© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Il gruppo di Progetto Babele su Facebook
SCARICA GRATUITAMENTE LA RIVISTA IN FORMATO PDF ACQUISTA UNA COPIA STAMPATA DELLA RIVISTA SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Contatta il WebMaster help&faq
 
 
PB NEWS:    [19/07/2017] Lacrime d’Inchiostro    [24/03/2017] L'editore più povero del mondo parla sul blog "La Casa di Carta"    [25/04/2015] Audio Antologia della Letteratura Italiana Vol. I e Vol. II    [13/06/2012] Terremoto in Emilia - sospensione temporanea attività Progetto Babele    [25/09/2017] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    ULTIMI INSERIMENTI SUL SITO AL 25/09/2017    Recensioni     Memorie di un ragazzo di borgata di Mario Rosati     Amore incompatibile di Francesco Dell´Olio     Andata e ritorno di Elena Ciurli     L´anno prossimo a Gerusalemme di Andrè Kaminski    Il ritorno di Nibiru di Massimo Fratini    Il parere di PB     Sesso, droga e rococò - Storia del falsetto dai castrati all di Massimo Di Vincenzo     C è un tempo per gioire, c è un tempo per patire di Manrico A.G. Mansueti     Papà mi presti i soldi che devo lavorare? di Alessia Bottone    Le rose di Eusebia di Claudio Secci    La lama nera di Dario De Judicibus    Articoli e saggi     L´horror psicologico di Michele Pastrello     ANTONIO ALTOMONTE «emblematico ricostruttore di perdute dimensioni».     Il mondo poetico del calabrese Rocco Nassi     FRANCESCO PERRI (Careri 1885 – Pavia 1975): il primo scrittore antifascista della letteratura italiana e il primo cantore dell’emigrazione meridionale     La donna indiana tra letteratura e realtà. Anita Desai e Kamala Markandaya.    Racconti     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice     Lettera ad una cucciola di Cinzia Baldini    AUDIOLIBRI     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro     L`ultimo di Giuseppe Foderaro letto da Luca Govoni    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Rodolfo Walsh (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock    Una vita nel mistero (ITALIA 2010) regia di Stefano Simone    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix     Tapes (2008) - Alanis Morissette    IL FORUM DI PB    Ultimo topic: Порно фото - разглядывать онлайн безмездно inserito il 2017-09-12 (ultimo aggiornamento 2017-09-12)    Ultimo post: inserito da il 2017-09-12 sul topic Порно фото - разглядывать онлайн безмездно    
 
 
Email
PSWD
CONSIGLI DI LETTURA
Arretrati e copie stampate
PB International
PB Interactive
IN PRIMO PIANO


OnlineUtenti connessi: 10
Utenti collegati in chat 0

Dal 01/01/2003
questo sito ha generato
96.532.500
esposizioni

 
     

Alice
di Simona Genovali
Pubblicato su SITO



VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 26
Media 80.38 %



Ero chiusa in bagno, terrorizzata dalla tua mano che premeva contro la serratura.

Se fossi uscita,  mi avresti picchiato di nuovo ?

Oggi è martedì, sono passati appena due giorni dall’ultima volta che ti sei arrabbiato con me e di nuovo i tuoi occhi sono infuocati contro di me.

Hai buttato per terra i vestiti, hai strappato le foto, hai gettato i miei libri nella spazzatura.

Faccio finta di niente, continuo a lavare i piatti. Il rumore dell’acqua che scorre nel lavandino rende le tue urla un briciolo più sopportabili.

Lo so, al termine di questa serata ci saranno le tue solite accuse, le mie lacrime, il silenzio e poi il vuoto o forse faremo l’amore, dimenticando tutto quello che è successo. Il pretesto per arrabbiarti è sempre lo stesso: io che non mi interesso abbastanza a quello che fai. E’ questo quello che mi fa più male, oltre ai calci e ai pugni: il fatto che sia tu a misurare ogni cosa di me, se sono abbastanza interessata a te oppure no. Tu decidi i confini, tu decidi quando è arrivato il momento di accorciare gli spazi, le distanze e quanto io mi sia impegnata nel mio lavoro di sarta, nella pulizia  della casa e quanto mi sia stramaledettamente interessata al tuo lavoro sul cantiere o ai tuoi modellini di case e barche costruite con i bastoncini di legno. Il risultato è sempre lo stesso: non è mai abbastanza. Io non  sono mai abbastanza brava.

Io che per te non vado bene, che non mi sento più io e non so più chi sono.

Ieri pomeriggio, mentre cucivo l’orlo alla gonna della signora Tazzioli, quella del quinto piano con la casa piena di vasi di ceramica, ad un tratto sono corsa in bagno, riuscivo appena a respirare.

Tu non c’eri, eri a lavoro ma ho avuto paura che tu potessi entrare in  casa da un momento all’altro e commettere qualche altra sciocchezza.

Ho iniziato a piangere e lo confesso: ho pensato di farla finita. Eri presente anche se non c’eri, come se un fantasma si fosse impossessato di me e dei miei pensieri. Ho chiuso a chiave la porta. Clock. Mi sono seduta sul pavimento. Ho sentito il freddo delle mattonelle premere contro le gambe, mentre la porta di legno premeva sulla schiena. Ho iniziato a piangere. Non saprei dire quanto tempo ho passato in bagno, in quella posizione.

Le lacrime sono finite da sole. Non so quando è successo, ma ad un certo punto non piangevo più, gli occhi erano asciutti. Mi sono sentita come svuotata, come se dentro di me non ci fosse più niente, niente da nessuna parte, niente nei pensieri, niente nelle parole, niente sangue nelle vene. Niente. C’ero solo io e il silenzio.

Poi ho ripensato alle parole di Magda, la psicologa del centro di ascolto dove vado ogni giovedì. Secondo lei io posso cambiare, non certo te, ma me stessa si. Posso decidere della mia vita come meglio credo e forse senza di te posso averne una migliore. Nessuno mi hai mai detto che posso cambiare.  Ho sempre creduto che tutto fosse già scritto, che le cose andavano bene  così com’erano, si  trattava solo di imparare a sopportare, a volte un po’ di più, altri giorni un po’ di meno. Per questo stasera, mentre lavo i piatti, non cedo alle tue provocazioni. Conosco già le tue mani e i tuoi pugni, conosco il dolore nello stomaco che si contorce e la pesantezza di un livido sopra lo zigomo. So che sapore ha il sangue quando esce dalla bocca. Lavo i piatti e aspetto. Aspetto che tu abbia finito e aspetto domani. C’è un treno che parte alle otto e arriva diretto a Roma. Marianna,  la mia amica d’infanzia verrà a prendermi alla stazione. Ho già consegnato la gonna alla signora Tazzioli. Credo che abbia capito tutto, perché mi ha dato venti euro per l’orlo della gonna e mi ha regalato un cappello di lana e un paio di guanti. Ha detto che a lei non servono più. Poi prima di salutarmi sul pianerottolo delle scale, mi ha dato un bacio sulla fronte, non l’aveva mai fatto prima.  

So che anche stasera dirai che ti sei arrabbiato per causa mia e che non merito nemmeno le tue scuse.

Questi pensieri mi distruggono, siamo due treni che si sfiorano senza arrivare mai alla medesima stazione.

Vorrei che tu scendessi nel mio sangue, che ti fermassi per una volta, vicino a me, che toccassi la mia anima.

Io che ti amo nonostante tutto, tu che non ci credi, non ti fidi di me.

Vorrei che per un attimo guardassi questa donna, anche solo per un misero istante, tu sentissi il rumore che c’è dentro di me, accarezzassi i miei pensieri e i sogni che ho avuto per noi.

Vorrei che tu percepissi lo scricchiolio dei desideri infranti dai tuoi occhi quando ti perdi in quei silenzi profondi e impenetrabili. Mi uccidono quei silenzi, arrivavano dritti al centro del mio cuore e lo distruggono.

Forse non abbiamo sognato abbastanza insieme. Siamo come neve perenne, che mai si scioglierà. Mai e poi mai.

Adesso sopra la mia testa vedo ombreggiare una galleria di raggi di luce. I volti che vedo sono sconosciuti. Qualcuno mi tiene per mano. Sono sdraiata su una barella con questa gente che mi spinge verso un’enorme porta grigia.  Qualcuno cerca di piantarmi una luce negli occhi.

“Alice, Alice cerca di stare sveglia!”

E’ Magda, la psicologa del centro di ascolto. Riconosco la sua voce calma e la mano ferma che mi scuote. I suoi occhi nocciola risplendono da dietro gli occhiali da vista.

Riesco appena a muovere la mano destra, la sento gonfia e livida. Le faccio cenno di guardare nella tasca della mia giacca, non posso permettermi di perdere il biglietto del treno.

L’unica cosa che riesco a dire è: “Roma, oggi devo andare a Roma”.

© Simona Genovali



Recensioni ed articoli relativi a Simona Genovali

Nessun record trovato

Testi di Simona Genovali pubblicati su Progetto Babele

(1) Alice di Simona Genovali - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONT
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB


-

dal 2017-04-01
VISITE: 149