Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [20/09/2019] 6 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Mondo Artigiano scadenza 2019-09-20    360 Autori per tutto l’anno scadenza 2019-09-21    Fiori d'Inverno scadenza 2019-09-28    Tema: “Lo scrittore Michele Malanca attraverso la sua ultima opera: Storia di Andrea Pagani e altri racconti” scadenza 2019-09-30    Mario Zanaria scadenza 2019-09-30    PREMIO LETTERARIO DAUNIA&SANNIO scadenza 2019-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    CartaCarbone Festival Letterario Autobiografia e dintorni 2019 | Presentazione della sesa edizione - Treviso, Sabato 21 Settembre 2019, ore 11, Chiesa di San Teonisto (FESTIVAL LETTERARIO 2019-09-21)    PAT - Percorsi di Avvicinamento al Teatro - II edizione - 6 incontri, tutti gratuiti (Roma) (NOSCELTA 2019-09-26)    Festival Letterario CartaCarbone “Autobiografia e dintorni” - Sesta Edizione (NOSCELTA 2019-10-13)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Mio figlio e Bukowski di Massimo Martinelli     Un Brandello di storia di Alessio Salerno     Teoria degli Implosivi e degli Esplosivi di Mauro Moscone     L'appuntamento di Cinzia Baldini     Ritratto di signora in rosso di Bruno Corino    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
26 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
3 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Judy
di Andrea Giovannelli
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 3609
Media 79.49 %



Judy era sdraiata sul letto e, fumando una sigaretta, studiava la stanza d’albergo dove avrebbe dormito la prima notte. La stanzetta – un letto singolo, un armadio puzzolente e un comodino – era satura di fumo e Judy fu costretta ad aprire la finestra. Fuori la città gelava e l’aria entrò rapida e tagliente: Judy l’accolse con un sorriso apocalittico e si sentì libera.

Non aveva ancora disfatto la valigia, né si era tolta il Loden pesante, regalo del suo fresco ex marito, trenta euro al mercato dell’usato. Prese il pacchetto di sigarette sul comodino e accese l’ultima sigaretta rimasta. Si mise seduta sul letto e fece alcune volte su e giù, spingendo il sedere sul materasso per testarne la morbidezza e per cullarsi. Ora fissava il pavimento di linoleum finto legno, punteggiato dalle bruciature di sigaretta e graffiato da tacchi e spostamenti; seguì le tracce dei graffi e immaginò la disposizione precedente dei mobili nella stanza. Allora, guardando meglio, vide che sulla testata del letto la carta da parati era più chiara, e la difformità cromatica aveva la sagoma dell’armadio. Si alzò, e facendo un po’ d’attenzione, scostò l’armadio vuoto dal muro. Fece una smorfia di disgusto quando scoprì che dove prima c’era il letto, la carta da parati era completamente consumata e l’intonaco era orribilmente sporco, ingiallito e unto, con delle grosse macchie grigie. Allora pensò a quante teste fossero passate in quella stanza, quante mani su quel comodino e quanti sederi sulla tazza del gabinetto. Decise di dormire vestita, avvolta nel cappotto e col cappello di lana. E le scarpe. Aveva di nuovo bisogno di fumare e fu costretta ad uscire dall’albergo.

Nell’atrio salutò con un cenno della mano il portiere di notte, che non la vide, concentrato com’era sul minuscolo schermo del televisore incastrato nella sua postazione. Per strada c’era gente. Judy strinse il nodo della sciarpa e camminò in cerca di un distributore. All’inizio, a testa bassa per ripararsi dal gelo, camminava veloce, schivando con abilità chi le sbarrava il passo e imprecando tra sé per la lentezza delle persone. Poi, senza accorgersene, rallentò il passo e si ritrovò a passeggiare senza pensieri per quelle viuzze sconosciute, senza fretta, e godendo dell’aria fredda che le stava ripulendo per un attimo i polmoni. Provò ancora quella sensazione di essere l’unica a poter decidere del proprio destino, prese una via, poi un’altra. Si fermò in un bar piccolo e luminoso a bere del latte caldo. Il barista, un ragazzetto magro con una camicia a maniche corte, la guardava bere, appoggiato al lavandino del banco con le braccia rigide, posato su una gamba sola, mentre con l’altro piede picchettava il pavimento. Nel suo sguardo non c’era nulla di seduttivo, semplicemente sottolineava la sua presenza pronta a servire ogni richiesta del cliente. Ogni tanto annuiva lentamente, stringendo le labbra e facendo “Mmh!” quando Judy scostava il bicchiere dalle labbra, dopo aver bevuto. Il barista era un supervisore, un tecnico che vigilava affinché il meccanismo del bar non si inceppasse a causa di qualche cliente insoddisfatto. Per Judy fu divertente e si sentì persino protetta da quel soldato caloroso. Mentre pagava, Judy chiese al ragazzo dove poteva trovare delle sigarette. Lui la studiò un attimo e poi sorrise. Guardò l’orologio alle sue spalle e disse “Mmh”. Poi aggiunse “E’ tardi, è tutto chiuso. Se vuole io ho qualcosa, ma, insomma…” Judy lo interruppe, gli sorrise e disse “Dammene due pacchetti, qualsiasi”. Il tipo scomparve dietro una porta e tornò con due pacchetti di sigarette.

Tornare indietro fu difficile. Quella gioia di sentirsi libera, diminuiva man mano che si avvicinava all’albergo. Avrebbe voluto fermare le poche persone rimaste per strada e parlare, oppure entrare in un bar e parlare con il barista. Si rese conto che dalla mattina aveva parlato solo con il portiere dell’albergo e, poco prima con il ragazzo del bar. Disse “A”, a bassa voce, solo per ascoltarsi. Fece di nuovo “A”, con un po’ più di voce e le venne da piangere. Pensò di aver confuso la solitudine con la libertà e subito volle distrarsi. Si guardò meglio intorno per cercare qualcosa e vide che a pochi metri c’era un cinema. Guardò l’orologio, fece in tempo a vedere un film. Appena uscita dal cinema, il film le scivolò di dosso e sentì ancora il peso del silenzio sullo stomaco. Era mezzanotte, faceva freddo e rientrò finalmente in albergo. Scoprì il letto e cercò con tutte le sue forze di tornare sulla decisione di dormire vestita. Le lenzuola sembravano pulite e l’aspetto del letto era più gradevole di quanto avesse immaginato. Si mise a cantare a bassa voce, mentre preparava le cose per la doccia. Pensò che avrebbe preso un cane, nella sua nuova casa, poi. E che avrebbe appeso persino dei poster che teneva arrotolati da anni in un tubo che conservava dal liceo. Si mise a letto e abituò gli occhi al buio. Ora la stanza era azzurra e buona.  Prese il cellulare e scrisse “Buonanotte”, poi cancello la parola. Si addormentò pensando a lei che attaccava i poster alle pareti, vestita leggera, con le finestre aperte e fuori la primavera. 

© Andrea Giovannelli



Recensioni ed articoli relativi a Andrea Giovannelli

Nessun record trovato

Testi di Andrea Giovannelli pubblicati su Progetto Babele

(1) Judy di Andrea Giovannelli - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2011-04-18
VISITE: 5687


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.