Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido č morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    [22/03/2019] 12 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Racconti di Donna -Antonella Calė scadenza 2019-03-22    Fuori dal cassetto scadenza 2019-03-30    La voce della Natura: Armonia, Benessere e Spiritualitā scadenza 2019-03-31    Scrivi un giallo a Fico Eataly World scadenza 2019-03-31    Maria Virgina Fabroni scadenza 2019-03-31    La tecnologia č magia? scadenza 2019-03-31    Maria Virginia Fabroni scadenza 2019-03-31    Un Roero da Favola scadenza 2019-03-31    Premio Internazionale di poesia San Gerardo Maiella scadenza 2019-03-31    ROCCAGLORIOSA scadenza 2019-03-31    Angič scadenza 2019-03-31    Ballo proibito scadenza 2019-03-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Tenebra Lux di Alessandro Del Gaudio     Epiphaino di Guglielmo Campione     Fermento di Falesia di Stefano Giannotti     Guida ai cantautori italiani - Gli anni Settanta di Mario Bonanno     Epiphaino di Guglielmo Campione    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicitā di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternitā trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscuritā amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzč (2015) - Loris Dalė     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus


Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
61 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
4 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

La vera storia del burattino Pinocchio (scritta da lui medesimo)
di Paolo Cardoso
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 5061
Media 80.18 %



Geppetto disse a Pinocchio, ormai divenuto un bel bambino: “Metti il burattino di legno nella tua vecchia stanza, insieme agli altri balocchi. Tu ormai sei grande ed oggi parti per andare a studiare in quel bel collegio che è il Cicognini di Prato. Sei stato bravissimo a vincere quella borsa di studio.

“Oh sì babbo- rispose Pinocchio bambino – sono contento di andare lì. Vedrai sarò bravissimo e tu sarai davvero orgoglioso di me!”

“Ne sono sicuro – rispose Geppetto – e ora andiamo subito alla Stazione!”.

Pinocchio bambino prese Pinocchio burattino e lo mise nella sua vecchia stanza, nella libreria, ormai piena di libri. Lo guardo con gran nostalgia e riconoscenza. Poi chiuse la porta ed assieme a Geppetto partirono per Prato.

Quella notte, un raggio di luna, attraverso la finestra illuminò il burattino di legno. Poi, d’un tratto apparve la Fatina azzurra che chiamò: ” Pinocchio, Pinocchio, svegliati!” Il burattino, d’un tratto, torno vivo! Gli occhi si mossero e videro la fatina !Fatina, fatina, ma che ci fai qui? Io mi ricordo che sono diventato un bel bambino. Aiuto sono tornato di legno!”

“No pinocchio – rispose la fatina – sei sempre tu, quello originale! L’altro è diventato ormai un bel ragazzo e ora va a studiare a Prato! Tu la notte, quando Geppetto dorme, puoi tornare vivo. Non puoi però uscire da questa stanza né dire a nessuno che sei tornato vivo. Puoi però giocare con tutti i giocattoli di Pinocchio bambino e leggere i tuoi libri. Ti ricordi ancora come si fa a leggere! Un po’ avevi imparato!”

“Certa fatina!". Senti – disse Pinocchio prendendo un libro – Il picc…piccol…piccolo prin… principio, no, Principe!”

“Bravo Pinocchio, continua così e mi raccomando, esercitati anche a scrivere! Lì c’è il banchino di Pinocchio bambino, le sue penne e  ancora ci sono dei quaderni nuovi. Prova ad usarli. Ogni tanto io verrò a trovarti e guarderemo insieme cosa scrivi!”

La fatina sparì così com’era apparsa. Pinocchio, un po’ stordito, si guardò intorno. Aprì in silenzio la scatola dei giocattoli e vi trovò di tutto! Soldatini, macchinine, un treno a molla.

Iniziò cosi, piano piano, zitto zitto a giocare, finche l’alba non incominciò a rischiarare troppo la finestra. Allora mise via tutto e si sedette nello stesso posto dove era stato messo e si addormentò subito, tanto era stanco di giocare.

Fece cosi per tanti giorni. Ogni tanto Geppetto entrava per spolverare. Allora lui si svegliava, ma faceva finta di niente.

Quando Geppetto lo prendeva in mano, veniva invaso da una gran nostalgia e pensava.

“Babbo, come ti voglio bene!” Pensava Pinocchio, che però si guardava bene dal far capire a Geppetto che era vivo! Certamente non voleva disobbedire alla Fatina.

Così passarono diverse settimane. Alla fine, annoiato dei soliti giocattoli, Pinocchio prese un libro ed iniziò a leggere. Si mise vicino alla finestra, dove il lume che illuminava la strada faceva una gran bella luce e lui aveva occhi buoni!

Era il primo di una bella pila. Il piccolo principe. Si mise a sedere sulla pila e incominciò a leggere. All’inizio fu davvero difficile. Le parole scorrevano lentissime sotto i suoi occhi. A volte doveva rileggere due anche tre volte le lettere per capire. E quando non capiva andava dove c’era il grosso vocabolario d’italiano e cercava le parole che non conosceva.

Piano piano le pagine già lette del libro cominciavano ad essere di più di quelle ancora da leggere. La storia lo coinvolse e lo commosse. Forse si rivedeva nei panni di quel bambino un po’ spaurito.

Penso: “Che sfortuna ho avuto ad incontrare una volpe come la mia! Se avessi incontrato subito una volpe come quella di questo libro, quanti guai mi sarei evitato!”.

Il problema che ebbe Pinocchio, fu quello di accorgersi che arrivava l’alba. Leggeva tutta la notte e più di una volta si accorse, all’ultimo momento, che Geppetto stava entrando nella stanza.

Allora, velocissimo, si rimetteva al suo posto. Cercava di lasciare tutto come la sera prima. Per fortuna Geppetto non veniva tutti i giorni e certo non faceva caso se un libro non era al suo posto.

Una notte, verso le tre, Pinocchio finì un libro d’avventura: I pirati della Malesia. Si era molto emozionato a leggerlo e non vedeva l’ora di sapere come finiva la storia. Ma la vera sorpresa fu che si ritrovò a sedere per terra. Sì, non c’arano più libri della pila! Gli aveva letti tutti, ma proprio tutti!.

Allora fece una nuova pila prendendoli dalla libreria e mettendo quelli letti al loro posto. Tanto Geppetto non li guardava mai.

Passarono le settimane ed un bel giorno si accorse che stava rimettendo a posto l’ultimo libro.

“E ora che faccio?” si domando Pinocchio. Si ricordo le parole della Fatina. “Scrivi Pinocchio, scrivi” Lui pensò: “Mah, se ho imparato a leggere saprò anche scrivere bene, alla fine!”.

Allora, ogni sera, prese il quaderno è iniziò a riscrivere, prima le lettere e poi le parole.

Poi pensò: “Ma ora che scrivo? Io non ce l’ho la fantasia!” Penso e ripenso e poi disse s se stesso “Ma certo, scriverò la mia storia e la chiamerò le avventure di Pinocchio”.

Cosi, passo tanto tempo a scrivere e piano piano la scrisse tutta la sua storia.

La mattina dopo, come al solito Geppetto entrò nella stanza e Pinocchio era già al suo posto.

“Oh come sono stanco stamani – disse Geppetto – non ho voglia di spolverare, tanto è tutto pulito! Leggerò un po’ i quaderni di mio figlio.” E si mise a sedere accanto al banchino e prese il primo di quei quaderni. Sulla copertina c’era scritto:” Le avventure di Pinocchio”

“Ma guarda bravo i mi figliolo che trovava anche il tempo per scrivere! Mah o cosa c’è – disse guardandosi le dita sporche d’inchiostro – Ma questo l’è fresco! Allora chi l'ha scritto! O chi c’e qui- esclamo guardandosi intorno. Vide solo libri ed il vecchio Pinocchio di legno.

Pinocchio era immobile ma terrorizzato di essere scoperto. “Cosa dirà ora la Fatina” penso.

E proprio in quell’attimo la fatina apparve e disse a Geppetto: “Si caro Geppetto, tu l’hai già capito che di figli ne hai due, uno di ciccia ed uno di legno, ma ora, tutt’e due davvero bravi. Pinocchio vieni qui e abbraccia il tuo babbo!”

Pinocchio si precipitò tra le braccia di Geppetto, che tanto lui alle magie della Fatina azzurra c’era abituato.

“Pinocchio Pinocchio” “Babbo, babbo” gridavano i due.

Quando si furono calmati, la Fatina disse loro: “Ora Geppetto, prendi i quaderni e porteli da quel signore gentile che stampa tanti libri, il Paggi di via Ghibellina. Vedrai che lui ne farà un bel libro. Ma che questo resti un segreto tra noi!”

“Oh bella fatina, ma il Paggi e un crederà mai che uno come me l’abbia scritto!”

E tu digli che l’ha scritto tuo figlio, ma che siccome è troppo giovane e bene che sia usato uno pseudonimo. Usa questo nome che sarà famoso: Giovanni Collodi. Ma mi raccomando mantenete il segreto!”

E cosi fecero. L’editore Paggi stampo il libro, ma siccome era un po’ sordo capì Carlo e non Giovanni e cosi Le avventure di Pinocchio furono scritte da un tal… Carlo Collodi. Che poi era il fratello del burattino di legno.

Quando Geppetto gli raccontò tutta la storia al fratello vi fu una grande commozione e i due, quello di ciccia e quello di legno, si abbracciarono e piansero a lungo.

Con i soldi che via via l’editore gli mandavano poterono vivere felici e tranquilli, con il loro segreto, per tanti e tanti anni.

© Paolo Cardoso



Recensioni ed articoli relativi a Paolo Cardoso

Nessun record trovato

Testi di Paolo Cardoso pubblicati su Progetto Babele

(1) La vera storia del burattino Pinocchio (scritta da lui medesimo) di Paolo Cardoso - RACCONTO
(2) I gatti di Fiesole di Paolo Cardoso - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2011-02-20
VISITE: 6732


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.