Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [06/12/2019] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Ironicomico2 scadenza 2019-12-06    Festival Nazionale di Poesia per e dei Bambini scadenza 2019-12-14    La diversità dell'Italia scadenza 2019-12-20    Concorso Letterario Tre Colori scadenza 2019-12-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    CartaCarbone Festival tutto l’anno | Lo scrittore Andrea De Carlo per l’ultimo evento 2019 di CartaCarbone - Una di Due, anniversari che coincidono (PRESENTAZIONE 2019-12-07)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
29 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Fine ottanta, novanta quasi
di Alba Gnazi
Pubblicato su SITO


Anno 2010 - Linee Infinite Edizioni
Prezzo € 9,00 - 166 pp.
ISBN 9788862470339

Una recensione di Cinzia Baldini
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 5866
Media 79.37 %



Fine ottanta, novanta quasi

A volte ritorna… Si, il tempo trascorso e dimenticato, a volte ritorna in modo infido, insinuante, ammaliatore oppure sensuale, accattivante e adulatore o, molto più semplicemente, quando meno te lo aspetti, si ripresenta sotto forma di una vecchia “cartolina dai bordi un po’ consumati, dalla scritta giallognola – i punti esclamativi erano due, ne rimane visibile solo uno-, usurata dal tempo e dai passati, innumerevoli maneggiamenti, a riportare quei giorni, quegli anni, ai bordi della memoria”. In “Fine ottanta, novanta quasi” il romanzo con cui Alba Gnazi esordisce, a buon diritto, nel mondo della narrativa, troviamo una rappresentazione dai contorni molto ben definiti di questo elemento, innato e originario, che accompagna la vita di ogni essere vivente. La vicenda narrata si sviluppa nel periodo storico così chiaramente definito dal titolo: la fine degli anni ottanta e gli inizi degli anni novanta del secolo che ci siamo appena lasciati alle spalle. Il tempo che, scorrendo a tratti in un rivolo pacifico e tranquillo in altri, in una fiumana impetuosa e travolgente, diversifica qualitativamente l’umana esistenza. Il suo fluire implacabile ed irreversibile, viene arricchito, capitolo dopo capitolo, dall’apporto costante di nuova potenza vitale: sentimenti, emozioni, dolore, sofferenza, che, come affluenti, convergono in esso. Queste acque primordiali, sulle cui rive si specchiano scenari, paesaggi e situazioni di vita reale, vera, vissuta, assumono di volta in volta un aspetto limpido e cristallino oppure fermo e limaccioso a seconda che riproducano momenti di intensa gioia e immagini di pacata serenità oppure, rimandino a situazioni malinconiche e ad eventi drammatici. Non di rado, poi, si ramificano originando piccole polle o si disperdono, inaridendosi, nel terreno. Così, in maniera del tutto naturale, galleggiando nel tempo, filtrando dai ricordi si disvela la storia di “Fine ottanta, novanta quasi”. La trama è molto semplice, ma su di essa si avviluppano argomenti difficili, complicati, scottanti, come possono essere quelli che scaturiscono dal “contrasto generazionale” o per meglio dire dal difficile rapporto genitori/figli. Come opportunamente ci fa notare l’autrice, le conseguenze che ne derivano, non sono meno gravi delle cause che li hanno generati. Nel libro si parla, infatti, della totale mancanza di dialogo tra queste due componenti basilari della famiglia, se si vuole circoscrivere il discorso in un ristretto ambito personale, altrimenti, della società, se lo si trasferisce in una panoramica più ampia e generale; delle incomprensioni latenti o dichiarate; degli stati di depressione giovanile o, nei casi ancora più gravi, della volontà di autodistruzione fisica praticata attraverso quelle tecniche perverse, avvilenti e mortificanti che i medici definiscono “problemi di disordine alimentare”. L’autrice, in alcuni paragrafi fortemente drammatici, senza perdersi o indugiare in chiacchiere inutili ma servendosi di pochi tratti decisi e potenti, offre al lettore, con sconvolgente vividezza, le immagini delle crisi di bulimia che squassano il corpo e la mente di Lucia, una delle giovani protagoniste di questo romanzo: “… racconta delle scorte di cibo che tiene nei cassetti, tra i calzini e le magliette, a quelle che infila nella scarpiera. Racconta delle sensazioni che prova, del senso di vuoto che l’assale e la lascia agghiacciata e quasi incapace di respirare prima dell’attacco della Bestia; racconta delle dita che sanno dove andare quando lo stomaco deve crearsi spazio; racconta delle volte infinite in cui, dopo aver creato spazio, torna in cucina e ricomincia daccapo come se non avesse assorbito niente”. Di contro, a bilanciare la crudezza di una realtà che in molti, ancora preferiscono ignorare o fingere di non vedere, c’è la solare figura di Tina, l’altra protagonista principale, che accende di luce il romanzo con la sua presenza fresca e radiosa: “Le mura rimbombano e tutta la casa sembra prendere vita dalla sua presenza, dal frastuono colorato che porta con sé, dal suo odore –un sentore lieve di sudore e vaniglia, chewing gum e deodorante al mughetto. Ha le labbra rosse e le guance paonazze. Affacciandosi in cucina, cerca di ricomporsi, abbassa lo sguardo, chiede cosa c’è per cena e ruba un pezzetto di crostata di more, annusandola golosa e leccandosi le dita, ma non guarda sua madre negli occhi. La sua espressione è sognante, imbarazzata”. Entrambe giovanissime, da poco uscite dall’adolescenza, ognuna con il suo carattere ancora in via di maturazione, fanno il loro ingresso sul palcoscenico della vita. Le problematiche sia di ordine psicologico che di carattere pratico che dovranno affrontare, il passaggio dalla scuola media a quella superiore, i problemi familiari, i primi turbamenti ormonali, le porteranno a crescere in fretta e ne segneranno per sempre le personalità anche se in maniera diversa l’una dall’altra. Benché “Fine ottanta, novanta quasi” sia un romanzo e non un saggio, Alba Gnazi non si è limitata a confezionare per i suoi lettori una semplice fotografia a colori di questo senso di inadeguatezza e di disagio sia dei giovani che delle famiglie, ma prova a ricercarne cause e responsabilità e le offre al lettore, attraverso i dialoghi e le riflessioni delle figure, principali e secondarie, che si avvicendano nella storia. Si evince chiaramente, infatti, che dietro le pagine del libro c’è stato un approfondito e scrupoloso lavoro di documentazione e di ricerca di testimonianze dal vivo. Uno dei meriti, a mio avviso, da riconoscere all’autrice è quello di aver rielaborato e, quindi, riproposto, con sensibilità tipicamente femminile, alcuni temi di patologica sofferenza collettiva. La Gnazi, insomma, ha sferrato, con grazia, un violento pugno nello stomaco alla società attuale che rincorrendo effimeri piaceri e crogiolandosi dietro insulsi, falsi principi non riesce a dare certezze e motivazioni esistenziali adeguate, alle nuove generazioni. I brani musicali, citati spesso durante il racconto, come le brevi liriche che, a tratti, spezzano piacevolmente la lettura e il finale in crescendo, pieno di speranza, danno il giusto tocco di originalità al romanzo e ne permettono la fruibilità ad una vasta gamma di pubblico, dagli adolescenti ai nonni, passando per le generazioni di mezzo dei fine ottanta, novanta quasi.


Una recensione di Cinzia Baldini






Recensioni ed articoli relativi a Alba Gnazi

(1) Verdemare - Cronologia inversa di un andare di Alba Gnazi - RECENSIONE
(2) Fine ottanta, novanta quasi di Alba Gnazi - RECENSIONE

Testi di Alba Gnazi pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Cinzia Baldini

(1) Epiphaino di Guglielmo Campione - RECENSIONE
(2) Ukemì di Pia Barletta - RECENSIONE
(3) Incunabolo di Riccardo Merendi- Il Parere di PB
(4) La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora - RECENSIONE
(5) Memorie di un ragazzo di borgata di Mario Rosati - RECENSIONE
(6) Il ritorno di Nibiru di Massimo Fratini - RECENSIONE
(7) Io sono respiro puro di Maria Fornaro - RECENSIONE
(8) Il lungo cammino del fulmine di Guglielmo Campione - RECENSIONE
(9) Brando Street. La scomparsa di una comparsa di Marisa Cecchetti - RECENSIONE
(10) L`odore della notte di Paolo DAnna - RECENSIONE
(11) Templar Order di Domizio Cipriani - RECENSIONE
(12) Il diciassettesimo Conte di Patrizia Marzocchi - RECENSIONE
(13) Le reliquie di Sarajevo di Paolo D Anna - RECENSIONE
(14) Malbianco di Sandro Capodiferro - RECENSIONE
(15) Il ponte delle Vivene di Davide Dotto - RECENSIONE
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:






-

dal 2010-04-30
VISITE: 9455


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.