Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [18/10/2019] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    “Linee di Paesaggio” scadenza 2019-10-28    Concorso per artisti emergenti scadenza 2019-10-30    Motori & Passioni scadenza 2019-10-31    Ve- Leggiamo scadenza 2019-10-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
32 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
5 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Istanbul
di Orhan Pamuk
Pubblicato su SITO


Anno 2006 - Einaudi
Prezzo € 18,50 - 388 pp.
ISBN 9788837072407

Una recensione di Simonetta Cestarelli
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 7082
Media 79.32 %



Istanbul

Titolo originale: Istanbul. Hatiralar ve Sehir

"...Parlo del colore dei cipressi, dei boschi bui nelle valli, delle abitazioni di legno trascurate, sgombrate e abbandonate, delle barche arrugginite e malmesse, della poesia delle navi e delle ville dello stretto che soltanto chi ha passato la vita su queste rive può capire; parlo del sapore della vita tra le rovine di una civiltà una volta grande, maestosa e originale, della voglia di un bambino, che non bada affatto alla storia e alle epoche, di essere felice, di divertirsi, di comprendere questo mondo, e delle indecisioni e dei dolori di uno scrittore ormai cinquantenne, dei desideri che lui chiama vita e delle sue esperienze..." Bella e struggente la descrizione del Bosforo che incontriamo in "Istanbul" di Orhan Pamuk scrittore turco celebre forse più all'estero che in patria, recentemente insignito del premio Nobel per la letteratura, premio assegnato non solo in relazione al suo impegno come scrittore e uomo di cultura, ma com'è messo in evidenza dalla presentazione alla premiazione a Oslo: "nel ricercare l'anima malinconica della sua città natale, ha scoperto nuovi simboli per rappresentare scontri e legami fra diverse culture" con un chiaro riferimento a questo libro. Orhan Pamuk in questo romanzo ripercorre la sua vita; figlio di una famiglia benestante, un'infanzia senza scossoni agitatamente serena e piena di affetti , seguita da una adolescenza ricca di letture,il seguente approccio con la pittura; gli affetti della famiglia che vive tutta nel bel Palazzo Pamuk, dove tutt'ora lo scrittore conserva il suo studio, i momenti felici, insieme ai litigi dei genitori contribuiscono a descrivere una autobiografia dello scrittore. Il racconto apre poi finestre sul mondo esterno fatto degli avvenimenti e la storia della città con l'aiuto dei giornali dell'epoca per poi ripiegare ancora sulle vicende personali; i rovesci economici della famiglia e ancora l'amore per il mare. Ricche e bellissime le pagine che descrivono il Bosforo, i sobborghi, la sua vita di bambino sempre in rivalità con il fratello, la partenza per gli Stati Uniti e la conclusiva certezza di avere capito che cosa voleva fare della sua vita e cioè "essere uno scrittore". La cronologia dei capitoli è dettata dall'incedere della narrazione non ha un filo logico apparente se non quello dei ricordi che come per tutti seguono le emozioni. L'Istambul di Pamuk non è solo uno scenario al racconto, diventa soggetto, si anima della sua storia di una sua identità e diventa a sua volta protagonista del libro. Fotografie di Pamuk bambino, della famiglia e degli interni familiari e fotografie in bianco e nero della città, prevalentemente immagini invernali, che fanno da supporto visivo alle descrizioni. Istanbul in bianco e nero come ce la racconta quasi priva di colori ma solo un gioco di luci ed ombre che raccontano tristezza e malinconia per un passato glorioso e purtroppo perduto, i cui fasti si riconoscono nelle rovine, nelle case decrepite che conservano il ricordo di quello che Istambul è stata l'opulenza dei tempi passati di un impero che decadendo non è riuscito a contrapporsi all'inevitabile attacco della modernizzazione. Qui come negli altri libri Pamuk riprende il tema dell'appartenenza e dell'identità attraverso la tristezza "huzun" di cui parla appassionatamente Pamuk, una tristezza che racchiude sia il fascino della città quanto i suoi limiti, che sente quasi come suoi frutto della storia importante di un impero ottomano tramontato, della conseguente miseria, il degrado il senso di sconfitta, la crescita demografica ,le guerre perse una dopo l'altra e l'occidentalizzazione. Le descrizioni di Pamuk ci trascinano nei vicoli della città quei luoghi non turistici che nessun turista vede nel tentativo di ricostruire una Istanbul libera dalla miseria e dalla tristezza per ridarle quel fascino quella languida malinconia che ancora oggi traspare dietro l'inevitabile occidentalizzazione.Come dice lo stesso autore "Tutto attorno c'è molto rumore, e cemento, dappertutto. Ma i cambiamenti di superficie non significano niente: a conoscerla davvero, questa è la Costantinopoli di sempre. Il suo fascino è intatto."


Una recensione di Simonetta Cestarelli






Recensioni ed articoli relativi a Orhan Pamuk

(1) Istanbul di Orhan Pamuk - RECENSIONE

Testi di Orhan Pamuk pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Simonetta Cestarelli

(1) Lo spazio bianco di Valeria Parrella - RECENSIONE


 

Altre recensioni:






-

dal 2009-10-29
VISITE: 11773


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.