Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    [18/07/2019] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Scribo scadenza 2019-07-18    Profumi di Poesia scadenza 2019-07-21    Premio Svicolando scadenza 2019-07-29    UN MONTE DI POESIA scadenza 2019-07-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Shamans of digital era II edizione - festival dedicato alle commistioni tra musica elettronica di ricerca e arti audiovisive contemporanee in chiave performativa (EVENTO 2019-07-20)    Festival dello Scrittore - l format, o meglio l’idea base, rimane la stessa: mettere a confronto Autori che abbiano pubblicato un libro con il pubblico (EVENTO 2019-07-21)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.    Racconti     Ritorno al Moccagatta di Teodoro Lorenzo     La vita degli altri di Diana Facile     Speranza di Antonio Carnuccio     Passi di Marika Salonna     Un'anima di Lorena Curiman    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus


Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
23 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
2 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Con vivere, Regina dei dolori
di Giorgio Piccinino
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 4178
Media 80.05 %



Ero arrivato tardi.

Mi ero fermato a mangiare un gelato.

Tu mi aspettavi giù in strada, già perché la visita era stata veloce.

Che è tutto dire.

Sei salita in macchina e hai detto così, semplicemente:

“ho un tumore”.

E neanche piangevi, mentre a me è partita in testa quella canzone “i migliori anni della nostra vita”, come una minaccia, che fossero finiti.

Poi sembrava di dover fare tutto di corsa, le analisi, il ricovero, imploravamo di far presto con mille telefonate:

“mi passi la caposala, ma insomma, quando viene? C’è questo posto o no, per l’operazione, fra un mese, ma è pazza, il professore ha detto che è urgente!”

Ci mancava la terra sotto i piedi, ci aggrappavamo a quello che c’era da fare. Come volessimo pensare che la salvezza fosse tutta lì, in un semplice solco, sul tuo corpo, da tagliare.

E pensare che ero io, negli anni, ad aver sempre avuto paura di morire.

Tu impazzivi dall’ansia, sembrava una conquista entrare in ospedale, così  quando accadde ci siamo sentiti al sicuro.

Poi quel medico mi ha preso in disparte:

“vedrà che con l’ano artificiale si abituerà presto, quanti anni ha sua moglie?

E poi per la vagina, vedremo. Forse dovremo tagliare anche lì, di solito è così. Comunque anche senza si possono fare tanti altri giochetti … sessuali.”

Lo diceva come fosse mio complice e io inorridivo, più per lui che per quello che sentivo.

Giochetti? Sessuali?

A te non lo dicevo, certo, ma io ci morivo, anche se a dire il vero fino in fondo non gli credevo, no, io non gli credevo.

Era tutto pronto quando siamo scappati, e pensare che ci avevano rassicurati, è bravo, ci sa fare… Sì, cazzo, a tagliare!

Siamo stati avvertiti, all’ultimo momento. Siamo andati da un altro:

“ma signori questi tumori non si operano più da anni!”
E’ così che abbiamo cominciato a capire dove bisognava andare.

Dove stanno i migliori?

Sono i soli anni della nostra vita.

Forse da lì hai cominciato a cambiare.

“Non sono mica malata, io ho un tumore”.

Ti sei fatta tagliare i capelli corti corti da un grande parrucchiere:

“è caro, ma ne ho diritto no?”

Pensavi che se fossero caduti avrebbe fatto meno effetto.

E sei diventata ancora più bella, tutti lo dicevano, e me lo raccontavi la sera sorpresa:

“sai gli uomini si girano a guardarmi, per strada”

Facevi il bagno nell’acqua calda fra bolle e vapori, muovevi l’acqua piano, con le mani ti coccolavi e ti lisciavi le spalle.

Io ti guardavo dal buco della serratura, non sentivo bene, ma vedevo che ci parlavi, cauta e amichevole, al tuo tumore:

“lo so che non mi fai del male, siamo amici, adesso mi curo, sei venuto per farmi capire che mi devo prendere cura di me, che mi devo amare”.

Da lì hai cominciato a cambiare.

Dicevi che ti era venuto un male così per insegnarti a essere regina.

Tutti venivano a vedere e a onorare la tua bellezza che combatteva, che s’accasciava e risorgeva, che barcollava e poi s’addormentava.

Poi in fretta: “presto il catino, vomito” ed era sempre solo saliva.

Conati da chemio, quel nulla trasparente che ti stroncava e forse ti guariva.

Ti tenevo la mano sulla fronte, stavamo vicini, avvinghiati, stretti come in una danza, e così un poco passava, anche la paura.

Fra le mie braccia tornavi bambina.

Ti  accarezzavo come sempre, come fosse niente, pensavo: “noi abbiamo un tumore”.

Piangevo da solo.

Quante coke compravo! Avevamo un sacco da fare contro la nausea e lo sfinimento, era un protocollo d’amore che onorava ogni gesto, liberava il valore.

Doveva essere tutto come volevi, eri esigente, sicura, certa di quello che facevi, ogni cosa al suo posto, ogni gesto a tuo modo.

La mattina anche in ospedale ti truccavi sempre, ti curavi:

“vieni, alzami, voglio muovermi, per favore” e partivi a testa alta verso la piazzetta della sala d’attesa, con quel tuo bel vestito leggero da passeggio:

“io non le voglio le vestaglie da ospedale.”

“Io non sono mica malata, io ho un tumore.”

Ti tiravi dietro quel trespolo di metallo scrostato, con le bottiglie appese e i tubi che ti entravano dentro, facevi una curva e quel coso deviava, cigolava, sembrava se ne andasse per conto suo. Tu lo prendevi per il collo e lo guidavi sicura.

Finché camminavi.

Non entrava neanche nel bagno quell’assurda ferraglia, stava fuori e tu dentro

con la porta socchiusa, a fare pipì o vomitare.

E ci veniva da ridere, solo ogni tanto, senza esagerare.

Tutta fiera te lo sei anche fatto cambiare.

“Visto adesso, come so farmi rispettare? Ho solo aspettato che cambiasse turno l’infermiera, quella bionda, la megera.”

A me sembrava che tutti gli altri nel corridoio si scostassero al tuo passare, come sorpresi, guardavano con quei loro occhi cerchiati e stanchi la tua sicurezza, il tuo orgoglio, come fossi troppo bella per stare lì, assieme a loro.

“Io non sono mica malata, io ho un tumore”.

Contavi le gocce delle flebo, te le regolavi da sola, non ti fidavi, calcolavi quanti giorni ancora dovevano passare, perché lì, tu, non ci volevi restare.

Quando andavi a fare i raggi in quei desolati labirinti sotterranei ti muovevi sempre sicura e veloce mentre io ti trotterellavo dietro reggendo le tue carte con cura, ero un paggio ubbidiente che segue la sua padrona.

Poi, alla fine, c’è stato, solo, da aspettare.

E sono stati ancora altri anni in cui tu ci parlavi.

Forse un giorno mi dirai davvero cosa gli dicevi.

Poi, pian piano, dovevamo riprendere a scopare:

“Fai piano amore.”

“Fai forte amore!”

Non sapevamo come ci riuscivamo, con tutto quel dolore.

Era difficile riaprire la strada, nel sangue, col mio sesso, e chissà come ce la facevo, ancora.

Dopo l’amore piangevi sempre, di gioia e di abbandono.

“Ma quando lo farò senza tensione?”

Dopo ti chiedevo se ti avevo fatto male, ma tu rispondevi sempre:

“No, non fa tanto male, va quasi bene.”

Quasi … bene.

Ti asciugavi il sangue, furtiva, perchè io non sapessi, là sotto, cosa succedeva.

Eri delicata come una bambina, ma spessa e ruvida come una guerriera.

Una veterana di guerra ferita e indurita nel corpo e nel cuore, ma viva e fiera della tua scritta fluorescente sul petto: Reparto d’Assalto Dignità.

E i capelli non erano nemmeno caduti.

E quello ti voleva tagliare.

Poi una volta, alla fine, diciamo così, l’hanno detto, d’improvviso, erano sicuri,

“Signora lei è guarita, nessun dubbio, è finita.

Non ce l’abbiamo fatta ad aspettare di uscire.

Ci siamo abbracciati proprio lì, nel reparto dell’istituto tumori, proprio lì dove lavorano i migliori.

Piangevamo a dirotto, con i singhiozzi, senza ritegno.

Eravamo felici là in piedi, in mezzo al corridoio.

La gente dalla sala d’attesa, ci sbirciava con pudore, per non farsi notare.

Ma io li vedevo che non capivano e cercavano di sapere.

Chi di noi due stava per morire.

 

da "Canti di grazia e di conversione"
di Giorgio Piccinino

© Giorgio Piccinino



Recensioni ed articoli relativi a Giorgio Piccinino

Nessun record trovato

Testi di Giorgio Piccinino pubblicati su Progetto Babele

(1) Con vivere, Regina dei dolori di Giorgio Piccinino - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2011-03-01
VISITE: 6276


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.