© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Il gruppo di Progetto Babele su Facebook
SCARICA GRATUITAMENTE LA RIVISTA IN FORMATO PDF ACQUISTA UNA COPIA STAMPATA DELLA RIVISTA SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Contatta il WebMaster help&faq
 
 
PB NEWS:    [29/09/2014] Res ineffabile - Annotazioni critiche a margine di Tutto il ferro della torre Eiffel    [13/06/2012] Terremoto in Emilia - sospensione temporanea attivitÓ Progetto Babele    [18/03/2012] NovitÓ in arrivo per le edizioni Anordest    [13/10/2011] Il cacciatore di titoli    [19/01/2017] 10 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Mystery in history scadenza 2017-01-20    ULTIMI INSERIMENTI SUL SITO AL 19/01/2017    Recensioni     Io non sono la Coop di Alessandro Angeli     Malbianco di Sandro Capodiferro     Il ponte delle Vivene di Davide Dotto     Leo Longanesi - Il borghese conservatore di Francesco Giubilei    Il segno del telecomando - Dallo sceneggiato alla fiction di Biagio Proietti ľ Maurizio Giannotti    Il parere di PB     PapÓ mi presti i soldi che devo lavorare? di Alessia Bottone    Le rose di Eusebia di Claudio Secci    La lama nera di Dario De Judicibus    
 
 
Email
PSWD
CONSIGLI DI LETTURA
Arretrati e copie stampate
PB International
PB Interactive
IN PRIMO PIANO


OnlineUtenti connessi: 11
Utenti collegati in chat 0

Dal 01/01/2003
questo sito ha generato
17.373
esposizioni

 
     

The Blind Side
regia di John Lee Hancock
Pubblicato su SITO



Anno 2010 - USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue


Una recensione di Elisabetta Rotondi
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 6365
Media 79 %

I 'blind sides' sono le zone cieche nel football americano, quelle dove il quarterback regista della partita non può vedere ai lati, perciò necessita di un giocatore d'attacco che lo difenda dai placcaggi laterali degli avversari. Film del 2009, dal titolo emblematico per una storia vera che ha da sfondo quella della società americana divisa nettamente tra ricchi e poveri, 'lontani' nello stesso quartiere. Big Mike, ragazzone di colore, adolescente senzatetto di periferia verrà accolto in città da una ricca famiglia repubblicana. Grazie all'amore della sua nuova comunità, con sacrificio e lottando contro il dolore, potrà frequentare uno dei migliori college americani, diventando un grande giocatore di football.

Figlio di una tossicodipendente e di un padre che non ha mai voluto riconoscerlo, andando via pochi giorni dopo la sua nascita, Michael Oher trascorre la maggior parte del tempo per strada, tra teppisti e gang locali, risse ed episodi di bullismo. Un uomo di colore lo accoglie in casa sua per qualche giorno, ospitandolo sul suo divano, ma la moglie non acconsente a farlo restare lì a lungo. Big Mike, a soli diciassette anni, si ritrova per strada, ma una sera accadde qualcosa di davvero inaspettato. Sotto la pioggia, si dirige verso la palestra scolastica, quando un grosso BMW si ferma per farlo attraversare. Leigh Anne Tuohy, la madre di un suo compagno di scuola, gli chiede se avesse un posto dove stare quella notte usando l’espressione 'non provare a mentirmi', che sarà poi riutilizzata da Mike in un altro importante momento della storia. Quel gigante buono, che tutti evitavano e deridevano, da quella sera avrà un letto per la prima volta nella sua vita, ma soprattutto una famiglia. Sarà di fatti adottato e costantemente seguito dai genitori, superando il dolore anche grazie alla passione per lo sport. Otterrà buoni voti in tutte le materie e scoprirà il senso dell’essere amato. Il film termina con il ricordo di un altro ragazzo morto durante una rissa nella stessa strada in cui aveva abitato Mike. L’intera narrazione cinematografica fa riflettere sulle reali possibilità di togliere da quartierei poveri ragazzi come Michael Oher, adottandoli e dando loro fiducia.

Spettacolare è l'interpretazione di Sandra Bullock nel ruolo di Leigh Anne. L’attrice per questo ruolo ha ricevuto il premio Oscar 2010 come miglior attrice protagonista.


Una recensione di Elisabetta Rotondi





Recensioni ed articoli relativi a John Lee Hancock

(1) The Blind Side di John Lee Hancock- RECENSIONE CINEMA

Testi di John Lee Hancock pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Elisabetta Rotondi

(1) Hamlet di Kenneth Branagh- RECENSIONE CINEMA
(2) Becoming Jane di Julian Jarrold- RECENSIONE CINEMA
(3) Le brave ragazze combiano guai di Polly Williams - RECENSIONE
(4) Esco a fare due passi di Fabio Volo - RECENSIONE
(5) Mille splendidi soli di Khaled Hosseini - RECENSIONE
(6) Sillabario dei tempi tristi di Ilvo Diamanti - RECENSIONE
(7) Io e te di Niccol˛ Ammaniti - RECENSIONE
(8) Giovent¨ sprecata di M.Iezzi e T.Mastrobuoni - RECENSIONE

 

Altre recensioni:



-

dal 2012-02-10
VISITE: 6