Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [14/11/2019] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Raccontami, o Musa... scadenza 2019-11-15    Nika Georgievna Turbina 1974 - 2002 scadenza 2019-11-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus


Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Severino Pollini, biologo estremista
di Manuela Castaldi
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 6
Media 80 %



Severino Pollini, biologo ricercatore dell'Università di Medicina di ***, promettente luminare nel firmamento delle menti scientifiche del paese, stava dritto come un manico di scopa sul marciapiede del terzo binario della stazione. Lo sguardo fisso, inamovibile, posato su una cartaccia di panino buttata a terra vicino al cestino.

_ Almeno dimmi qualcosa.

Lui ancora non parlava, le sillabe si incastravano all'altezza del prominente pomo d'Adamo. Era bianchiccio e sottile, con i capelli diradati e gli spessi occhiali puntati contro i voluminosi bulbi oculari. Un pizzetto sporadico e stizzito si aggrappava al mento sfuggente.

La stazione era sporca, umida, lontana dalla familiare luce al neon dello stanzino di ricerca. Era disorientato dal brulicare disordinato della gente, troppa, di fretta, che si tirava dietro le valige e i pacchi di formaggi e prosciutti. Doveva essere l'odore delle migliaia di panini che seguivano le persone nella stazione a stordirlo. Nell'umido, stretti nel celophan, stipati nelle borse, circondati dalla fontina tagliata a macchina, soffocavano.

 _ Mi dispiace, non dovevo farlo, ho agito d'impulso.- la donna tratteneva a stento una lacrima.

Severino Polloni, forgiato dallo spirito di ricerca italiano, restava impassibile anche di fronte al sussultare sommesso di quel corpo meravigliosamente formato, morbido e slanciato, stretto nelle volute glicine della seta del vestito. Era molto elegante, molto ricercata e portava con naturalezza altissime decoltè cognac. Stringeva fra le dita la fredda catena della Chanel che pendeva sconsolata su un fianco.

_ Mi dispiace, finisce qui.- Forse erano gli occhiali, forse la conformazione devastante del setto nasale a distorcere i bassi di una voce maschile rendendoli striduli e secchi come le mani di una vecchia zitella appassita.

Lacrime di donna angustiata colavano sulla cartaccia del panino vicino al cestino.

_ Esiste qualcosa che io possa fare o dire per farti cambiare idea? Per farti restare con me?

Gli occhi trasparenti della ragazza si posavano sulle mezze maniche della camicia di Pollini, ricordando qualcosa di vago, di attraente come i vetrini fragili e inconsistenti delle prove a microscopio. La vita era veramente effimera se la felicità poteva sgretolarsi come un pugno d'argilla per via di una rana.

_ Rana. Se si fosse trattato di una semplice rana ti avrei perdonata. Forse. Anche se la tua femminilità si è ostinata a scontrarsi con la profondità dello spirito scientifico da quando ci siamo conosciuti. Ammetto che il dualismo mi attraeva. Un pochino. Sono un uomo e il cervello di donna è troppo lontano rispetto alla consistenza del tuo corpo. Ma non si trattava di una semplice rana. Ti sei ostinata a confrontare il tuo potere di donna con il mio esemplare unico di okinavana. La tua femminilità si è intestardita a voler schiacciare e spazzare via ogni ostacolo fra me e te. E l'hai schiacciata. Letteralmente. Le sue viscere erano sparse ovunque.

_ Ovunque no. Un po' sul divano.

Due donne abbondanti, dovevano essere madre e figlia, si erano avvicinate alla tabella degli orari per controllare il binario. I loro bagagli impilati a piramide sostavano opprimenti vicino alla fragile figura di Pollini. Il pomo d'Adamo vacillava al pensiero dell'inevitabile fine comune ad ogni forma vivente a base di carbonio, la decomposizione.

_ Ti ci sei seduta sopra. L'hai annichilita con le tue natiche. Non mentire.

_ Non potrei.

_ Per forza. Solo perché metà rana okinavana era distribuita sul tuo vestito.

La donna si mordeva il labbro inferiore. Le due signore sudate faticavano a trovare il binario sulla tabella, distratte dalla fine imminente di una storia d'amore. La pila di bagagli giaceva inanimata come una lapide.

Credendo che fosse un facchino, un vecchio prenotava una corsa per la propria valigia a Severino Pollini che rifiutava gentilmente, era un serio biologo, ricercatore impegnatissimo dal brillante futuro. Così gli avevano sempre detto. Ma la recessione è implacabile e fagocita a grandi morsi settori di vario genere e lì, al dipartimento, sentivano il fiato sul collo. Mancanza di fondi, dislocazione delle priorità, taglio del personale. Taglio del personale, appiattimento della rana okinavana. Il destino era subdolo con la vita di Pollini. Quel 2012 portava disgrazia. E quella donna meravigliosa dimostrava la fatalità dei sentimenti umani e lo schiantarsi inevitabile della femminilità contro la sensibilità scientifica.

Una donna sa capire l'istante preciso in cui ha perso. Su quel marciapiede binario, mentre l'altoparlante annunciava l'imminente partenza di un intercity, vedeva troppi bei ricordi scorrerle davanti per un estremo saluto.

_ Hai ragione. Ho sollevato il coperchio del terrario e l'ho fatta uscire. Ho pensato che in quel modo se ne sarebbe andata, che si sarebbe infilata da qualche parte, che sarebbe morta in qualche modo, certo. Ma non ho mai pensato, neppure per un istante, di sedermici sopra. E' stata lei a saltare sul divano mentre io mi stavo sedendo. Per certi versi è stato il destino a permetterle di scegliere una fine che mi coinvolgesse così. Ho sbagliato. Ero infuriata con quella maledetta rana. Mi faceva impazzire l'idea che un anfibio mi prevaricasse nella tua testa. Avrei preferito dovermela vedere con un'altra donna che con due occhietti vitrei e inespressivi e quattro zampine umidicce.

_ Basta così. Tu e l'odore dei panini...questa stazione.

L'aria stava rinfrescando, le due donne a malincuore avevano trascinato via la pila di bagagli e tre passerotti stavano polverizzando le briciole cadute a terra vicino a una vecchia panchina di ferro.

_ La rana okinavana non ti avrebbe mai potuto offrire nulla, futuro,calore, affetto.

Pollini ripensò ai due piccoli bulbi neri che lo osservavano tutti i giorni, provando una fitta al cuore.

Un uomo che passava di lì non riusciva a credere che una donna così affascinante stesse piangendo per uno come Severino Pollini. Severino Pollini non riusciva a sostenere il ricordo della sua rana fatta a pezzi dal fondoschiena della donna che gli stava davanti. Le due donne con i bagagli non riuscivano a credere di avere sbagliato binario e di dover ritrascinare i bagagli per le scale del sottopassaggio. Migliaia di panini soffocati circolavano per la stazione sofferenti. Quel 2012 mieteva vittime di ogni genere.

© Manuela Castaldi



Recensioni ed articoli relativi a Manuela Castaldi

Nessun record trovato

Testi di Manuela Castaldi pubblicati su Progetto Babele

(1) Severino Pollini, biologo estremista di Manuela Castaldi - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2012-04-14
VISITE: 101


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.