Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [18/11/2019] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Nika Georgievna Turbina 1974 - 2002 scadenza 2019-11-20    PREMIO NABOKOV scadenza 2019-11-30    Residenze Gregoriane 2019 scadenza 2019-11-30    Premio Poesia dell'Anno” (2019) scadenza 2019-11-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Le mie tre amiche immobili
di Frank Iodice
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 96
Media 79.06 %



Quando avevo diciannove anni mi trasferii in una casa di cura per balbuzienti.

"Bbuon giorno," dissi, "st sto cercando la dottoressa Madeline. Ssono George P, il il b balbuziente".

"Vieni, vieni pure dentro figliolo, questa è la nostra casa di cura per balbuzienti, ti troverai bene qui da noi. Io sono la più anziana delle infermiere, lavoro in questo posto da dieci lunghi anni e ne ho visti passare di balbuzienti come te qui dentro, a centinaia, centinaia di migliaia. Pensa che tanti anni fa, proprio da quella porta, è entrato il sindaco in persona, era venuto a chiedere il nostro aiuto per poter entrare in politica. Lui non lo racconta a nessuno, ma prima di diventare sindaco non metteva insieme due parole".

"Ne neanche adesso," risposi all'infermiera. Era una donna tutta tonda, mi piaceva perché mi ricordava mia madre e mi confortava l'idea di mettermi nelle mani di qualcuno che assomigliasse a lei, mi sentivo di nuovo a casa mia come quando ero bambino e ancora non avevo questo problema.

"Dì un po' giovanotto, quanti anni hai? Devo riempire la tua scheda prima che suor Madeline arrivi e si arrabbi".

"N ne ho d d diciannove, qua quasi venti".

"Però... Alla tua età già avevo solo tre sorelle io, che adesso avrebbero la tua età e fra vent'anni avrebbero la mia".

"L lei ha una b buona memoria".

"Le vuoi conoscere..."

Quella fu una delle domande che hanno segnato la mia vita per il resto dei giorni a venire. Avrei dovuto dire di no, invece dissi "s s si!"

Ci avviammo lungo un cortile che s'inerpicava tra le arcate in stile gotico dell'elegante edificio. Eppure tutto era troppo tranquillo per essere un luogo di guarigione. Mi sembrava piuttosto un luogo di morte, morte senza speranza, senza medicine efficaci per tornare indietro. Ogni metro sotto quelle arcate mi sembrava un passo verso la mia tomba. E in un certo senso fu così.

Arrivati all'altezza del refettorio, allungai il collo attraverso una grata per spiare, ero sempre stato molto curioso, sia prima che dopo il mio piccolo incidente... C'era un gran tavolo al centro della sala, vi sedevano una ventina di persone, erano mute, gli sanguinava la bocca e ad ogni boccata ributtavano dentro sangue e minestra. Mi venne quasi da vomitare, poi però pensai che doveva essere la mia suggestione, la paura di non sapere dove mi trovavo, ad avermi giocato una qualche illusione passeggera e non dissi nulla, proseguii seguendo la mia nuova mamma.

"Eccoci qui, queste sono le mie tre sorelle, non puoi baciarle e non puoi farci l'amore. Ricorda George, sono le uniche regole che dovrai seguire in questa casa di cura per balbuzienti, altrimenti ti taglieremo la lingua!"

Mi ritornarono subito in mente le persone che avevo appena visto. Allora era vero che avevano tagliato loro la lingua!

"As aspetti, ddove sta andando? Non non voglio rimanere q qui da solo!"

Mentre cercavo di urlare qualcosa che non arrivò neanche alle sue orecchie carnose, una delle sorelle mi posò una mano sulla spalla, era una mano bianca e aggraziata, profumava di lenticchie. Quando la vidi, sentii il suo peso sulla mia pelle accartocciata e mi voltai lentamente per prepararmi al mio destino. In quanto a quelle tre ragazze, erano le più belle sorelle che potessi mai desiderare, ero davvero entrato in una stupenda famiglia, avevo di nuovo una mamma premurosa e tre sorelle graziose e mute.

Il fatto è che non sapevo se fossero mute, per me il loro silenzio risultò un mistero almeno quanto il mio, istigò le mie successive azioni. Che Dio mi perdoni per quello che feci e che mi venne fatto quella sera nella casa di cura per balbuzienti!

La prima delle sorelle mi prese il viso e il calore delle sue mani me lo fece fremere di ardore, di piacere, al solo pensiero di farle lo stesso, ma mi ricordai delle parole dell'anziana infermiera e desistetti per un secondo. Inoltre ancora non avevo conosciuto la dottoressa che doveva prendermi in cura, quella certa Madeline. La seconda sorella intanto si avvicinò a me e mi accarezzò da qualche parte. La terza sorella fece lo stesso, e adesso che ci penso questa fu l'unica a dire qualcosa prima della mia rovina. "Noi non siamo tue sorelle," mi sussurrò all'orecchio, ero talmente eccitato che mi dimenticai completamente la ragione per la quale ero in quel posto. "Noi siamo le tue amiche, le tue amiche mute e immobili".

"M ma vvooi non ssiete immmmobili...", le risposi, tremavo come se l'inverno fosse entrato di un colpo in quel cortile. Il silenzio intanto continuava a incombere sulla mia testa, non poteva essere un luogo di guarigione, ormai ne ero completamente sicuro.

Mentre mi chiedevo come fare a non disobbedire alle due regole che mi avevano appena impartito, una delle tre sorelle − non ricordo neanche più quale delle tre − posò le sue morbide labbra sulle mie, io cercai di ricambiare nella maniera più discreta possibile. Chi mai se ne sarebbe potuto accorgere? Eravamo da soli, in un cortile abbandonato! Feci lo stesso con la seconda e poi con la terza e poi con la prima ancora, sempre più calde le loro lingue e sempre più abbandonato al piacere il mio cervello.

Fu in quel momento che due donne vestite di bianco uscirono da uno degli archi e mi colsero impreparato ai miei stessi impeti incontrollati. Avevo l'affanno e mi ribolliva la bocca.

"George! Lo sapevo... Sei come tutti gli altri! Non hai saputo resistere alla tentazione di disubbidire alle due uniche regole. Ma non ti rendi conto che queste tre anime innocenti potrebbero essere tue sorelle!"

"Nno ssignora, s si sbaglia. Q queste so sono le mie aamiche im m immobili".

Quando l'anziana infermiera guardò le sue sorelle, si accorse che erano esattamente dove le aveva lasciate, erano le tre statue più belle che avessi mai visto e io non avevo saputo resistere alla tentazione di baciarle.

L'altra donna era proprio Madeline, aveva la faccia da Madeline e le mani da Madeline, doveva proprio essere lei. E nelle mani aveva un brutto paio di cesoie che non mi piacquero affatto. Ah, povero me! Se solo ripenso a quella sera... Fu quella la sera in cui mi tagliarono la lingua e capii perché tutte quelle persone erano tanto silenziose mentre mangiavano la loro minestra! Che cos'altro avrebbero potuto mangiare? Santo iddio, e dove erano finite le statue delle mie amiche immobili? Anche se non avevo più la lingua, mi sembrava di sentire il sapore della loro carne fresca ancora nella mia bocca e ancora avrei rifatto lo stesso se solo avessi saputo dove le avevano portate dopo che facemmo l'amore in quel cortile.

© Frank Iodice



Recensioni ed articoli relativi a Frank Iodice

Nessun record trovato

Testi di Frank Iodice pubblicati su Progetto Babele

(1) La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice - RACCONTO
(2) I matti morti e i matti vivi di Frank Iodice - RACCONTO
(3) Le mie tre amiche immobili di Frank Iodice - RACCONTO
(4) Absinthe di Frank Iodice - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2011-09-10
VISITE: 434


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.