Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    [20/02/2019] 11 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Francesco Gemito scadenza 2019-02-20    Daniela Cairoli scadenza 2019-02-23    Lorenzo Da Ponte scadenza 2019-02-28    Storie romantiche Contest scadenza 2019-02-28    Senagalactica, edizione 2019 scadenza 2019-02-28    Un Libro per Tutti (ovvero la scrittura per vivere l'emozioni) scadenza 2019-02-28    OBIETTIVO LIBRO scadenza 2019-02-28    Tu, io e i mondi possibili scadenza 2019-02-28    Concorso Letterario Tempra Edizioni - 2019 scadenza 2019-02-28    «Storie di donne» scadenza 2019-03-01    Con gli occhi del cuore scadenza 2019-03-04    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Tenebra Lux di Alessandro Del Gaudio     Epiphaino di Guglielmo Campione     Fermento di Falesia di Stefano Giannotti     Guida ai cantautori italiani - Gli anni Settanta di Mario Bonanno     Epiphaino di Guglielmo Campione    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus


Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
61 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
9 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

La malleabilità delle ombre
di Cettina Caliò
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 84
Media 77.14 %



Se ne stavano in cerca d’autore intorno alla tavola tra il formaggio, il pane e il vino.
Sul lato lungo, l’infedele che esige fedeltà e abnegazione. Sbriciolava il pane sulla tovaglia bianca con noncuranza. Di fianco, il carnefice che ha la necessità di qualificarsi vittima. Tamburellava con le dita ossute sulla tavola. Di fronte stava il qualunquista che, gambe accavallate, sorrideva con sufficienza al muro. Accanto, colui che amò streghe ingannatrici e non cessa di erigere roghi. Tentava di sciogliere i muscoli rigidi del collo eseguendo piccole circonferenze con la testa. A una delle estremità, l’affamato lettore di saggi molto saggi che ritiene conoscere a menadito la psiche altrui e pare sconoscere la geografia delle proprie mani. Teneva gli occhi dentro al bicchiere vuoto e si grattava il mento con la stanghetta degli occhiali. All’altra estremità sedeva il richiedente che mira con grazia a caricare il peso della propria vita sulle spalle altrui, e minaccia le spalle che si sottraggono. Masticava il formaggio con la bocca aperta.
Tutti stavano in maniche di camicia bianca e avevano le tasche - dei pantaloni scuri - rigonfie di appunti, scrupolosamente conservati, nel caso in cui fossero stati chiamati in giudizio come testi a confutazione.
L’autore tardava ad arrivare, e la luce impallidiva un po’ sopra i mezzi monologhi trasudanti saggezza venduta per poche lire al negozio di roba usata giù all’angolo della strada.
Si disquisiva se fosse più nobile servire la distonia neurovegetativa con gli spinaci al burro o con le patate lesse. Gli spinaci di Braccio di Ferro il marinaio sembravano stare in vantaggio di una spanna.
Gli sguardi spigolosi puntavano la porta vuota; rimaneva ancora tempo per determinare se fosse più agevole calpestare le passate tormentose canzoni con il piede destro o con quello sinistro; si faceva largo tra le briciole l’ipotesi di saltarci sopra a pie’ pari. Da dentro un sorso di vino rosato, si obiettava con pacatezza che anche strappare le note una a una era congettura da tenere nella giusta considerazione. Si sarebbe potuto anche rivendere a pezzi le note, e cavarci fuori dal buco quel ragno che non arriva al mattino.

Fuori dalla finestra mezza luna accompagnava le risate argentine di un gruppo di bimbi che giocavano agli indiani. Un remoto odore di gelsomino non riusciva ad attraversare la finestra. I bimbi urlavano battendosi il palmo della mano sulla bocca.
– Posso giocare anch’io? Il mio urlo è imperfetto, si arrampica in gola, e rimane tra i denti. Il mio nome di battaglia è Tempia Pulsante. Ho in tasca solo due piume senza zuccheri aggiunti.
Il piccolo capotribù aveva uno sbaffo di farina sulla guancia. Mi girava intorno puntandomi addosso una freccia orfana di arco. Avrei voluto trattenerlo un istante per raccontargli che c’è una rettitudine persino nel peccato. Ma non volevo privarlo del piacere di forarmi il petto.

L’autore non arrivava. Veniva ormai dato per disperso dentro l’armadio delle maschere dell’ultimo Carnevale, forse soffocato dai coriandoli. Ma era ipotesi da verificare.
Il vino era finito. Era rimasto in tavola solo un minuscolo pezzo di formaggio, noto come quello della vergogna. Nessuno osava toccarlo, ma tutti lo puntavano.
Il pubblico si scomponeva infastidito sulle poltrone. Un brusio di disappunto attraversava la sala.
La maschera avvertì il bisogno di alleggerire lo scontento, e girò fra le poltrone offrendo le foglie cadute dall’albero autunnale di Ungaretti. Borbottava, nella penombra, che i rimpianti sono da preferire ai rimorsi.

Il sipario si chiuse con un robusto abbraccio circolare a tutte le ombre. Dentro quell’abbraccio c’era la carezza silenziosa di chi ha sempre richiuso piano la porta andando via in punta di piedi.

© Cettina Caliò



Recensioni ed articoli relativi a Cettina Caliò

Nessun record trovato

Testi di Cettina Caliò pubblicati su Progetto Babele

(1) La malleabilità delle ombre di Cettina Caliò - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2011-02-17
VISITE: 297


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.