paura.
Aveva un colore bellissimo,due piccoli occhi ipnotici ed uno strano disegno lungo il dorso.
Prese la sporta piena di erbe e le rovescio'.
Poi ,temerariamente , con l'aiuto di un ramoscello spinse l'animale dentro la borsa e l'intrappolo' chiudendo la cerniera.
Corse fra i campi eccitata ,impaurita e sorpresa dalla sua illogica impulsivita'.
Appena a casa libero' il serpentello facendolo scivolare in un barattolo di vetro dal coperchio forato.
Tutti si chiederanno logicamente cosa avrebbe potuto fare Teresa con quell'animale.
Abbruttita dalla solitudine e dalla mancanza d'amore,trovo' finalmente su chi sfogare
le sue premure,attenzioni e preoccupazioni.
Avrebbe potuto essere un cane,un gatto ,addirittura una gallina ,ma il caso volle che fosse quella viscida bestia.
Dopo essersi informata su usi ed abitudini dei rettili incomincio' a nutrire il serpentello,anzi oramai serpente o meglio serpentone.
Si arrotolava nel suo barattolo di vetro e poi passo' in uno ancora piu' grande.
Si avventava sui piccoli pezzi di carne che Teresa gli portava ogni due settimane.
Fra lui e la carceriera si era stabilita una strana amicizia.
Lei lo teneva in grembo come un gattino e lui la lasciava accarezzare e sollevare e riporre di nuovo nel barattolo.
Teresa assetata e ripagata da questo amore decise di aggiungere altri animali.
Non furono ne' cani ne' gatti ma altri serpenti di vari colori e grandezze.
Piano piano la notizia di questa strana collezione si sparse in paese.
Se fossimo stati ai tempi delle streghe certamente Teresa avrebbe fatto una brutta fine.
Ora,la fine era una sola: nessuno volle piu' Teresa come levatrice.
Con quelle mani che avevano toccato quei viscidi animali,chi avrebbe voluto piu' farsi toccare?
Perduto il lavoro,Teresa si trovo' senza soldi e cibo per se' e per le sue bestie.
La situazione era veramente tragica ma le venne incontro un insperato colpo di fortuna.
Un giorno arrivo' per caso in quel paese un giovane speleologo.
Cercava una certo antro ma ne' le mappe ne' i paesani sospettosi riuscirono ad aiutarlo.
Qualcuno gli suggeri' di recarsi da Teresa che forse,nei suoi giri forsennati alla ricerca delle bestiacce, era incappata in un posto del genere.
La trovo' sulla porta del cortile mentre allineava i suoi barattoli al sole tiepido dell'inverno.
Il ragazzo rimase esterrefatto.Mai piu' si sarebbe aspettato di trovare una tale varieta' di rettili in quei barattoli colorati di sughi e marmellate.
Il giovane dopo essersi informato del posto che cercava incomincio' ad interessarsi a Teresa e al suo strano passatempo.
Tornato in citta' la voce di questo strano zoo incomincio' a diffondersi prima nel mondo accademico poi nei caffe' ed infine ai vari gitanti della domenica.
Con i primi bucaneve arrivarono da Teresa le prime persone.
Con i papaveri c'era gia' una scia di famigliole che si arrampicava sui sentieri fino al famoso cortile.
Finche' Mario che in citta' faceva affari in un bar tabaccheria decise di farne altrettanti in campo turistico.
Organizzo' con l'aiuto di Teresa una specie di sepentario nella vecchia stalla abbandonata vicino al cortile.
Tra scritte e spiegazioni un po' scientifiche e un po' inventate incominciarono ad aggirarsi curiosi padri e bambini venuti da citta' lontane e vicine.
All'entrata col viso compunto, illuminato dal sole stava Teresa.

© Fiorenza Cevidalli



Recensioni ed articoli relativi a Fiorenza Cevidalli

Nessun record trovato

Testi di Fiorenza Cevidalli pubblicati su Progetto Babele

(1) La levatrice di Fiorenza Cevidalli - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB


-

dal 2010-09-10
VISITE: 9595


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.