Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [13/12/2019] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Festival Nazionale di Poesia per e dei Bambini scadenza 2019-12-14    La diversità dell'Italia scadenza 2019-12-20    Concorso Letterario Tre Colori scadenza 2019-12-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Fiori ciechi
di Maria Antonietta Pinna
Pubblicato su SITO


Anno 2012 - Annulli
Prezzo € 9,00 - 144 pp.
ISBN 8895187350

Una recensione di Cinzia Baldini
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 1340
Media 78.07 %



Fiori ciechi

"I fiori... I fiori, sono le creature più dolci che Dio abbia mai fatto e alle quali si sia dimenticato di infondere un'anima" dice in un famoso aforisma H.W. Becheer ma in FIORI CIECHI, il libro d'esordio di Maria Antonietta Pinna le cose non stanno esattamente così.
I fiori, protagonisti del primo dei due racconti che compongono il volume, hanno un'anima, una personalità e soprattutto un carattere d'acciaio.
Durante la lettura ci si dimentica persino che essi siano davvero delle creature dolcissime che rallegrano gli occhi con i loro colori e il cuore con il loro profumo. Sarà perché la Pinna con una tecnica di scrittura efficacemente concisa, diretta e visiva ce li mostra sotto un'ottica che nessuno si aspetterebbe.
Siamo a Florandia, ovviamente, la nazione dei fiori. Una repubblica dove, in pace e serenità, governano i garofani. La specie preponderante è quella rossa ma ce ne sono altre varietà come i neri, i gialli, i rosa, gli screziati e tutti vivono in perfetto accordo e armonia. Ma in un triste giorno Pistillo, un politico arrivista e senza scrupoli, scatena una guerra civile per motivi economici, di espansione territoriale e per la supremazia della razza dei garofani rossi, che dilanierà il paese rendendo i fiori ciechi di odio e di disprezzo per la vita altrui, proprio come era accaduto secoli prima agli esseri umani, razza ormai estinta e menzionata solo nei racconti di nonno Petalo. "La fine del mondo. Silenzio denso, palpabile, muto come un mafioso. Non c'è vento. Rais, il Sole, è scomparso nelle limpidità profonde della salsa acqua marina. Gli uccelli non cantano più. Non esistono. Nessun rumore di anima viva. Completa assenza. Vuoto, padrone dello spazio. Vertigine. Gli uomini e quasi tutti gli animali sono morti, fagocitati dal ventre stesso della terra. Quelli che restano sono come di gesso, pietrificati dagli eventi. Non riescono ad esprimere alcun suono. L'aria violacea crea un'atmosfera da incubo. Ghiaccio dappertutto. Un freddo terribile, pungente, che rompe le ossa. Peccato che non ci siano quasi più ossa da rompere, soltanto carambole di nuvole viola che si addensano nel cielo. Minacciose, tragiche e irreali. Nessun occhio può vederle, semplicemente perché non ci sono occhi. Non ci sono neppure angeli o demoni come ci si sarebbe aspettati. Dio non si vede da nessuna parte e neppure fa sentire la sua voce. Gaia, la Terra, freme di soddisfazione per aver annientato la razza umana. Stanca dell'idiozia di quei ridicoli animali a due gambe, ha agito. Dapprima tremiti leggeri, insistenti sussulti. Poi si è aperta in due e ha inghiottito tutto, senza distinzione. Quindi si è richiusa, non senza provare dolore."
L'effetto delle frasi brevi come la scelta dei vocaboli è potente. Esse colpiscono l'immaginazione del lettore più di qualunque prolissa descrizione.
"Gutta cavat lapidem" dicevano i latini e la Pinna scava, incide, sferza la mente, costringe all'attenzione, a guardare oltre le apparenze, fino a costruire in un crescendo di situazioni evocatorie, paradossali e al limite dell'assurdo un colpo di scena nel colpo di scena: la storia di Florandia e della guerra non è altro che una sceneggiatura teatrale in corso di allestimento e Tibbs, l'autore "inventore" di Florandia, in crisi con il regista si trova a dover riscrivere, in una manciata di giorni, un finale che colpisca il pubblico. All'uscita del teatro Tibbs, assorto nei suoi pensieri, inciampa e cade ma viene soccorso dalla sua ombra che, al corrente della novità, sostiene il suo protetto e insieme iniziano un percorso interiore di ricerca che li porterà proprio a... Florandia, ossia nella mente dello sceneggiatore!
Questo viaggio interiore alla ricerca del proprio io, dell'ispirazione, del sogno, permetterà a Tibbs di ritrovare la capacità di pensare con la propria testa tanto che la nascita di un'idea è descritta dalla Pinna come un vero e proprio parto con tanto di travaglio, ostetrica e assistenti anche se non mancano pozioni magiche, incantesimi e la figura simpaticissima della maga Gabrina.
"La neonata intanto è cresciuta, in pochi minuti. Si direbbe una fotocopia di Pistillo, soltanto un po' più brutta, con un non so che di ferino. Cammina nella stanza, liberamente, si siede accanto a Pistillo, ormai attonito, fuori di sé. Egli alza la foglia. Ordina al tenente Radice di immergere l'elsa della sua spada nel cuore dell'idea appena partorita. Siamo impietriti, incapaci di ribellarci. Del resto i militari ci tengono d'occhio, con le armi puntate. Il soldato, riluttante, esegue l'ordine di Pistillo. Affonda l'arma. Ma l'idea ride e non muore. Non muore perché non si può ammazzare un'idea, sia essa buona o cattiva: lapalissiano! Pistillo invece si accascia. È finita la parabola dei suoi giorni a Florandia. L'idea ride sul suo cadavere simile ad un inerte pupazzo, ci saluta cortesemente ed esce dalla stanza. Si perde nel mondo. Anche noi usciamo. Abbiamo bisogno di respirare. Ogni parola ci sembra superflua. Silenzio per pochi significativi minuti. Cala il sipario. Applausi del pubblico.
Il finale è piaciuto."
Tibbs ha ottenuto il successo, la riscoperta di sé, la rinascita delle proprie idee, ha preso consapevolezza dei propri limiti e delle proprie capacità, si è riappropriato della sua ispirazione, dei suoi ritmi temporali. In poche parole è tornato padrone della sua vita, ha ritrovato quell'identità che aveva smarrito nel corso di un'esistenza frettolosa e costruita su falsi principi, si è riscoperto uomo nella sua dimensione umana, insomma si è reinventato, ha trovato nuove motivazioni per andare avanti e cavalcare di nuovo la vita. Si è lasciato alle spalle l'abulia, la negatività, la morte psicologica e fisica procurata da un'esistenza anestetizzata, soverchiata dal male di vivere.
Tutto è bene ciò che finisce bene dunque...
Ma il lettore non ha il tempo di tirare il classico sospiro di sollievo che Maria Antonietta Pinna lo travolge piacevolmente con l'ultimo racconto che compone il volume di FIORI CIECHI: I Probobacter.
"L'evidenza scandalosa ed oscena dei nostri rifiuti sparsi dappertutto ci faceva male, non soltanto perché avevamo paura delle malattie o di qualche straordinaria e mortale epidemia, ma anche per una questione più metafisica e sottile. I rifiuti rappresentavano il nostro lato oscuro, quello che non deve essere visto né annusato dagli altri. Lo scarto era un inconscio sinonimo di cattiva coscienza. Finché riuscivamo a sotterrarlo, ad occultarlo da qualche parte, non ci pensavamo. Come cattivi domestici nascondevamo la polvere sotto il tappeto. Solo che ad un certo punto quella polvere vien fuori e ha l'effetto di una bomba. Bisognava trovare al più presto un rimedio...»". Ecco servito, senza "infiocchettamenti" ma con crudo realismo, un tema scottante e quanto mai attuale come quello dell'inquinamento.
Oltremodo "gustosi" da leggere i paragrafi tragicamente ironici e volutamente beffardi con cui l'autrice inizia e porta avanti la storia familiare e professionale di colui che viene acclamato quale salvatore del mondo per aver geneticamente modificato un vile batterio comune e averlo trasformato in un Probobacter mangiatore di rifiuti, il quale, alla fine, si ritroverà insieme agli altri esseri viventi a rischio di estinzione incalzato dalla voracità della sua mostruosa creatura.
L'idiozia umana, la presunzione, la sete di gloria, di fama, di ricchezza, il delirio di onnipotenza, l'arroganza della scienza che vuole sostituirsi alla coscienza, la prevaricazione del limite dell'eticamente corretto e sostenibile sono ridicolizzati, esposti al pubblico ludibrio, messi alla berlina senza pietà né attenuanti.
La particolare vena creativa sarcastica, impertinente, pungente e canzonatoria è la classica "marcia in più" che consacra la Pinna quale autrice di qualità e la pone controcorrente, oltre i soliti, spesso noiosi, triti e ritriti, schemi letterari che oggi fanno tendenza.
Con la sua frusta avvolta nel velluto e la mano guantata Maria Antonietta Pinna "castigat ridendo mores" e con lucida razionalità, senza alzare la voce ma con energica determinazione, ammonisce severamente a ritrovare la strada maestra, l'armonia universale, i ritmi naturali e il rispetto di sé e del mondo che ci è stato temporaneamente affidato pena la disumanizzazione, la follia e il nulla.
FIORI CIECHI è dotato di una forte personalità, pari a quella della sua autrice e di un'indiscutibile originalità riscontrabile nella scelta dei protagonisti, degli argomenti, della morale esplicita ma non scontata. Un libro che oso definire per palati raffinati che non si accontentano solo di leggere ma che amano riflettere su ciò che un autore pone al vaglio della loro sensibilità letteraria.


Una recensione di Cinzia Baldini






Recensioni ed articoli relativi a Maria Antonietta Pinna

(1) Mister Yod non può morire di Maria Antonietta Pinna - RECENSIONE
(2) Fiori ciechi di Maria Antonietta Pinna - RECENSIONE

Testi di Maria Antonietta Pinna pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Cinzia Baldini

(1) Epiphaino di Guglielmo Campione - RECENSIONE
(2) Ukemì di Pia Barletta - RECENSIONE
(3) Incunabolo di Riccardo Merendi- Il Parere di PB
(4) La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora - RECENSIONE
(5) Memorie di un ragazzo di borgata di Mario Rosati - RECENSIONE
(6) Il ritorno di Nibiru di Massimo Fratini - RECENSIONE
(7) Io sono respiro puro di Maria Fornaro - RECENSIONE
(8) Il lungo cammino del fulmine di Guglielmo Campione - RECENSIONE
(9) Brando Street. La scomparsa di una comparsa di Marisa Cecchetti - RECENSIONE
(10) L`odore della notte di Paolo DAnna - RECENSIONE
(11) Templar Order di Domizio Cipriani - RECENSIONE
(12) Il diciassettesimo Conte di Patrizia Marzocchi - RECENSIONE
(13) Le reliquie di Sarajevo di Paolo D Anna - RECENSIONE
(14) Malbianco di Sandro Capodiferro - RECENSIONE
(15) Il ponte delle Vivene di Davide Dotto - RECENSIONE
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:






-

dal 2013-04-29
VISITE: 1036


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.