Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [15/12/2019] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    La diversità dell'Italia scadenza 2019-12-20    Concorso Letterario Tre Colori scadenza 2019-12-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
28 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

La pulce
di Donatella Magnani
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 2970
Media 79.27 %



Caterina mi aspetta ogni mercoledì a partire dal mercoledì sera. Quando arrivo ha già sistemato i suoi pezzi sulla scacchiera, e i cuscini che ci fanno da sedia sono disposti alla rinfusa sul pavimento, visto che giochiamo seduti per terra e le nostre partite durano ore.
"Questi sono i tuoi" dice accarezzando con una mano i suoi pedoni bianchi mentre con l'altra mi porge la scatola con i pezzi neri.
Il contatto delle dita perpetrato nel corso degli anni, ha levigato visibilmente i marmorei pezzi della scacchiera. Apparteneva a suo nonno, Giovanni: è lui che le ha insegnato a giocare, negli oziosi pomeriggi trascorsi al paese, nella cascina di famiglia, durante le vacanze estive.
La corona del re, impreziosita da perle lattescenti, impone al sovrano una certa autorità, tanto da incutere un timore reverenziale negli avversari. Alla sinistra della torre, uno stallone purosangue raspa impaziente il terreno, sollevando nuvolette di polvere. La criniera è fluente, tirata a lucido, quasi fosse stata strigliata per ore da mani sapienti. Schieramento ultimato. L’armata bianca è pronta: che la battaglia abbia inizio.
Mi sorride, invitandomi a sedere: batte la mano con le dita affusolate sul morbido cuscino patchwork. Gli angoli della bocca tratteggiano una mezza luna, sorriso di giada, che le illumina il viso da bambina, sorpresa nell’atto di combinare una marachella. E la luce che irradia, mi cattura, irresistibilmente, come la lanterna fa da faro alla falena, che in un vortice d’ali le vola intorno, improvvisando un’allegra danza di benvenuto, e si esibisce volteggiando in un’infinita serie di piroette: una, due, tre. Così, abbagliato, volo incontro alla mia lanterna: ben ritrovata Caterina.
“E’ marmellata di albicocche, sono del frutteto di Tonino, cioè, ora è del figlio. Assaggia. Se chiudi gli occhi e ti concentri, riesci a sentire ancora il calore del sole che le ha imbiondite. Te lo ricordi Tonino, eh Antonio?". Chiede con un pizzico di nostalgia, porgendomi il piatto dipinto a fiori gialli e blu: tulipani, così allegri e sbarazzini, proprio come lei.
“Me lo ricordo, certo, come dimenticare?” le risponde il marito in un sussurro meditabondo, prendendo uno spicchio dell’invitante crostata. I dolci di Caterina sono delle opere d’arte; non solo cibo, ma un vero e proprio nutrimento per l’anima.

Mi siedo davanti a lei, dispongo i pezzi bruni con la mano libera, mentre con l’altra tengo in equilibrio la fetta di torta: sento che l’alfiere oggi mi darà soddisfazione. Caterina socchiude gli occhi per valutare la situazione; le rughe sottili formano un intreccio complesso sulla pelle delicata, un ricamo che le incornicia lo sguardo, come se indossasse una veletta di merletto. Muove il pedone, che avanza ubbidiente superando l’immaginaria linea di belligeranza: è la solita mossa d’esordio. Conosco i suoi schemi, potrei elencarli a memoria.

“Sembra quasi che saltelli, molleggiandoti a quel modo sulle punte dei piedi. A piccoli passi, proprio come me. Anch’io lo facevo alla tua età: mi chiamavano Pulce. Mi dava l’impressione che allungandomi un po’ di più, avrei potuto spiccare un balzo verso il cielo, afferrare le nuvole per saggiarne la consistenza e strapparne un pezzetto per riporlo in tasca, come tanta soffice ovatta. Ti dispiace se ti chiamo Pulce?” Mi disse Caterina la prima volta che c’incontrammo.

Rispondo alla mossa: sciolgo le redini spronando il cavallo dal manto corvino, che con un magnifico balzo, supera la fila dei miei disciplinati pedoni.

Il buio mi spaventa, è un timore che non riesco a vincere. Di notte me lo sento scivolare addosso, liquido e freddo; mi entra strisciando nella bocca, e precipita giù in un eco senza fine che mi rimbomba nelle orecchie, annullando i miei sensi, rendendomi sordo, incapace di ascoltarmi. In quel preciso istante mi sveglio e inizio ad urlare. Così mi trovarono nella stiva di quella sudicia nave di clandestini: rannicchiato e urlante.

Un altro pedone bianco prende posizione: la difesa allarga le sue maglie. Caterina si sistema meglio, le gambe fasciate in sgargianti pantaloni di lino azzurro; le sfugge una scarpa, che rotola nella mia direzione. Invece di raccoglierla, allungo la mano e sfidandola, le tolgo anche l’altra: lei accompagna il gesto con finta aria scandalizzata, coprendosi il viso con le mani per soffocare una risata. “Tocca a te Pulce, pensa alle tue mosse invece di badare alle mie scarpe” mi rimprovera rifilandomi un buffetto sul braccio: una carezza, nient’altro che una carezza.

Sono duri come sassi gli anni che mi porto dietro. Vorrei poterli lanciare, uno ad uno, calibrare bene il tiro e farli rimbalzare lontano, sul pelo dell’acqua dello stagno, quello dietro casa di Caterina. Forse così potrei liberarmene.

“Attento alla torre: Caterina oggi è in vena di strabiliarci” dice Antonio indicandomi l’alfiere bianco pronto a ghermirmi. Assiste alla partita seduto in poltrona, coperto dal giornale che tiene aperto sulle ginocchia; ogni tanto lo abbassa, nemmeno fosse un sipario, e s’affaccia sul palco per dare un’occhiata. Non sono ancora riuscito a vincere una partita.

“C’è una famiglia, i coniugi Belmonte, Caterina e Antonio; sono disposti a prenderti in affido. Sono passati anni dal tuo arrivo in Italia. Sei grande, hai superato l’età, devo metterti in guardia: non sarà facile. Inizierai con delle visite, una a settimana, il mercoledì”. Mi guarda fisso la signora Giusti, aspetta una mia reazione. Non dico niente, ricambio lo sguardo incollando gli occhi alle stringhe delle mie scarpe, mentre una sola parola preme contro lo stomaco per uscire: speranza, di questo è colmo il mio cuore.

Un’altra mossa, e il re di Caterina è sotto scacco. Non devo sbagliare. Non posso farle intuire la mia strategia. Forse stavolta ce la faccio. Strizza gli occhi per concentrarsi, come le ho visto fare tante volte. Non mi lascia mai vincere, perché solo così posso imparare: gli scacchi, metafora di vita. Oggi si decide, è il giorno. Sono li che aspetto, la testa dell’alfiere stretta tra il pollice e l’indice. Lo tengo a mezz’aria: è un volo trattenuto il suo. Non voglio che finisca.“Ehi, prima o poi dovrai lasciarlo andare” mi dice Caterina con fare solenne. Non lasciarmi andar via, le rispondo col pensiero. Sto per calare il pezzo, ma non mi faccio illusioni. Lo squillo del telefono interrompe la discesa. Antonio piega il giornale e si alza: il cuscino pressato riprende fiato con uno sbuffo. “Pronto?”, lo vedo annuire mentre tamburella le dita sul tavolino di legno. Ripone la cornetta al suo posto, si volta verso di noi: “Era la signora Giusti; è fatta, l’affido è permanente”.
Appoggio l’alfiere: “Scacco matto! Ho vinto la mia prima partita!” dico tutto di filato, gustandomi il mio piccolo momento di piacere; e mi esce come un urlo d’esultanza, mentre mi sporgo sulla scacchiera per abbracciare forte Caterina, facendo volare in aria i pezzi di marmo, sparpagliandoli per il pavimento.

© Donatella Magnani



Recensioni ed articoli relativi a Donatella Magnani

Nessun record trovato

Testi di Donatella Magnani pubblicati su Progetto Babele

(1) La pulce di Donatella Magnani - RACCONTO
(2) Nel bel mezzo di un gelido inverno di Donatella Magnani - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2011-04-01
VISITE: 5420


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.