Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [08/12/2019] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Festival Nazionale di Poesia per e dei Bambini scadenza 2019-12-14    La diversità dell'Italia scadenza 2019-12-20    Concorso Letterario Tre Colori scadenza 2019-12-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus


Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
29 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Il torneo
di Carla Montuschi
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 146
Media 81.71 %



Sara non era mai stata capace di sostenere veramente uno sguardo. Da bambina la chiamavano “occhi belli” ed ella li osservava allo specchio domandandosi perché. Erano pietre verdi come muschio umido di rugiada incastonate nel suo viso, a distrarre tutto il resto sminuendolo a contorno. Bastava che li posasse sugli occhi di chiunque che, come una calamita, essi stabilivano un contatto tanto invisibile quanto forte, staccarsi dalla presa di quel contatto lasciava dietro di sé la sensazione di vuoto, della perdita irrimediabile di un qualcosa che spesso non lasciava spazio alla conoscenza. Era sempre un guardarsi con l’emozione della prima volta per poi subito dirsi addio. L’unico addio che Sara sapeva non essere mai definitivo era rappresentato dal loro riflesso nello specchio. Gioie e dolori passavano dalla sua fragile anima come dagli occhi, bastava immergersi dentro di essi per viverne tutta l’intensità.
Ogni giorno era sempre la stessa storia, azioni ripetitive e solitarie che si snocciolavano silenziose nell’intimità del mattino. La sveglia squarciava una notte iniziata sempre troppo tardi a testimoniare un lasciarsi andare difficile, fatto di lunghe ore trascorse ad inseguire i pensieri. Ella si stirava liberandosi dalle coperte ancora avviluppate in sogni agitati, si sedeva sul bordo del letto e posava i piedi a terra. La realtà della giornata immediatamente raggiungeva i suoi occhi ancora chiusi attraverso il pavimento fresco e compatto che seguendo le linee di fuga delle piastrelle l’accompagnava a passi esitanti sino al bagno. Il rumore caldo di un rivolo defluiva dal suo corpo per poi essere seguito dallo scroscio di una piccola cascata che, sempre troppo intensa, offendeva le orecchie che faticavano a svegliarsi. Apriva il rubinetto del lavandino e questa volta il suono si faceva più discreto. Con gli occhi ancora semichiusi univa le mani a formare una convessità antica ponendole sotto il getto d’acqua per raccoglierne un po’ e tuffarvi così il viso. Il fresco dell’acqua quasi come fosse di fonte, apriva i suoi occhi ancora gocciolanti che si guardavano ora nella luce fioca dello specchio. Le lunghe ciglia scure, umide di lacrime non loro, lentamente si schiudevano a voler cercare se in fondo al verde vi fossero tracce di sentimenti buoni, freschi e nitidi come l’aria del primo mattino.
Ogni giorno Sara incontrava sé stessa nello specchio sapendo che, suo malgrado, quella sarebbe stata l’unica persona a cui non avrebbe potuto dire addio per sempre.
Sara non utilizzava trucco per quegli occhi, essi erano già abbastanza vistosi così com’erano… semmai sceglieva vestiti anonimi e monocromatici che riprendessero i colori più tenui della giornata al fine di diventarne lo sfondo. Tutt’al più, quando si sentiva particolarmente audace, utilizzava il nero colore di una notte buia di stelle. Indossava strati su strati di indumenti in qualunque stagione, a voler colmare un freddo insaziabile. Il risultato finale era immancabilmente che ogni traccia di femminilità di quell’esile figura, veniva cancellata, sostituita dal goffo aspetto come di una cipolla.
Indossava il casco, cavalcava il motorino e poi via, nella confusione del traffico mattutino. Sfidava tutte le stagioni a cavalcioni del suo motorino poiché detestava stare in fila, sostare incolonnata semaforo dopo semaforo. Esso le consentiva di superare gli ostacoli, di infilarsi fra auto ed auto e di scavalcare gli sguardi impotenti di coloro che, prigionieri delle loro auto, sprecavano minuti preziosi delle loro vite in attese inutili, spese sempre per andare nello stesso posto.
Sara osservava gli sguardi della gente scorrere nel senso opposto al proprio nascosta dal casco, le si vedevano solo gli occhi… procedeva a strattoni rapidi intervallati da pause nervose fatte per valutare, studiare le traiettorie ideali da compiere per arrivare al traguardo.
Gli occhi solitamente incontravano vite di tutti i tipi e se ne andavano lesti scomparendo nel consueto addio.
Ma quel giorno Sara si soffermò in qualcosa di diverso. Accadde ad un semaforo.
La lunga fila era tanto compatta da non poter procedere sino alla linea della partenza e fu così che ella si trovò quasi di fronte un paio d’occhi a cavallo di una moto dalla grossa cilindrata. Erano gli occhi orgogliosi di un uomo, Sara avrebbe potuto fuggire ma per la prima volta ella si sentì capace di sostenerne lo sguardo.
Due cristalli di ghiaccio incastonati in un viso la scrutavano a circa dieci metri di distanza sicché a guardare la scena da distante, si sarebbe potuto affermare che cielo e terra si specchiassero l’un l’altra. I loro destrieri ruggivano un modo impari: quello di Sara gracchiava di vecchio e quello dello sconosciuto rombava spavaldo. I due si guardavano fissi, incapaci di andare altrove, immobilizzati in un legame che sembrava sempre più simile ad una sfida. Le mani salde sui destrieri, la corazza solida ed anonima ed un solo spiraglio da cui spiarsi, incapaci di distogliere lo sguardo e procedere senza tener d’occhio l’altro.
Al segnale partirono tutti gli altri e loro rimasero lì, incuranti della folla che ai lati sfilava nervosamente. Loro erano semplicemente lì, immobili che si guardavano con una calma decisa a dispetto dei loro destrieri che urlavano sempre più scalpitanti . Era come se avessero deciso di partire ad un cenno che doveva provenire da uno dei due, ma che al contempo aspettassero che quel cenno partisse dal cuore dell’altro.
I secondi corsero dietro ai primi raggiungendo un momento al contempo breve ed incalcolabile, i minuti, a dispetto del loro nome, si dilatarono in uno spazio immenso dove esistevano solo gli occhi dei due che, specchi delle loro anime, si scrutavano a distanza. Sfilarono attraverso quegli occhi una miriade di sensazioni quasi a voler riassumere tutti i significati di due intere esistenze. Fissi gli uni negli altri, con una nobiltà ostinata ed affascinante.
Il cuore di Sara rimbombava ora in modo assordante, scandendo il ritmo dell’emozioni, scuotendola incessantemente. Dalla sua esile figura però non traspariva nulla in quanto le mani erano saldamente avvinghiate al compagno di sempre e ciò le garantiva un’apparente stabilità. Vampate di caldo si alternavano a rivoli gelidi che le attraversavano la schiena ma ciò nonostante Sara continuava a mantenersi ritta e fiera di fronte ai propri timori.
Il tempo si fece antico, immemore… persino il traffico svanì, cancellato da vaste praterie di un verde surreale che si abbracciavano in un orizzonte non lontano ad un cielo gelido e profondo.
La calma avvolgeva i due consapevole della tempesta in cui versavano i loro cuori, e li impregnò sino a che dovettero desistere e placarsi , cedere il passo ad una quieta consapevolezza.
Sara decise di prendere l’iniziativa e di affrontare l’incontro, sapeva che ad un suo minimo accenno anche lo sconosciuto sarebbe partito ma ora non lo temeva più, ogni traccia di timore era svanita, era stata soppiantata dalla serenità. Sara sapeva che non avrebbe più avuto senso tergiversare ancora e che quello era proprio l’istante giusto, indugiare ulteriormente avrebbe potuto voler dire perdere un’occasione sicuramente unica.
Inspirarono profondamente, controllarono ancora una volta la solidità dell’appiglio e spronarono i loro fedeli destrieri. Occhi negli occhi sfrecciarono su una traiettoria decisa e calcolata, accompagnati dal ritmo fermo dei loro cuori. Percorsero in un attimo il breve tratto della loro precedente distanza accorgendosi che essa, in vero, non era mai esistita. Il legame del loro sguardo aveva annullato ogni dimensione, tanto il tempo, quanto lo spazio. Corsero sino a raggiungersi anche con il tatto, sfiorandosi in un impercettibile contatto che durò una frazione di istante. Spalla contro spalla, occhi sempre fissi negli occhi. I sentimenti raggiunsero il loro culmine e divennero oro fuso che percorreva le loro vene.
Fu a quel punto che il legame si spezzò.
Gli sguardi dovettero procedere oltre per non perdere l’equilibrio. L’abitudine li obbligò a proseguire senza neppure voltarsi, la paura di dover cambiare qualcosa amaramente li costrinse a non sbilanciarsi.
Sul campo non rimasero né vincitori né vinti, rimase la consuetudine di un altro addio e di due vite confinate entro i propri limiti.

© Carla Montuschi



Recensioni ed articoli relativi a Carla Montuschi

Nessun record trovato

Testi di Carla Montuschi pubblicati su Progetto Babele

(1) La porta di Carla Montuschi - RACCONTO
(2) I dispetti di Pandora di Carla Montuschi - RACCONTO
(3) Sembra avere un senso… di Carla Montuschi - RACCONTO
(4) La strada di Carla Montuschi - RACCONTO
(5) Il discorso di Carla Montuschi - RACCONTO
(6) Luoghi comuni (ma non troppo) di Carla Montuschi - RACCONTO
(7) L’incapacità del verbo essere. di Carla Montuschi - RACCONTO
(8) Solitudine di Carla Montuschi - RACCONTO
(9) Riflessioni dello specchio di Carla Montuschi - RACCONTO
(10) Contatto di Carla Montuschi - RACCONTO
(11) Il torneo di Carla Montuschi - RACCONTO
(12) Gorgo di Carla Montuschi - RACCONTO
(13) Velocità ZERO di Carla Montuschi - RACCONTO
(14) Dialogo con un cranio di Carla Montuschi - RACCONTO
(15) Il soffiatore di vetro di Carla Montuschi - RACCONTO
>>Continua (click here)



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2011-05-24
VISITE: 602


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.