Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [14/11/2019] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Raccontami, o Musa... scadenza 2019-11-15    Nika Georgievna Turbina 1974 - 2002 scadenza 2019-11-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Il discorso
di Carla Montuschi
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 13
Media 93.08 %



L’aula era stipata come la metro nell’ora di punta . Era la prima volta nella mia vita che vedevo tutte quelle persone radunate per me, per ascoltare le mie parole. In effetti la cosa suscitava una certa emozione… cosa spinge un piccolo popolo a radunarsi in nome di un unico oratore?

Socchiusi un attimo gli occhi a voler radunare la concentrazione necessaria ed immediato mi arrivò l’odore intenso di tutta quell’umanità mescolata. Soavi fragranze  da donna, dopobarba economici, deodoranti incapaci di annientare del tutto l’odore acre del sudore, aliti di vite così dissimili fra loro che mi pareva surreale potessero trovarsi lì tutti contemporaneamente  e non “ per caso”.

Io ero il motivo di quel caso e portavo dentro di me un discorso raro che avevo intagliato in ore di solitaria meditazione. Parole scelte e cesellate sino a divenire preziose, rarità di concetti che avrei riversato nell’aula, quasi a voler ricoprire le pareti spoglie di elaborati arazzi.

Era l’occasione della mia vita. Avrei potuto donar loro una coerenza altrimenti, data l’eterogenità degli individui, impossibile. Il mio discorso avrebbe amalgamato tutto in un continuum di respiri sino a divenire un unico movimento, un solo organismo pulsante.

Aprii gli occhi e parte del mio discorso interiore si era già tramutato in fatti. Tutto già appariva più coerente, il solo fatto che io fossi lì a catalizzare gli sguardi, aveva instaurato un abbozzarsi di legame.

Feci un lungo respiro  e mentalmente cercai il capo del mio discorso che avrei sciorinato come un lungo filo di perle in cui ogni concetto legato con un nodo all’altro, sarebbe scorso fra le mie labbra senza intoppi.

Pensai .

Nella mia mente si affacciò l’immagine sonora di una parola.

Aspaganato…

Già, proprio Aspaganato! Ma che cavolo di parola era?

Riprovai  l’inizio del discorso che nella mia mente si affacciò così:

“Sono molto Aspaganato di essere qui questa sera con voi…”

Fui terrorizzato dal quel suono interiore… ma che caspita stava succedendo, che voleva dire “Aspaganato”, che centrava con il mio discorso…

Feci appello a tutte le mie energie cognitive e l’unica parola simile che trovavo aver un senso era Appagato ma era ben lungi da ciò che avevo previsto e comunque la ripetessi si contorceva sino  a diventare comunque Aspaganato.

“Sono molto lieto di essere qui questa sera con voi…”  lo ripetei almeno cinque volte mentalmente  e per cinque volte la parola aliena si infilò nell’articolazione tra lettera e lettera ammorbando il discorso…

Decisi così di lasciarmi andare all’assurdo, non potendolo contrastare forse era meglio scendervi a patti. La parola astrusa sarebbe scorsa, senza opposizione,  in un sussurro … forse così nessuno se ne sarebbe accorto.  Riflettei in un tempo indefinito su questo. Sebbene le mie parole sino a quel momento  della mia vita fossero state tutte ben studiate ed ordinate, quante volte nella vita mi era capitato di asserire semplicemente delle assurdità.

“Ti amerò per sempre…”

già, quella era una delle più grosse insieme a “Non mi fai paura!”  o a “Mi basto da solo…”…

Pensieri assurdi espressi con parole coerentemente ordinate. Tutto ciò pareva esser grave se visto da quella prospettiva, più grave del pronunciare “Aspaganato”.

Mi lasciai andare come in un suicidio liberatorio e, come previsto la parola fluì incontrastata dalla mia bocca. Scrutai fra volto e volto tutta la platea. Nessuno pareva essersi  accorto dell’errore, non scorsi il più piccolo risolino beffardo od il minimo segno di perplessità.

La parole cesellate tappezzarono le pareti dell’aula come arazzi, con la particolarità che in ognuno di quei quadri spiccava esattamente al centro un momento di folle incoerenza. Aspaganato sostituì appagato, ammaliato, addentato, ma anche fortunato, implicato, ostentato e sebbene le frasi che con essa produceva la mia bocca sembrassero non avere più un senso, abbracciate al discorso si reggevano, filavano via senza impicci apparenti. Ad un tratto mi parve addirittura di divertirmi,  nascondere quella parola fra le altre era diventato un gioco di abilità. Era un gioco di equilibrio fra assurdo e buon senso.

Pronunciare Aspaganato risultava più lieve di tutte le volte in cui avevo dovuto mentire senza farmi smascherare, era un assurdo reale e non un assurdo calcolato.

La platea non si accorse di nulla. Evidentemente erano lì per coincidere con una parte di me. Aspettavano che un moto del  loro animo fosse messo in risonanza dalle mie parole e non si preoccuparono del fatto che di quando in quando una di esse fosse assurda. La gente non si scandalizza per una parola dichiaratamente assurda, è talmente abituata ad interi discorsi assurdi che probabilmente quella piccola follia è vista come un vezzo, un refuso .

Da quel giorno la piacevole sorpresa della tolleranza della gente nei confronti di una parola tanto astrusa, fece sì che io imparassi ad usarla in modo consapevole. Da allora infatti è mia consuetudine buttar qua e là qualche Aspaganato per dar colore ai miei discorsi. Scivolano in modo sempre più naturale e la gente pare non accorgersene…  gli unici che mi fermano e domandano spiegazione di quanto detto sono i bambini sino ad una certa età. Probabilmente quelli che, vivendo le favole vere, non si sono ancora abituati alle tante assurdità della vita!

© Carla Montuschi



Recensioni ed articoli relativi a Carla Montuschi

Nessun record trovato

Testi di Carla Montuschi pubblicati su Progetto Babele

(1) La porta di Carla Montuschi - RACCONTO
(2) I dispetti di Pandora di Carla Montuschi - RACCONTO
(3) Sembra avere un senso… di Carla Montuschi - RACCONTO
(4) La strada di Carla Montuschi - RACCONTO
(5) Il discorso di Carla Montuschi - RACCONTO
(6) Luoghi comuni (ma non troppo) di Carla Montuschi - RACCONTO
(7) L’incapacità del verbo essere. di Carla Montuschi - RACCONTO
(8) Solitudine di Carla Montuschi - RACCONTO
(9) Riflessioni dello specchio di Carla Montuschi - RACCONTO
(10) Contatto di Carla Montuschi - RACCONTO
(11) Il torneo di Carla Montuschi - RACCONTO
(12) Gorgo di Carla Montuschi - RACCONTO
(13) Velocità ZERO di Carla Montuschi - RACCONTO
(14) Dialogo con un cranio di Carla Montuschi - RACCONTO
(15) Il soffiatore di vetro di Carla Montuschi - RACCONTO
>>Continua (click here)



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2012-10-07
VISITE: 129


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.