Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [19/10/2019] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    “Linee di Paesaggio” scadenza 2019-10-28    Concorso per artisti emergenti scadenza 2019-10-30    Motori & Passioni scadenza 2019-10-31    Ve- Leggiamo scadenza 2019-10-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
32 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
5 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Dietro una porta chiusa
di Cinzia Baldini
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 7
Media 78.57 %



“AFFITTASI APPARTAMENTO MOBILIATO”
Per informazioni chiedere al custode

Il cartello ha un colore diverso, ma il portiere è sempre lo stesso, forse con qualche filo bianco tra i capelli: «Scala A, terzo piano, interno nove, sarà libero dal quindici del mese, gli inquilini le mostreranno la casa» mi informa, senza staccare lo sguardo dal quotidiano sportivo che sta leggendo e pigiando in maniera meccanica il pulsante per l’apertura automatica del cancello.

Forse percepisce la mia titubanza, alza gli occhi e mi fissa dubbioso per qualche istante, apre di nuovo la bocca per parlare, poi, scrolla la testa e torna alla sua lettura.

“Lo so, grazie. Conosco già la trafila…” rispondo all’uomo tra me e me, mentre affrettando il passo entro nel palazzo.

Nulla è cambiato da allora.

Le stesse righe nere sul marmo ingiallito del pavimento al primo piano, l’intonaco scrostato sul soffitto con le medesime macchie di umidità lungo i muri del secondo piano, il corrimano impolverato e, ancora, le iniziali dei nostri nomi racchiuse in un cuore vicino al campanello dell’interno nove del terzo piano, che mi sorridono beffarde.

Con i polpastrelli delle dita ne seguo il ruvido contorno, sfioro l’interruttore e ritraggo la mano giusto un attimo prima di suonare.

Alzo le spalle e mi riscuoto, faccio per andarmene, ma i miei piedi, quasi dotati di volontà propria, non vogliono riportarmi sui miei passi.

Ora abito dalla parte opposta della città, vicino al centro storico, in un rione colorato e suggestivo. Questa, invece, è una zona periferica, non ci sono centri commerciali né altre attività che possano richiamare la gente che non sia residente, è un quartiere dormitorio e non offre altro.

Non so perché mi sono ritrovata qui.

Ci sono arrivata senza volerlo ed ora non riesco ad andarmene, quasi che rivedere questa casa sia un obbligo morale, un pellegrinaggio da compiere.

Sono spiazzata dal mio atteggiamento e voglio vedere fin dove sarà capace di condurmi.

Il cuore anestetizzato non m’invia alcuna emozione.

Non voglio sapere se sia solo curiosità quella che mi spinge a rimanere li, ad osservare la porta dell’appartamento.

Il legno è scolorito in più punti e vicino alla serratura centinaia di piccole righe s’intersecano le une alle altre. 

Resto ipnotizzata da quegli intrecci. Mi affascina il loro allontanarsi ed il ritrovarsi, lo snodarsi parallelo prima di riaccavallarsi e poi, di nuovo, separarsi, sembra seguano il corso convulso dei miei pensieri.

Apro la borsa ed inizio a rimestare al suo interno in cerca delle chiavi.

Attonita e confusa mi siedo sulle scale e torno a scrutare la porta serrata…

“Ma cosa stai facendo?” mi apostrofo perplessa dalla strana piega che stanno prendendo gli eventi.

Fisso le mie mani: «È vero» mi rispondo ad alta voce «cosa sto facendo? Sono quasi tre anni che non abito più qui. Come mi salta in mente di cercare le chiavi nella borsa!»

Mi alzo decisa ad andarmene ma resto impietrita a guardarmi intorno.

Attendo qualche istante per abituare lo sguardo alla penombra. Incredula mi strofino gli occhi e un senso di smarrimento mi assale quando voltandomi, nel portacenere dell’ingresso ritrovo le mie chiavi: “ecco perché non c’erano in borsa!” esclamo trionfante.

Timorosa allungo una mano, poi la ritiro di scatto portandola alle labbra per soffocare l’esclamazione di meraviglia che spontaneamente è sgorgata da esse.

Tutto è al proprio posto.

Gli sparuti mobili che costituivano l’arredamento sono ancora lì, in un miscuglio stridente di stili e di forme.

Avevo dimenticato ogni cosa, ogni dettaglio, anche questa casa, fino a stamattina, fino ad ora.

Guardo verso il piccolo lavello della cucina e vedo ancora i bicchieri con l’impronta del rossetto delle mie labbra e la bottiglia di spumante aperta per festeggiare la tua specializzazione.

Infilo timidamente la testa nella camera da letto.

All’angolo, vicino la finestra, è ancora poggiata la valigia rossa, quella che avevamo sempre pronta e che ci ha seguiti in tutti i nostri viaggi improvvisati, decisi dalla sera alla mattina, quando, senza avvisare nessuno, fuggivamo per stare soli e vivere il nostro amore.

Tra le pieghe del letto, perennemente disfatto, ritrovo dolci carezze e briciole di biscotti, i cuscini sghembi e fuori posto soffocano le nostre allegre risate e i sensuali bisbigli.

Sorrido indulgente.

Il nostro è stato un rapporto vorticoso, intenso, bruciato in fretta. Arso veloce, come un legno stagionato, in una unica fiammata calda, ipnotica, brillante, che non ha lasciato braci di rimpianti, solo piacevoli ricordi e niente di più.

Un ultimo sguardo e mi rendo conto della polvere che ammanta ogni cosa.

Non aprirò le finestre per lasciar entrare la luce del sole, meglio che tutto resti in penombra, che nulla alteri questa apparente immobilità.

Un calpestio di passi ed il rumore dell’ascensore mi riportano bruscamente alla realtà.

«Devo andare» mi incito, «in fondo non c’è nulla qui che mi interessi portare con me. Sì, meglio andare» mi ripeto «prima di smarrirmi in questo gioco, di perdere il senso della misura e cercare qualcosa che da tempo non c’è più».

Mi alzo, con le mani liscio la gonna per togliere da essa grinze immaginarie e scrollare via la ruggine della malinconia.

Appena fuori dal palazzo, con un sospiro di sollievo, accolgo l’aria tiepida che mi carezza il viso e, a passo spedito, percorro il vialetto che fiancheggia il giardino per raggiungere il cancello d’uscita.

Il portiere si è allontanato dalla guardiola e sta fumando appoggiato alla ringhiera.

Lo saluto con un sorriso luminoso e un cenno del capo.

Questa volta mi osserva con intensità, si gratta la testa indeciso e poi annuendo soddisfatto esclama: «Buongiorno signorina, ma lei…?!».

“Si, non ha sbagliato, sono proprio io” gli confermo tacitamente con il capo, senza fermarmi.

Sono già fuori, oltre il cancello quando, senza voltarmi e alzando la mano, gli grido: «Addio!».

Mentre il sole della tarda mattinata mi abbaglia con il suo splendore e il calore intenso dei suoi raggi carezza le mie spalle, il cartello d’affitto diventa sempre più piccolo, come il coriandolo di un breve carnevale.

© Cinzia Baldini



Recensioni ed articoli relativi a Cinzia Baldini

(1) Non Nobis Domine - I custodi della verità di Cinzia Baldini e Simone Draghetti - RECENSIONE
(2) Il veleno di Circe di Cinzia Baldini e Michele Zefferino - RECENSIONE
(3) Semplicemente Donna di Cinzia Baldini - RECENSIONE
(4) Semplicemente Donna di Cinzia Baldini - RECENSIONE

Testi di Cinzia Baldini pubblicati su Progetto Babele

(1) Epiphaino di Guglielmo Campione - RECENSIONE
(2) Ukemì di Pia Barletta - RECENSIONE
(3) Incunabolo di Riccardo Merendi- Il Parere di PB
(4) La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora - RECENSIONE
(5) Memorie di un ragazzo di borgata di Mario Rosati - RECENSIONE
(6) Il ritorno di Nibiru di Massimo Fratini - RECENSIONE
(7) Io sono respiro puro di Maria Fornaro - RECENSIONE
(8) Il lungo cammino del fulmine di Guglielmo Campione - RECENSIONE
(9) Un'altra vita di Cinzia Baldini - RACCONTO
(10) Brando Street. La scomparsa di una comparsa di Marisa Cecchetti - RECENSIONE
(11) Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini - RACCONTO
(12) Dietro una porta chiusa di Cinzia Baldini - RACCONTO
(13) Stella tra le Stelle di Cinzia Baldini - RACCONTO
(14) Pensiero di Cinzia Baldini - RACCONTO
(15) L`odore della notte di Paolo DAnna - RECENSIONE
>>Continua (click here)



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2017-03-23
VISITE: 81


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.