Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    Dopo quindici anni, chiude la rivista Segreti di Pulcinella (ma resta il BLOG) (03/05/2018)    [15/12/2018] 6 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Un racconto da leggere insieme scadenza 2018-12-15    Riscontri letterari scadenza 2018-12-15    Antonio Mesa Ruiz scadenza 2018-12-15    SS. Faustino e Giovita scadenza 2018-12-15    Ritratti di Poesia.280: la poesia all’epoca di Twitter. scadenza 2018-12-20    Concorso Letterario Tre Colori scadenza 2018-12-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    La Rocca dei Poeti - IV edizione Festival di poesia (FESTIVAL 2018-12-15)    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Epiphaino di Guglielmo Campione     Fermento di Falesia di Stefano Giannotti     Guida ai cantautori italiani - Gli anni Settanta di Mario Bonanno     Epiphaino di Guglielmo Campione     Nuda Poesia (Poésie Dénudée) di Greta Cipriani    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
44 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
11 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Una vita nel mistero
regia di Stefano Simone
Pubblicato su SITO


Anno 2010 - ITALIA


Una recensione di Gordiano Lupi
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 18278
Media 79.79 %

Il primo lungometraggio di Stefano Simone

Stefano Simone debutta con un lungometraggio incoraggiante dopo le buone prove registrate in alcuni corti horror - thriller come Kenneth (2008) e Cappuccetto Rosso (2009).

Una vita nel mistero è un film difficile che parla di fede, speranza, amore coniugale ed eventi miracolosi, ascrivibile al genere drammatico, sostanzialmente religioso, ma ricco di effetti speciali e di rimandi alla cinematografia di genere italiana. “Il cuore ha le sue ragioni che la ragione non conosce”, è la citazione filosofica presa in prestito da Blaise Pascal per introdurre lo spettatore in un’atmosfera misteriosa. Simone dirige con semplicità e sicurezza una storia sceneggiata in maniera lineare da Emanuele Mattana, senza omissioni e imperfezioni, che ha il solo limite di alcuni dialoghi troppo impostati.

La storia racconta l’amore di una coppia borghese che travalica la vita terrena, i piccoli gesti di tenerezza del marito, la grande fede che unisce entrambi, gli eventi miracolosi che portano prima a una guarigione inspiegabile e quindi alla morte della donna. La pellicola racconta per immagini, tra dissolvenze e visioni suggestive, per una precisa scelta del regista che ricorre al dialogo solo quando non ne può fare a meno. La colonna sonora di Luca Auriemma è fondamentale nell’economia del film, a tratti pare ispirarsi alla musica sacra e riproduce un crescendo di tensione nei momenti decisivi della storia. Simone è bravo anche nel montaggio, perché il film gode di buona tensione - pur non essendo un thriller - e lo spettatore segue con trasporto la vicenda. La fotografia è un ulteriore punto di forza che induce ad apprezzare paesaggi marini di Manfredonia e suggestive ambientazioni campestri. La fotografia e la musica sono un mix interessante, studiato nei minimi particolari, una vera e propria fusione di sonorità e immagini priva di sbavature. Lo stile di regia è sobrio ed essenziale, Simone guida gli attori con sicurezza e i due protagonisti (Tonino Pesante e Dina Valente) recitano con bravura, pure se risentono di un’impostazione squisitamente teatrale.

Stefano Simone mette in pratica tutta la sua conoscenza del cinema fantastico, dimostrando di aver appreso la lezione di Michele Soavi e del suo San Francesco televisivo. Simone è consapevole che non esiste tematica più fantastica che raccontare i miracoli di un santo, per questo guida la macchina da presa alla scoperta di pendole che si fermano, asciugamani che assumono forme surreali, nubi che disegnano lotte tra bene e male, fotografie impressionate da eventi anomali e volti di Padre Pio ricavati da molliche di pane. I tempi del film non sono dilatati, se escludiamo qualche passeggiata di troppo e un paio di sequenze inserite per raggiungere i tempi canonici di un lungometraggio. Simone riesce a fondere una forte tematica minimalista come quella dell’amore coniugale con elementi visionari, onirici e fantastici. Non era un compito facile. Sembra che il giovane regista pugliese abbia studiato a fondo il cinema di Ingmar Bergman, soprattutto Scene da un matrimonio (1973), ma anche altre pellicole del grande svedese intrise di elementi fantastici. L’incontro del vecchio sulla panchina del parco che si ripeterà in un vicolo oscuro della città rappresenta un importante momento di tensione e lascia indecisi sulla sua natura soprannaturale. La finestra che si apre, la candela che si spenge, la rivista che si sfoglia da sola sono una serie di episodi che servono a far capire l’evento miracoloso. Vediamo l’immagine di un cuore ricavata da una goccia di caffè, il fazzoletto piegato che sembra un angelo, il telefono che squilla a vuoto. Il fantastico è fuso con un tenero amore coniugale, ricco di fede (sarà lui a darci la forza, non ci abbandonerà), preghiera e devozione a Padre Pio. Simone è consapevole di girare cinema religioso, ma non lo rende stucchevole e pietistico, la sua è una religiosità pasoliniana fatta di piccoli gesti quotidiani e di grande amore per la vita. Il santo vive insieme alla coppia e lotta al loro fianco contro il male, salva la donna dalla morte per tumore, ma in seguito non può evitare che venga fatta la volontà divina. Nella parte finale apprezziamo alcune scene di puro cinema horror che Simone inserisce con bravura. In un negozio di scarpe appare e scompare un frate fantasma, personificazione della morte, che successivamente torna a sconvolgere i sogni di moglie e marito. La parte onirica che porta alla morte della donna è ben fatta, possiamo dire che si tratta di ottimo cinema fantastico ricco di suggestioni orrorifiche. Vediamo il male che lotta contro il bene, ma questa volta Padre Pio non può sconfiggere la morte perché l’ora della separazione terrena è giunta. Gli effetti speciali sono ottimi, la scena madre colpisce a dovere e lascia in sospeso lo spettatore sui motivi del decesso. Rivediamo il marito al cimitero mentre compie i gesti d’un tempo e compra rose rosse per la moglie scomparsa. Ritorna il frate, rappresentazione della morte, segue l’uomo nel parco, scompare e infine si allontana nel sole. “Dio è ovunque”: una religiosità francescana mostra l’immagine di Padre Pio anche nel pane quotidiano. La solitudine del protagonista è totale, anche se resta il ricordo della moglie, unito al grande amore per la fotografia e a una fede potente. Una vita nel mistero è un buon lavoro di esordio che fa ben sperare per le future prove di Stefano Simone, regista caratterizzato da una marcata vena horror - fantastica. Il giovane regista pugliese ci consegna un’opera che va oltre le classificazioni di genere, utilizza momenti onirici e visionari, ma riesce anche a far pensare.

Origine: Italia. Anno di produzione: 2010. Durata 86’. Genere: Drammatico. Formato: 16:9 widescreen (1.77:1). Audio: Stereo PCM. Regia: Stefano Simone. Soggetto e Sceneggiatura: Emanuele Mattana. Musiche: Luca Auriemma. Fotografia e Montaggio: Stefano Simone. Costumista: Dora De Salvia. Produzione: Jaws Entertainment. Interpreti: Tonino Pesante, Dina Valente, Francesco Granatiero, Don Antonio D’Amico, Cosimo S. Del Nobile, Lello Castriotta, Amilcare Renato, Grazia Orlando, Sabrina Caterino.


Una recensione di Gordiano Lupi





Recensioni ed articoli relativi a Stefano Simone

Nessun record trovato

Testi di Stefano Simone pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Gordiano Lupi

(1) Fermento di Falesia di Stefano Giannotti - RECENSIONE
(2) Guida ai cantautori italiani - Gli anni Settanta di Mario Bonanno - RECENSIONE
(3) Capelli struggenti di Franz Krauspenhaar - RECENSIONE
(4) L’incredibile vicenda che portò Jack Lanarco a salvare l’iperspazio da fine certa di Vincenzo Trama - RECENSIONE
(5) Polaroid di Davide Rocco Colacrai - RECENSIONE
(6) Ce sto io … poi ce sta De Niro - Mario Brega Biografia di Ezio Cardarelli - RECENSIONE
(7) Breve inventario di un’assenza di Michele Paoletti - RECENSIONE
(8) Coraline di Neil Gaiman Adattato e ilustrato da P. Craig Russell - RECENSIONE
(9) A Sud dell’Alameda - Diario di un’occupazione di Lola Larra e Vicente Reinamontes - RECENSIONE
(10) Ho sognato di vivere - Variazioni sul tema del tempo in Roberto Vecchioni di Mario Bonanno - RECENSIONE
(11) Le case del malcontento di Sacha Naspini - RECENSIONE
(12) Laura Morante, in punta di piedi di Stefano Iachetti - RECENSIONE
(13) Verde Limone di Marcial Gala - RECENSIONE
(14) Amore incompatibile di Francesco Dell´Olio - RECENSIONE
(15) Andata e ritorno di Elena Ciurli - RECENSIONE
>>Continua (click here)

 

Altre recensioni:



-

dal 2010-12-17
VISITE: 38927


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.