Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Il gruppo di Progetto Babele su Facebook
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Collabora con PB Cos'è PB?
TeleScrivente:    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    Dopo quindici anni, chiude la rivista Segreti di Pulcinella (ma resta il BLOG) (03/05/2018)    La biblioteca più alta del mondo (forse) (01/05/2018)    Lo stagno dei caimani - ritrovato il racconto perduto di Salgari (12/04/2018)    Il 12 Ottobre 2017 chiude i battenti la storica NETEDITOR (06/10/2017)    [19/07/2018] 10 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    FESTIVAL DEI DUE PARCHI scadenza 2018-07-20    L'umorismo, un modo di guardare la realtà scadenza 2018-07-21    Un Monte Di Poesia scadenza 2018-07-22    Città di Porto Recanati - Premio Speciale Renato Pigliacampo scadenza 2018-07-25    III Edizione della Giornata mondiale della Poesia con A.Monaco -100thousand poets for change 2018 scadenza 2018-07-25    Racconti di Milleparole scadenza 2018-07-30    Lo Scrittoio scadenza 2018-07-30    Giornalismo d'inchiesta - Italia, il bel Paese scadenza 2018-07-30    Uomini, e donne, sul mare scadenza 2018-07-31    FINO IN FONDO scadenza 2018-07-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro     L`ultimo di Giuseppe Foderaro letto da Luca Govoni    RECENSIONI     Coraline di Neil Gaiman Adattato e ilustrato da P. Craig Russell     A Sud dell’Alameda - Diario di un’occupazione di Lola Larra e Vicente Reinamontes     Ho sognato di vivere - Variazioni sul tema del tempo in Roberto Vecchioni di Mario Bonanno     Le case del malcontento di Sacha Naspini     Laura Morante, in punta di piedi di Stefano Iachetti    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     L´horror psicologico di Michele Pastrello     ANTONIO ALTOMONTE «emblematico ricostruttore di perdute dimensioni».     Il mondo poetico del calabrese Rocco Nassi     FRANCESCO PERRI (Careri 1885 – Pavia 1975): il primo scrittore antifascista della letteratura italiana e il primo cantore dell’emigrazione meridionale     La donna indiana tra letteratura e realtà. Anita Desai e Kamala Markandaya.    Racconti     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice     Lettera ad una cucciola di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Rodolfo Walsh (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn

Angolo di SImone

La Rivista
PB numero 19
Scarica gratuitamente PB
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
35 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
11 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Storie della razza antica - Princesse Ezil
di Vittorio Baccelli
Pubblicato su SITO



VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 542
Media 79.58 %



M-det deyò a, m-bay tét mwen de kout pwen pou m-wé si se reve m-ap reve ou si s-on lòt kont m-ap tire gran lajounen sa a.(Félix Morisseau-Leroy)

[ Rimasi fuori dandomi pugni in testa domandandomi se stavo sognando in pieno giorno o se raccontavo un'altra delle mie storie ]

Sto guardando il posto, sì io lo chiamo il "posto" e sono quindici anni che lo frequento: conosco ogni suo tratto di strada, ogni albero, ogni cespuglio, ogni suo angolo e ogni cosa insomma.
È un triangolo equilatero di circa un chilometro per lato, con una punta rivolta a nord, al suo interno vi sono due grandi strade asfaltate che s'incrociano, e molte altre più piccole, alcune sterrate. Vi sono case, una piccola chiesa col campanile in cemento armato, un campo giochi sempre pieno di bambini e d'anziani, e poi panchine, cestini per i rifiuti, cartelli stradali, bidoni per l'immondizia, pali della luce orti e fili del telefono.
Nel triangolo c'è anche la posta, un asilo e la scuola elementare.
Ho accompagnato i miei figli qui all'asilo, poi alle elementari, li ho portati quasi quotidianamente al campo-giochi.
Anche adesso che i figli sono cresciuti me ne sto seduto su una panchina a leggere, o vagabondo nella zona o in auto ascolto la musica. L'aspetto di questo triangolo è sempre più inquietante, carrelli della spesa arrugginiti e abbandonati dilagano anche nel campo giochi e non più solo nei paraggi del supermercato che si trova in uno degli angoli del triangolo. Ai carrelli abbandonati e rovesciati che danno un tocco di desolazione bisogna aggiungere anche le numerose carcasse d'auto abbandonate che col tempo si sono formate ai lati delle strade e nel parcheggio. I fili della luce e del telefono sono in varie parti caduti dai loro pali e giacciono abbandonati nei campi e ai lati delle strade, alcuni di notte scintillano. Lungo i marciapiedi, e anche sull'asfalto vi sono disegnati col gesso o con cocci, numerosi schemi della "campana", quel vecchio gioco da ragazzi, ma non ho mai scorto nessun ragazzo giocare a campana. Ad incrementare la stranezza di questi ultimi tempi contribuiscono anche alcuni manifesti, di quelli giganti di un circo che sono stati affissi all'incontrario. Dai fili della luce ciondolano carcasse di aquiloni che in tempi migliori conobbero l'ebbrezza del volo.
Sono su una panchina del parco con un libro in mano, ma non riesco a leggere dato che sono immerso in queste considerazioni, oggi c'è un solo bambino che sta giocando spingendo per il prato un carrello arrugginito. Mentre l'osservo noto qualcosa d'insolito posato sull'erba: è una piccola zucca vuota coperta di collane e campanelli: la tocco, anche se so che non devo.
***
Lei è della mia città, piccola con tantissimi capelli neri e ricci, porta la sua bambina qui al parco giochi, ma solo in agosto, di luglio è infatti al mare e per i rimanenti mesi se ne sta in città. Era la mia amante, ma è anche la manbo e io all'inizio di questa storia non lo sapevo.
La manbo si materializza davanti a me, prende in mano la zucca vuota e mi dice "questo è l'asson, il simbolo del potere degli antenati" e comincia ad agitare l'asson e non capisco cosa sta succedendo. Lei mi spiega che quando la manbo scuote l'asson e lo agita , tutto questo serve a convocare nell'ounfo i loua.
Sono ancor più perplesso dalla spiegazione, che poco mi spiega. La ricciolina, ora ricordo, da tempo non è più la mia amante, allora ci vedevamo nella mia casa in città, e solo quando a lei pareva e anche a letto si faceva solo quello che lei voleva. Un giorno mi disse che era stata molto male, il suo corpo piccolo conteneva infatti grandi organi ed erano troppo pressati, così era stata molto male.
Solo ora comprendo che il triangolo tra le sue gambe è il mio "posto" ed è anche l'ounfo. E l'ounfo è il tempio ove la manbo agita l'asson per convocare i loua.
Ora tutto comincia a farsi chiaro, ero certo di far l'amore con lei (e lo stavo facendo) o di leggere in auto un libro mentre i miei figli giocavano nel parco.
Sì facevo tutte queste cose, ma contemporaneamente ero Ayda, potente loua sposa di Dambalà.
"Ma i loua servono da collegamento tra Bon Dieu e gli uomini?"chiesi un giorno ad un ougan che era giunto con la mia manbo. Lui non mi rispose, ma aggiunse che aveva passato tutta la notte con lei, era stato il primo a possederla così che lei gli era legata per sempre.
I tre anni che stetti con lei ero un ounsi, uno sposo di un loua, poiché lei era cavalcata da un loua.
Fui Ayda ma anche ounsi-kanzo poiché avevo superato senza ricordarmene i riti d'iniziazione.
Il tempo subisce una frattura adesso sono in auto: è parcheggiata al lato della folta siepe che circonda e protegge l'asilo, il figlio più piccolo è a poche centinaia di metri da me, in un'aula delle elementari a lezione. Si avvicina alla mia auto un ounnikon che dice d'essere un corista della mia manbo, poi mi guarda intensamente e "hai gia conosciuto Loko il loua della vegetazione e degli alberi, ma adesso preparati poiché è scritto che dovrai incontrare Princesse Ezil".
"E chi sarebbe?"
"Il loua dell'amore".
Detto questo il corista se ne va e solo allora mi accorgo che è vestito in jeans e camicia a fiori come un turista alle Hawaii, solo che è scalzo e qui siamo in pieno inverno.
Resto solo in questo triangolo di terra, che è stato pure il pelo pubico della mia ex amante che era una manbo e veniva cavalcata da un loua sì che io divenissi ounsi e successivamente ounsi-kanzo e prima ancora ero cavalcato dalla sposa di Dambalà, o forse tutto era accaduto contemporaneamente?
A questo punto dovrei essere in piena confusione, ma non lo sono, una nuova lucidità si è impadronita della mia mente e spazia ben oltre il mio posto, che è il triangolo, che è il tempio.
Il triangolo è l'ounfo all'interno del quale la manbo agita l'asson e i loua giungono: per primo arriva Dambalà, giunge anche l'ougan e con loro è Loko.
Attendo la nuova prova che Bon Dieu mi riserva e scrivo e leggo, aspetto i figli e attendo all'interno del triangolo, dell'ounfo. Attendo Princesse Ezil, non dovrebbe tardare, e nell'attesa costruisco i velvet e li diffondo nel mondo.
Adesso c'è internet e il mio velvet più carico e virtuale è ben celato nella rete, ma facilmente raggiungibile da chi deve vederlo.
La visita di Princesse Ezil muterà radicalmente la mia esistenza, lo sento, sono anni che mi stanno preparando a questo incontro e solo ora me ne rendo conto, intanto scrivo sul mio diario poesie e narrazioni e attendo mentre ora il sole scende dietro le alte montagne coperte di neve.
Qui ho trascorso mattini e pomeriggi, e anche notti insonni: nei periodi di festa la gente mi guardava un po' strano, stavo lì in auto o su una panchina a leggere o a scrivere, mentre tutti correvano a divertirsi, a ballare, a scolare birre, o dietro la siepe a fumare spinelli. Rifletto sulla mia ex amante, sulla manbo, sul suo piccolo corpo e sulla sua strana figlia, eppure allora non capivo, tutto mi sembrava normale, invece attorno a me il destino forgiato da Bon Dieu si svolgeva e ogni mia azione, ogni desiderio era da lui guidato. Chi mi ha cavalcato lo ha fatto per curiosità e per insegnarmi, Princesse Ezil adesso sono pronto, ti attendo, non tardare.

***

Il sacrificio sta per compiersi, lui ancora ignora ma fiducioso attende, la crede sposa e forse sposa sarà, grande è il tributo, grande sarà la conoscenza.

© Vittorio Baccelli



Recensioni ed articoli relativi a Vittorio Baccelli

(1) Express Tramway di Vittorio Baccelli- Il Parere di PB
(2) Fiocco di neve a Fargo di Vittorio Baccelli- Il Parere di PB
(3) Quando il Cronodrome implose di Vittorio Baccelli- Il Parere di PB

Testi di Vittorio Baccelli pubblicati su Progetto Babele

(1) Storie della razza antica - Princesse Ezil di Vittorio Baccelli - RACCONTO
(2) Storie della razza antica – La prostituta di Vittorio Baccelli - RACCONTO
(3) Storie della razza antica – Il rasoio di Occam di Vittorio Baccelli - RACCONTO
(4) Storie della razza antica - Blood di Vittorio Baccelli - RACCONTO
(5) Storie della razza antica - Sara di Vittorio Baccelli - RACCONTO
(6) Cronoloop di Vittorio Baccelli - RACCONTO
(7) S.O.S. di Vittorio Baccelli - RACCONTO
(8) WUNDERVAFFE di Vittorio Baccelli - RACCONTO
(9) Il suo nuovo mezzo di Vittorio Baccelli - RACCONTO
(10) Omphalos di Vittorio Baccelli - RACCONTO
(11) Secondo intermezzo di Vittorio Baccelli - RACCONTO
(12) Unheimlich di Vittorio Baccelli - RACCONTO
(13) Precipitando di Vittorio Baccelli - RACCONTO
(14) La strada di Vittorio Baccelli - RACCONTO
(15) Ultima Zaibatsu di Vittorio Baccelli - RACCONTO
>>Continua (click here)



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB


-

dal 2014-10-22
VISITE: 479


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.