Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [23/11/2019] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    PREMIO NABOKOV scadenza 2019-11-30    Residenze Gregoriane 2019 scadenza 2019-11-30    Premio Poesia dell'Anno” (2019) scadenza 2019-11-30    Ironicomico2 scadenza 2019-12-06    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

MARTA - Ritratto di una donna in punta di matita
di Maurizio Canauz
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 7
Media 100 %



Marta è una donna e questo, in fondo, potrebbe già bastare a raccontarla.
Marta ha i capelli di un giallo delicato e limpidi occhi chiari.
Marta è giovane e forte.
Marta ha un sorriso di quelli che ti entra nel cuore.
Marta è una di quelle donne per cui gli uomini si girono ancora a guardare quando gli passa accanto e vorrebbero fischiare (cafoni).
Marta ha lottato per cambiare.
Marta ha pagato per i suoi errori e vive in un piccolo monolocale umido con i muri scrostati non lontano dal porto.
Marta deve strappare il mutuo da uno stipendio da fame.
Marta la sera sente la sirena delle navi e dei pescherecci e sogna un mondo lontano con strade all’infinito lunghe come la speranza.
Marta non è sola, Marta ha una piccola casa, Marta ha un bambino.
Marta si sveglia presto alla mattina e si perde nell’alba.
Marta prende le sue poche cose di fretta come ogni mattina ed esce di casa.
Marta scende le scale, con un fagotto in braccio e uno zainetto in spalla.
Marta bussa alla porta di una vicina e le lascia il fagotto baciandolo come fosse l’ultima volta,
Marta prende la vecchia utilitaria nel parcheggio che bofonchiando si mette in moto,
Marta ripensa di sfuggita al ragazzo che le ha lasciato in regalo il piccolo fagotto, una giacca a vento come Dio comanda, jeans regolari e faccia da vinile e la capacità di parlare e raccontare come fosse tutto una fiaba.
Marta ricorda come fosse bello stare a parlare con lui o solo a guardarsi, finché una notte camminando per la città, con la nebbia unica sentinella, scoprirono che tra loro era nato qualcosa di grande
Marta ricorda bene il giorno che lui la lasciò senza neppure un biglietto.
Marta non rimpiange nulla ma l’assale, mentre guida, un senso vago di infinito panico mentre il cielo sopra la città è qualcosa di viola carico che si abbraccia con il mare.
Marta lavora in una fabbrica di pesce surgelato.
Marta lavora al reparto confezionamento su una macchina grande come una montagna che sputa tranci di pesce alla velocità di siluri marini e questo forse potrebbe già bastare.
Marta è brava nel suo lavoro, precisa, efficiente, attenta.
Marta non sa stare lontana dalle rogne: Marta è la rappresentante sindacale.
Marta discute con il Padrone e lotta per i turni, i ritmi di lavoro, gli aumenti salariali.
Marta non riceve mai un premio o una gratifica, Marta è sola con i suoi principi.
Marta lavora turni e vede suo figlio poco e male.
Marta uscita di fabbrica lavora saltuariamente come donna delle pulizie perché il salario da operaia è troppo basso per sopravvivere.
Marta aveva sognato di diventare medico, come suo padre, per aiutare chi soffre.
Marta non vede i suoi genitori da almeno dieci anni da quando è fuggita di casa perché credeva di seguire l’amore e la felicità.
Marta ha provato a scrivere o a telefonare ai suoi genitori ma quelle lettere o quelle telefonate non sono mia partite.
Marta è stupidamente fiera e orgogliosa e non si accorge che sta, giorno dopo giorno, perdendo i pezzi della sua vita mentre scende le scale di casa.
Marta è stanca.
Marta ha mal di testa e di stomaco, ogni giorno.
Marta dovrebbe andare dal medico ma rimanda sempre al giorno dopo perché non ha tempo.
Marta prende una serie di pastiglie colorate perché l’aiutano a non sentire il male e il vuoto che ha dentro.
Marta è sola.
Marta torna a casa, come ogni sera, a recuperare il suo fagotto.
Marta sente la stanchezza esplodergli nel petto, la luce farsi fioca mentre le mani lasciano il volante della sua utilitaria.
Marta ormai è solo un rantolo sul ciglio della strada coperto dall’acuto grido di gabbiani lanciato contro un cielo che non sa che nella vita esiste il dolore.
Marta pensa al suo fagotto, pensa che non lo vedrà più e prova una pena indicibile.
Marta non pensa più, ha freddo.
Marta non c’è più.

Se fosse un gioco enigmistico sarebbe solo un doppio cambio di vocali.
Marta – morte.
Ma forse Marta è qualcosa di più, forse...

Marta è un funerale modesto, dozzinale come tanti, con un occhio alle spese.
Marta è la solita predica del prete, in una piccola chiesa gremita.
Marta è un corteo, neppure troppo lungo, che scivola nelle pieghe della città fino al cimitero.
Marta ha lasciato qualcosa: un piccolo appartamento, una rosa sul comodino, Marta ha lasciato un bambino.
Marta ora è solo una cassa di legno che viene calata piano nella pancia della terra.
Marta è solo un attimo di commozione, qualche lacrima e poco più.
Marta, per chi ci crede, è una preghiera.
Marta è un soffio che il vento spinge lontano, verso il mare, verso l’orizzonte.
Marta è il vagito di un bimbo.
Marta forse non è mai esistita o forse un’ombra che ricorderemo appena e di cui saremo contenti di esserne stati solo lontani conoscenti....e questo certo può bastare a raccontarla.

© Maurizio Canauz




-

dal 2011-05-05
VISITE: 110


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.