© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Il gruppo di Progetto Babele su Facebook
SCARICA GRATUITAMENTE LA RIVISTA IN FORMATO PDF ACQUISTA UNA COPIA STAMPATA DELLA RIVISTA SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Contatta il WebMaster help&faq
 
 
PB NEWS:    [24/03/2017] L'editore più povero del mondo parla sul blog "La Casa di Carta"    [13/06/2012] Terremoto in Emilia - sospensione temporanea attività Progetto Babele    [18/03/2012] Novità in arrivo per le edizioni Anordest    [13/10/2011] Il cacciatore di titoli    [29/04/2017] 14 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Presentazione del libro Come impronte nella neve scadenza 2017-05-06    ULTIMI INSERIMENTI SUL SITO AL 29/04/2017    Recensioni     Il lungo cammino del fulmine di Guglielmo Campione     È vero che il giorno sapeva di sporco di Mario Bonanno     Brando Street. La scomparsa di una comparsa di Marisa Cecchetti     Sharaz-De Le mille e una notte di Sergio Toppi    La versione di Gipo di Alberto Facchinetti    Il parere di PB     Papà mi presti i soldi che devo lavorare? di Alessia Bottone    Le rose di Eusebia di Claudio Secci    La lama nera di Dario De Judicibus    Le coincidenze necessarie di Patrizia Marzocchi    Il 18° vampiro di Claudio Vergnani    Articoli e saggi     ANTONIO ALTOMONTE «emblematico ricostruttore di perdute dimensioni».     Il mondo poetico del calabrese Rocco Nassi     FRANCESCO PERRI (Careri 1885 – Pavia 1975): il primo scrittore antifascista della letteratura italiana e il primo cantore dell’emigrazione meridionale     La donna indiana tra letteratura e realtà. Anita Desai e Kamala Markandaya.     L'esclusa di Luigi Pirandello    Racconti     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice     Lettera ad una cucciola di Cinzia Baldini    AUDIOLIBRI     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro     L`ultimo di Giuseppe Foderaro letto da Luca Govoni    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Rodolfo Walsh (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Frantumi di Edoardo Firpo     Ricordo di Edoardo Firpo     Gioco di Edoardo Firpo    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock    Una vita nel mistero (ITALIA 2010) regia di Stefano Simone    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix     Tapes (2008) - Alanis Morissette    IL FORUM DI PB    Ultimo topic: Verona Segway Tour inserito il 2017-03-22 (ultimo aggiornamento 2017-03-22)    Ultimo post: inserito da il 2017-03-22 sul topic Verona Segway Tour    
 
 
Email
PSWD
CONSIGLI DI LETTURA
Arretrati e copie stampate
PB International
PB Interactive
IN PRIMO PIANO


OnlineUtenti connessi: 10
Utenti collegati in chat 0

Dal 01/01/2003
questo sito ha generato
95.730.792
esposizioni

 
     

Il dono
di Umberto Maggesi
Pubblicato su PB1



Ascolta il file Ascolta la versione audio di questo racconto!
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 5607
Media 78.6 %



L'ho portata vicino a me, alla mia sinistra. Sono i momenti più belli, vicini sul divano, la calma della sera intorno, le sfioro la mano, il contatto è morbido.
La pelle è la cosa migliore, tutto si ferma lì. Non ti osserva la pelle.

Le carezze mi ricordano mia madre, mani lunghe, sottili e delicate. Gli occhi di mia madre non ferivano, si sa, lo sguardo della mamma è sempre benevolo. Su quel fronte vai sicuro.

Stanno dietro agli occhi i pensieri più spietati. Lo specchio dell'anima, li chiamano.

E' niente bella l'anima, io ci vedo tutto negli occhi della gente. E' un lago pieno di cadaveri l'anima, un posto dove nuotano tutti i demoni che non vogliamo far vedere.

Io li vedo. Tutti ce li hanno, ogni essere vivente. Anche i ciechi. Ho provato a guardare nei loro occhi, erano tutti lì; ancora più cattivi per la mancanza di luce.

Li vedo da sempre, ho imparato a tenere lo sguardo inchiodato in basso, fissare il pavimento. Per me il mondo è un insieme di scarpe e gonne e pantaloni. Dicevano che ero strano, mia madre ripeteva che sarei finito da solo. E' niente bella la solitudine.

"Tieni su la testa." Mi sgridavano i professori. "Guarda che diventerai gobbo." Facile per loro. Facile per chi non vede, sanno niente dei demoni. Non li vedono.

Non li sognano.

A dodici anni l'ho visto. Ero già abituato a piegare lo sguardo a terra. Era un fagottino di pelo grigio a strisce nere, le zampe bianche. Un gattino di poche settimane, col naso rosa rivolto all'insù. Probabilmente travolto da una macchina, ucciso dallo schianto contro il marciapiede. Gli occhi aperti.

Ci vedevo il cielo in quegli occhi, solo il cielo e nient'altro. Allora ho capito cosa succede quando muori. E' per questo che si chiama pace eterna.

Non andai a scuola quel giorno, la mattina passò su quegli occhi e il loro miracolo.

Così cominciai a vagabondare in cerca di altri animali. Stavo in loro compagnia a volte parlavo, altre restavo solo a guardarli. Se avevano gli occhi chiusi, li aprivo delicatamente, senza disturbarli troppo, si sa mai.

E' così che ho incontrato il mio lavoro. Dicono che i miei animali sono i più belli, che hanno occhi così vivi ed espressivi.

Imbecilli!! Gli occhi dei vivi sono terribili, i miei animali hanno lo sguardo della pace eterna.

La sera chiudo il negozio, tagliando fuori i terribili sguardi. Chiudo tutto fuori bevendo pace e silenzio.

Le prendo la mano, l'ho portata vicino a me, alla mia sinistra. Carezze che mi ricordano mia madre. Ha occhi azzurri il mio amore, acqua che ho purificato, pelle morbida e bianca. La bacio sulle labbra a lungo. Il contatto è la cosa più bella.

Non ti osserva la pelle.

© Umberto Maggesi



Recensioni ed articoli relativi a Umberto Maggesi

(1) Nhan Bu il cuore della giovane tigre di Umberto Maggesi - RECENSIONE
(2) Nhan Bu - La scuola dello stagno di Umberto Maggesi - RECENSIONE

Testi di Umberto Maggesi pubblicati su Progetto Babele

(1) Il tizio della casa di Umberto Maggesi - RACCONTO
(2) Pazza di Umberto Maggesi - RACCONTO
(3) Il dono di Umberto Maggesi - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONT
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB


-

dal 2001-01-01
VISITE: 18247