Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [22/11/2019] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    PREMIO NABOKOV scadenza 2019-11-30    Residenze Gregoriane 2019 scadenza 2019-11-30    Premio Poesia dell'Anno” (2019) scadenza 2019-11-30    Ironicomico2 scadenza 2019-12-06    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Scoprire il mondo dalle vetrate di un autobus
di Lorena Curiman
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 1001
Media 79.87 %



Con passi veloci e l'aria fresca del mattino che mi riempie i polmoni ad ogni respiro profondo che faccio nella corsa contro il tempo, mi dirigo verso la fermata. Sempre con un occhio attento sulla strada, cercando in mezzo al traffico la sagoma inconfondibile del mezzo che mi porterà, come tutti i giorni, in viaggio. Il respiro rallenta appena sento la panchina sotto il corpo ancora teso e mi rilasso nella piacevole attesa, i piedi immersi nel tappeto di foglie secche e la sciarpa stretta intorno al collo.

Rallentato dal peso e dalle strade piene di curve, passaggi a livello e incroci, si avvicina con un rumore familiare e rassicurante e si ferma obbediente davanti ai miei piedi. Il saluto caloroso dell'autista e delle persone presenti aiuta molto a scaldare l'aria e l'anima in una giornata già fredda di Ottobre e dopo aver passato brevemente in rassegna i viaggiatori del mattino, abituali o nuovi, giovani o anziani, poco svegli o attenti, svogliati o pronti ad affrontare il nuovo giorno. Scelgo un posto accanto ad una signora attempata, con lo sguardo perso e le mani giunte in grembo. Chi sa se si tratta solo di malinconia oppure sta pensando al tragitto da fare, si è persa nella miriade dei ricordi o è solo stanca? Sono inevitabili questi pensieri, perché in autobus si viaggia insieme, s'incontrano persone diverse da tanti punti di vista, si scambiano esperienza di vita e si legano amicizie. Tutti i viaggiatori sono estranei ma sono obbligati a stare insieme per un percorso breve o lungo e senza neanche rendersene conto, almeno non sempre, cominciano a conoscersi meglio un po' alla volta, giorno per giorno, tirando fuori con leggerezza, imbarazzo o passione storie, pensieri e impressioni personali.

Viaggiare in autobus è un gesto naturale, quotidiano. Ci sono studenti, allegri e rumorosi, che parlano dei problemi della loro età, di ripetizioni, interrogazioni e compiti; muratori e carpentieri diretti al cantiere, impiegati e negozianti riflettono con tono a volte pacato a volte tumultuoso sui cambiamenti frenetici dell'economia; casalinghe accomodate sui sedili come in un salotto, intente a scoprire le migliori offerte del momento o il segreto del bucato perfetto; pensionati silenziosi che si svegliano dalla contemplazione del loro piccolo mondo interiore o quello esterno, troppo grande ormai per loro, per offrirti un sereno e sincero sorriso accompagnato da un tono ed un linguaggio semplice ed antico e, magari, da con un consiglio prezioso: "Copriti prima di scendere, che fa freddo".

Ogni giorno gli autobus tessono una capillare rete di linee che penetrano nel profondo della città o delle periferie, solcando a velocità moderata le vie e viuzze intrecciate a marciapiedi, abitazioni, negozi e pedoni. Scoprire il mondo dalle vetrate di un autobus significa, innanzitutto, rallentare, entrare in contatto con altri viaggiatori e con la gente del posto; riscoprire il gusto di guardare fuori dal finestrino, liberi dalla tensione per la guida e di assaporare ogni scorcio che si apre lungo il percorso, vialetti nascosti dagli alberi, angoletti deliziosi mai visti prima per fretta o per distrazione, misteriosi panorami su case d'epoca dalle facciate trasandate che raccontano, ciascuna, un pezzo di storia perduto.

Il via vai di persone che scendono e salgono a ogni fermata mi ricorda dell'avvicinarsi della mia destinazione e, a malincuore, torno alla realtà. Eppure percepisco ancora l'effetto che fa stare immobili sul sedile, pazientare, riflettere ed imparare a concentrarsi sui dettagli. Dettagli che cambiano a seconda del punto di vista, osservando le cose, le persone, le azioni, le reazioni, gli intenti e le conseguenze. Dettagli resi possibili dal conducente, che ci porta tutti a destinazione guidando per noi senza fretta, senza ansia d'arrivo e di partenza - un misto di lentezza, comodità, sicurezza ed equilibrio.

Un altro saluto, ugualmente pieno di calore familiare, alla separazione dal mondo viaggiatore e un "alla prossima" e "ci vediamo domani", inconfondibile ed irripetibile. Impossibile su qualsiasi altro mezzo di locomozione. Mentre rimango ancora ferma per un po' sul marciapiede, per riprendermi dal sogno e riconnettermi ai ritmi caotici delle innumerevoli richieste della vita quotidiana, la "silhouette" bianca del veicolo e quel rumore che so riconoscere così bene anche da grandi distanze, si disperdono e mi lasciano sola.

© Lorena Curiman




-

dal 2012-10-15
VISITE: 947


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.