Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    [19/06/2019] 8 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Premio Internazionale di Letteratura Città di Como scadenza 2019-06-20    Good Morning my future scadenza 2019-06-20    Antonietta Rongone scadenza 2019-06-25    Lo Splendore Del Talento - Scintille D’Arte - 2019 scadenza 2019-06-28    Cenerentola con gli stivali scadenza 2019-06-30    Elena M. Coppa scadenza 2019-06-30    Aneddoti dal cuore 2019 scadenza 2019-06-30    VERSI IN VOLO scadenza 2019-07-01    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi    RECENSIONI     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali     Insabel di Vera Ambra    I paradossi dell’esistenza di Laura Rapicavoli     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Alla mia terra di Agane, campi e acque sorgive     Joseph Conrad ovvero il mare professionale    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus


Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
32 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

RECENSIONE
Me and you and everyone we know

USA/UK 2005


Una recensione di Luca Toni - ltoni3@hotmail.com

Regia: Miranda July
Interpreti: John Hawkes, Miranda July, Miles Thompson, Brandon Ratcliff
Durata: h 1.30
Nazione: Usa 2005

Me and You and Everyone We Know è un film davvero singolare. Lo si capisce sin dall'inizio, da quella straordinaria scena del pesce rosso che viene dimenticato sul tetto di una macchina e rimane sospeso per minuti sopra l'auto in movimento in attesa dell'inevitabile momento in cui un accellerazione o un rallentamento lo destini alla morte. Scena quanto mai rappresentativa del film nel suo essere immagine esteticamente pura e metaforicamente rappresentativa del destino umano.

Questo è un film decisamente bello, decisamente poetico, di una poesia cinematografica, non letteraria. E' un film sulla potenza del cinema, dell'immagine nella sua purezza. Non deve essere interpretato alla luce di una trama che alla fine è flebile, è un film di suggestioni, di richiami, di momenti epifanici. E' lo sguardo di un bambino, di un dio o di un mistico, che poi forse sono la stessa cosa, lo sguardo di chi vede tutto sorgere per la prima volta. Ogni scena sembra avere un valore assoluto, ha senso da sola indipendentemente dalle altre. Si scardina il concetto di storia da raccontare per attingere alla unicità dell'immagine. Come dimenticare ad esempio la scena del quadro raffigurante un uccello che viene incastrato tra i rami di un albero nel giardino. Scena immaginifica, bella nella sua purezza estetica.

Che poi non è completamente vero che l'opera sia estranea all'idea di racconto. Solo che si tratta di un altra idea di racconto, si raccontano gli sguardi, le manie, le solitudini sopratutto. Ogni personaggio è chiuso in un mondo isolato da cui tenta disperatamente di uscire, di incontrare l'Altro. Ma l'altro pur sempre così vicino, così prossimo, sembra purtuttavia lontanissimo, inattingibile. Le solitudini non sono soltanto interiori ma reali, tangibili. I protagonisti di questo film conoscono poca gente, non riescono a modificare il corso irreale delle loro esistenze, La scrittura è surreale, sopra le righe ma efficacissima nel trasmette la fragilità di queste creature umane. Il tono sostanzialmente è quello della commedia (vi sono alcune scene decisamente esilaranti) ma come avvolto da una nebbia di malinconia che ognuno deve a poco a poco perforare per far emergere il proprio diritto costituzionale alla felicità.

In definitiva la scrittura della regista è straordinaria nel saper attingere alla primordialità del reale usando al meglio il mezzo tecnico a disposizione. Davvero si capisce a volte quanto la forza delle idee e del talento possano soppiantare la carenza economica e la disparità rispetto ai mezzi hollywodiani che poi producono a ripetizione filmoni senz'anima. E paradigmatico, bellissimo è il momento in cui si disvela il mistero del rumore che il bambino ode ogni tanto durante il film, un rumore metallico, un cingolio che sembra risuonare di un mistero originario, di quei riti che i primi uomini inventarono per dare un senso al caos del mondo. Si trattava solo di un uomo che la mattina prima di andare a lavoro batteva una moneta su un palo della strada. È quindi svelato il processo di trasfigurazione del quotidiano che sta alla base del film. Processo che consiste nel ritrovare il lato magico della realtà anche quella più banale. E l'interpretazione mistica sembra confermata dall'immagine del sole che per un attimo sembra diventare un immensa palla di fuoco, origine e fine di ogni vita.

Me and You and Everyone We Know è la potenza di uno sguardo infantile (quello del fratello più piccolo di uno dei protagonisti) unito alla tecnica e alla consapevolezza sofferente dell'adulto. E' l'amore per la vita nella sua totalità . E forse è lo sguardo a cui vanamente aspirava Nietzsche....

 

 

 

VISITE: 3895

© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.